Morlacco del Grappa

Il morlacco è un formaggio di malga prodotto nel Massiccio del Monte Grappa, in Veneto, tra le province di Belluno, Treviso e Vicenza. Gli storici sostengono che il morlacco sia prodotto in queste zone fin dall'epoca della Repubblica Serenissima di Venezia per opera di pastori che qui si insediarono in cerca di condizioni migliori arrivando dalla povera Morlacchia, una regione balcanica. Originariamente, infatti, il morlacco veniva chiamato "murlak" in slavo.

 

 

Il morlacco nasce come formaggio povero, seguendo la stessa filosofia del graukase, era cioè prodotto con il latte di scarto proveniente dalla lavorazione del burro, quindi risultava essere magro perchè senza panna e poco pregiato, destinato esclusivamente al consumo dei pastori e dei boscaioli. Oggi il morlacco viene ancora prodotto con il latte scremato e con le tradizionali tecniche di un tempo, e proprio la sua tipicità e la sua storicità lo hanno portato ad una crescente rivalorizzazione.

Con il presidio slow food, il morlacco di malga adesso può vantare una sua schiera di estimatori, primi tra tutti i numerosi turisti che si recano sul Massiccio del Grappa, e sta conoscendo una nuova vita attraverso stagionature più lunghe rispetto a quelle passate. Secondo Slow Food, infatti, il morlacco è un formaggio dalle grandi potenzialità che può rivelare le sue migliori espressioni dopo stagionature più lente e lunghe, invece in passato si consumava entro 90 giorni dalla produzione, quindi ancora giovane.    

 

 

Produzione del morlacco del Grappa presidio slow food 

Morlacco del Grappa

Il morlacco del Grappa viene ottenuto con il latte vaccino della mungitura serale scremato per affioramento e poi aggiunto al latte intero della mungitura mattutina. Il latte viene portato a 38°C e poi fatto coagulare con caglio liquido di vitello. Rotta la cagliata, la massa viene fatta riposare e trasferita in ceste di vimini dove viene fatta spurgare. La salatura viene effettuata a secco, per 12 giorni, più volte al giorno. La maturazione avviene in locali appositi e dura un minimo di 15 giorni, dopo i quali il morlacco può già essere consumato e venduto. Slow Food sta tentando di coinvolgere i produttori ad aggiungere una fase di stagionatura dopo la maturazione fino ad un massimo di 5 mesi.

Caratteristiche del morlacco del Grappa presidio slow food

Il morlacco ha forma cilindrica, diametro 30-50 cm, scalzo 7-12 cm, facce piane e peso da 4 a 8 kg. Quando è fresco la crosta è appena percettibile, di colore chiaro, quando è stagionato assume una consistenza maggiore e un colore aranciato. La pasta è inizialmente molle, poi morbida, o compatta se stagionato, di colore bianco tendente all'avorio, l'occhiatura è fine e piccola. Ha un profumo latteo ed erbaceo che si fa via via più intenso man mano che aumenta la stagionatura. Al gusto è saporito, aromatico e leggermente acidulo. In passato il morlacco veniva mangiato durante ogni pasto, a partire dalla colazione, accompagnato da polenta, patate o pane. Si può consumare anche da solo come formaggio da tavola impreziosito da miele o marmellata.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Alimenti ricchi di omega-3: solo il pesce o ci sono anche altre fonti?

Gli alimenti ricchi di acidi grassi omega-3 sono diversi, sia di origine vegetale che animale.


Acque aromatizzate o infused water: falsi miti o anche benefici?

Le acque aromatizzate, o infused water, sono delle bevande fatte con acqua e frutta o aromi in infusione. Ad esse vengono attribuite diversi benefici, molti dei quali sono solo falsi miti.


Green smoothie e green juice: cosa sono, effetti e ricette

I green smoothies e i green juice sono frullati e centrifugati che possono essere utili per aumentare il consumo di frutta e verdura nella propria dieta.


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.

 


Alimenti ricchi in calcio: quali assumere e come?

Gli alimenti ricchi di calcio non sono solo il latte e i latticini ma anche i cibi di origine vegetale.


Alimenti ricchi di vitamina D: come assumerla in giuste quantità?

Alcuni alimenti sono più ricchi di vitamina d, sia nel mondo vegetale che animale. In realtà con la sola dieta è difficile raggiungere il fabbisogno giornaliero.


Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.


Vitamina D (calciferolo)

La vitamina D o calciferolo regola il metabolismo del fosforo e del calcio.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.