Quante fragole a dieta? Fanno ingrassare?

Le fragole sono il primo frutto "estivo" che troviamo nei supermercati, e guardacaso arrivano proprio in coincidenza con il periodo delle diete, ovvero la primavera: in questo articolo cercheremo di capire, dati alla mano, se dobbiamo preoccuparci del loro contenuto calorico o se possiamo mangiarne a sazietà senza rischiare di mandare a pallino la dieta o peggio di ingrassare.

 

 

Calorie delle fragole

Abbiamo spiegato più e più volte in diversi articoli e video che la frutta è sì un alimento sano e da mangiare spesso, ma che di certo non è uno degli alimenti che possiamo assumere a sazietà, senza preoccuparci delle calorie. Diverse varietà di frutta, infatti, non hanno le calorie che ci si aspetterebbe consultando le tabelle nutrizionali che troviamo in rete, che sono spesso obsolete e ci forniscono valori troppo ottimistici riguardo la densità calorica della frutta. 

Per chi non avesse ancora letto questi articoli, li trovate qui:

Le fragole non fanno eccezione, perché il valore dichiarato nelle tabelle di circa 30 kcal/hg è spesso e volentieri superato da fragole che possono tranquillamente arrivare a 50 kcal/hg ovvero a circa 12 gradi Brix, l'indicatore del tenore zuccherino della frutta, e quindi della sua qualità. Quindi anche le fragole, come il resto della frutta, possono avere ampie variazioni della densità calorica a seconda della qualità, e più il tempo passa e la tecnologia avanza, e più avremo sul mercato prodotti con una densità calorica sempre più elevata. E questa, si badi bene, è una cosa positiva perché a tutti fa piacere trovare della frutta dolce e saporita e tutti sappiamo quanto possa essere sgradevole una fragola acida e insapore.

 

 

Le fragole, tuttavia, hanno comunque un tenore calorico basso, anche quando sono molto zuccherine: abbiamo riportato un valore massimo di 12 gradi brix, come indicato in questo articolo che parla di una varietà molto diffusa in Italia, la Candonga. Se confrontiamo questi valori con quelli di altri frutti come per esempio la ciliegia, i fichi o l'uva, scopriamo che la fragola ha molte meno calorie: 12 gradi brix sono pochissimi per una ciiliegia, che può tranquillamente arrivare a 18 (70 kcal e passa per 100 g)! Una ciliegia con 12 gradi Brix è un prodotto scarsino, poco dolce e saporito, mentre una fragola con le stesse calorie è un prodotto top!

Morale della favola: anche una fragola molto dolce non è particolarmente ricca di zuccheri, se confrontata con la frutta più calorica. Ipocaloriche, ok, ma non così tanto da giustificare certe affermazioni che ho visto in rete su siti anche piuttosto reputati. Ho letto per esempio che una fragola avrebbe solo 3 kcal, cosa che ovviamente non ha alcun senso. Una fragola pesa almeno 20 g e quindi nella migliore delle ipotesi avrà 6 kcal. Una fragola da 3 kcal dovrebbe essere poco calorica e pesare 10 g... E che è, una fragolina di bosco?!?!?

 

 

Detto questo, resta da capire quante ne possiamo mangiare...

Quante fragole a dieta?

Proviamo a mettere un po' di numeri dietro alle affermazioni, cercando di rispondere alla domanda fondamentale: quante fragole possiamo mangiare per mantenere il peso forma o addirittura per ridurre il nostro peso, ovvero durante una dieta dimagrante? Possiamo fregarcene delle quantità e mangiarne a sazietà?

Partiamo innanzitutto dai numeri: quante calorie hanno le fragole? Abbiamo visto che possono avere da 30 a 50 kcal/hg (un etto). Prendiamo il valore medio: 40 kcal/hg. Se mangiamo un kg di fragole stiamo assumendo 400 kcal. Poche? Non direi. Tante? Nemmeno. Certo, un kg di fragole sono tante, come quantità. Ma se uno è particolarmente goloso, non è escluso che possa mangiarle (io non avrei problemi a farlo). Certo è che un kg di fragole è una bella scorpacciata, che ci garantirà di essere sazi piuttosto a lungo e questa è una cosa positiva.

Se ci limitiamo a poche fragole, diciamo 200 g, le calorie ovviamente diminuiscono drasticamente, ma anche in questo caso stiamo parlando di 80 kcal che proprio trascurabili non sono.

Abbiamo visto che le fragole sono tra i frutti meno calorici, e quindi sono da preferire rispetto ad altri frutti molto più "pericolosi". Insomma, non dobbiamo preoccuparci troppo delle calorie che assumiamo quando facciamo una bella scorpacciata di fragole, che possiamo permetterci tranquillamente anche durante una dieta dimagrante. Questo non significa che le calorie delle fragole possano essere del tutto trascurate: mezzo kg di fragole sono un ottimo spuntino o un'ottima integrazione ad un pasto leggero, ma hanno comunque 200 kcal che non possono di certo essere trascurate se stiamo seguendo un piano alimentare ipocalorico. 

Se invece vogliamo solo mantenere il peso forma e non gestiamo la nostra dieta contando le calorie (cosa che consiglio di fare, quella di imparare a NON contare le calorie per gestire il peso forma), allora le fragole sono senz'altro un frutto che possiamo mangiare a cuor leggero, perché hanno un rapporto tra sazietà e appetibilità più che favorevole.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Guida: come fare una spesa sana

La pianificazione della spesa, l’attenzione alle etichette nutrizionali e la scelta di prodotti freschi e non trasformati sono elementi chiave per una dieta equilibrata.

L’alimentazione che ti migliora la vita: perché leggere The Open Ring

L’alimentazione che ti migliora la vita: perché leggere The Open Ring

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

 

Vitamine del gruppo B: in quali alimenti si trovano e quando integrarle

Tra i componenti più importanti rientrano le vitamine del gruppo B: vediamo in quali alimenti si trovano e quando integrarle.

Alimenti ricchi di vitamina B12 per una dieta equilibrata

La B12 è una vitamina che insieme a tiamina, riboflavina, niacina, acido pantotenico, piridossina, biotina e acido folico fa parte delle vitamine del gruppo B.

5 alimenti che supportano il sistema immunitario

Per contrastare la comparsa dei malanni di stagione, è fondamentale aiutare il sistema immunitario debole attraverso uno stile di vita più sano, l'assunzione di integratori e un'alimentazione equilibrata.

Alla scoperta del pangasio: perché fa bene e come usarlo in cucina

Il pangasio è un pesce che a oggi non è particolarmente conosciuto, tuttavia si sta sempre più ritagliando un ruolo di spicco sulle tavole di molte famiglie italiane.