Semi oleosi

I semi oleosi sono costituiti dai semi di alcune piante molto comuni, come il girasole, il lino, la canapa, la zucca, ecc. Hanno la caratteristica di contenere una elevata quantità di grassi e per questo vengono utilizzati per l'estrazione dell'olio, solitamente per raffinazione anche se esistono anche gli oli di semi spremuti meccanicamente.

 

 

I semi oleosi sono importanti per l'alimentazione perché rappresentano un'ottima fonte di grassi polinsaturi, benefici per le arterie. Il loro consumo è preferibile a quello degli oli ottenuti per raffinazione, per ovvi motivi di salubrità e di gusto.

Semi di chia - Salvia Hispanica

Nel 2009, la Commissione Europea ha decretato che i semi di chia fossero ammessi come ingrediente alimentare ed oggi è facilmente reperibile nei negozi specializzati e nei grandi supermercati, anche se ancora non sono molto conosciuti. I semi di chia sono ricchi di grassi essenziali omega 3 (e in questo...

 

Semi di girasole

I semi di girasole sono i frutti dell'omonima pianta, il cui nome scientifico è Heliantus annuus, che sono impropriamente e comunemente chiamati semi o cuori di girasole, anche se in realtà si tratta di acheni (frutti secchi racchiusi da un pericarpo). Esistono 3 tipi di semi di girasole tra cui la tipologia dei semi di...

 

Semi di lino

I semi di lino in commercio possono essere di 2 tipologie: scuri (marrone-rossicci) o dorati (giallo intenso), ma entrambi hanno una forma ovale a goccia e una buccia liscia e lucida. La raccolta dei semi di lino avviene in estate, da luglio a settembre. I semi di lino possono trovare svariati impieghi in...

 

Semi di zucca

I semi di zucca sono i semi che si trovano all'interno della zucca, con buccia di colore avorio e seme interno di colore verde scuro, forma ovale con punta conica. Generalmente i semi di zucca vengono venduti tostati e salati, nella cosiddetta simenza o pepita, da consumare come snack, oppure nei negozi...

 

Semi di papavero

I semi di papavero appartengono alla categoria dei semi oleosi, come quelli di lino, di girasole, di chia, di zucca e di sesamo, e in quanto tali sono una fonte di acido linoleico (omega 6), di vitamine e sali minerali. I semi di papavero vengono utilizzati anche nella cucina indiana, sono una delle spezie usate per comporre il curry...

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.