Olio di soia

 

L'olio soia, o olio di semi di soia, è un olio vegetale estratto dai semi della soia (Glycine max). Si tratta di uno degli oli più diffusi in assoluto, la produzione annua costituisce circa la metà di tutti gli oli vegetali commestibili prodotti al mondo.

Viene utilizzato come olio alimentare, usato come olio di cottura, negli alimenti confezionati dall'industria alimentare, o per la produzione di margarina; ma ha anche altri utilizzi, per esempio viene usato come base per inchiostri da stampa e pitture ad olio.

L'olio di soia si ottiene prevalentemente per raffinazione e viene spesso idrogenato, per aumentarne la resistenza all'ossidazione e alle alte temperature. Raramente viene spremuto meccanicamente, senza uso di solventi: in commercio qualche prodotto di questo genere si trova anche in Italia. Il residuo della produzione dell'olio è la farina di soia, che viene poi utilizzata per ricavare i tanti prodotti a base di soia, come l'isolato proteico e i bocconcini di soia.

 

Olio di soia

Fa bene o male?

L'olio di soia ha un profilo lipidico simile a quello dell'olio di mais, contiene quindi molti grassi polinsaturi, di cui solo una piccola parte sono essenziali (circa il 7% di acido linolenico), e una quantità di grassi saturi paragonabile a quella dell'olio di oliva.

È quindi un olio tendenzialmente inadatto alla cottura, a causa dell'elevata quantità di grassi polinsaturi che contiene, che si degradano rapidamente a contatto con l'ossigeno alle alte temperature; sarebbe molto più indicato per il condimento a freddo, a patto che il prodotto sia spremuto meccanicamente e non ottenuto per raffinazione. Ma dato che rappresenterebbe comunque una fonte di acidi grassi essenziali tutto sommato abbastanza modesta, non avrebbe comunque molto senso utilizzare questo olio in cucina, molto meglio preferirgli il nostro olio extravergine di oliva.

 

 

 

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 14.02
C4:0\÷C10:0 (laurico) 0.00
C12:0 (laurico) 0.00
C14:0 (miristico) 0.15
C16:0 (palmitico) 9.79
C18:0 (stearico) 3.68
C20:0 (arachidico) 0.40
C22:0 (beenico) 0.00
Grassi monoinsaturi totali 22.76
C14:1 (miristoleico) 0.00
C16:1 (palmitoleico) 0.30
C18:1 (oleico) 22.26
C20:1 (eicosaenoico) 0.20
C22:1 (erucico) 0.00
Grassi polinsaturi totali 58.96
C18:2 W6 (linoleico) 51.36
C18:3 W3 (linolenico) 7.60
C20:4 W6 (arachidonico) 0.00
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
0.00
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
0.00
Rapporto Polinsaturi/Saturi 4.20

Olio di soia per cucinare e per friggere

L'olio di soia non è adatto per cucinare, né per friggere. Il suo punto di fumo è molto alto (si riportano valori sempre superiori a 230 gradi), ma come quello di tutti gli oli ottenuti per raffinazione, tuttavia a causa del suo profilo lipidico la tenuta in cottura è certamente inferiore rispetto a quella di altri oli che contengono una quantità maggiore di grassi monoinsaturi e saturi, come l'olio di arachide o di palma, o lo stesso olio di oliva. Meglio preferire questi oli, per la frittura.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Crescentine e gnocco fritto

Le crescentine e il gnocco fritto: il tipico antipasto bolognese.


Naturhouse - Dieta per dimagrire

La dieta Naturhouse funziona? La nostra analisi critica: prezzi, opinioni, controindicazioni.


Punta di petto

Punta di petto : il taglio di carne bovina di terza categoria utilizzato per il brodo, ma negli USA anche per fare i panini.


Caffè d'orzo: il caffè senza caffeina

Il caffè d'orzo, un surrogato del caffè ma senza caffeina. Come si prepara, calorie, storia e proprietà.

 


Lime o limetta

Lime o limetta, un frutto che sopravvive solo nei climi tropicali.


Brioche ricetta originale francese

La brioche: la ricetta originale di un dolce da forno lievitato di origine francese e dalle mille varianti.


Olio di soia

L'olio di soia è uno degli oli più utilizzati al mondo, utilizzato per cucinare o come base per produrre margarina.


Calorie della verdura

Le calorie della verdura: quando è possibile trascurarle e quando, invece, possono rappresentare un valido alleato nelle diete.