Pancake alle carote: come realizzarli?

I pancake sono uno dei dolci da colazione più amati a livello internazionale, sia per la sua bontà che per la sua semplicità. Con pochi ingredienti e una decina di minuti, infatti, si può preparare un piatto semplicemente delizioso. Con le varie guarnizioni possibili, poi, i pancake si adattano davvero ai gusti di tutti. E se li si ama talmente tanto che si desidera mangiarli anche a pranzo e a cena, è bene sapere che ad affiancare la ricetta originale per la preparazione dei pancake esistono numerose gustose varianti a base di verdure per trasformare questo dolce da colazione in una ricetta salata.

 

 

Un esempio? I pancake alle carote. Belli da vedere, morbidi e squisiti, rappresentano una portata ideale per un brunch, ma anche un perfetto pranzo leggero e veloce da preparare. Ecco come realizzare il pancake alle carote perfetto e come farcirlo per renderlo una incredibile sfiziosità.

Ingredienti

Per la preparazione di circa 8 pancake alle carote servono i seguenti ingredienti:

  • 170 grammi di carote (circa 3 carote medie)
  • 200 grammi di acqua o latte
  • 1 uovo intero (oppure due albumi)
  • 140 grammi di farina 00
  • mezza bustina di lievito per dolci (circa 8 grammi)
  • 1 cucchiaio di olio di semi
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato

Per la farcitura occorrono:

  • 150 grammi di formaggio a pasta molle (es. robiola)
  • spezie a piacere

 

 

Preparazione dei pancake alle carote

E adesso vediamo come realizzare i pancake alle carote passo dopo passo:

  • Per prima cosa, pelare le carote e lessarle in acqua bollente per almeno 15 minuti, o finché non risultano abbastanza morbide, ma non tanto da sfaldarsi. Per velocizzare il processo si può anche tagliare le carote a rondelle prima di immergerle nella pentola con l'acqua;
  • Una volta cotte, spegnere il fuoco e lasciare le carote nella pentola, fino a che non si saranno raffreddate;
  • Prelevare le carote e spostarle nel mixer insieme ai 200 grammi di acqua o di latte. Nel caso in cui si decida di utilizzare l'acqua, allora si può sfruttare un po' dell'acqua di cottura delle carote;
  • Frullare le carote fino a ottenere un composto liscio e privo di grumi o pezzetti di carota interi. A questo punto si possono iniziare a incorporare gli altri ingredienti per creare la pastella, iniziando dalle uova (un uovo oppure due albumi a seconda dei gusti), e far partire il mixer per amalgamarlo del tutto;
  • In una ciotola, versare la farina e il lievito setacciati e aggiungere anche il formaggio grattugiato. Quando gli ingredienti sono ben mescolati tra di loro, unire il composto ottenuto alle carote, per poi attivare nuovamente il mixer fino a ottenere un unico composto omogeneo. Aggiungere anche l'olio di semi per completare la pastella. Non c'è una tipologia più indicata rispetto alle altre, perciò si può utilizzare l'olio di semi che si preferisce tra arachidi, girasole o mais;
  • A questo punto è arrivato il momento di cuocere i pancake alle carote, e il procedimento è lo stesso di quello previsto per la cottura dei pancake classici. Fare scaldare una padella antiaderente con un po' di olio, togliendo l'eccesso con un pezzo di carta da cucina. Quando la padella è ben calda, versare un po' del composto a cucchiaiate, cercando di dargli la classica forma tonda del pancake;
  • Lasciare cuocere a fiamma medio-bassa per un paio minuti per lato, o comunque fino a che non inizieranno a comparire le classiche bollicine in superficie. Quando un lato è pronto, girare il pancake alle carote per farlo cuocere anche dall'altra parte, e procedere così fino all'esaurimento dell'impasto;
    Per comporre il pranzo, spalmare qualche cucchiaiata di formaggio spalmabile, mixato con le spezie scelte, su un pancake alle carote, e chiuderlo con un altro pancake. L'idea è quella di creare una specie di sandwich.

 

 

Fare i pancake alle carote è davvero facile e veloce, e inoltre si tratta di una pietanza versatile e personalizzabile secondo i propri gusti. Se non si ama il sapore del formaggio spalmabile, si può impiattare i pancake come quelli classici, impilandoli uno sull'altro, e versare sopra lo sciroppo d'acero per un brunch davvero particolare e gustoso, che fa incontrare gusti diversi ma che si sposano bene insieme. Anche qualche noce sbriciolata sopra può essere un'ottima idea per conferire quella nota croccante al piatto e renderlo ancora più sfizioso.

Inoltre, se si ha pochissimo tempo a disposizione si può anche preparare questo piatto senza bollire le carote: al posto di questo passaggio, non si dovrà fare altro che grattugiarle finemente e incorporarle al resto dell'impasto, per poi cuocere i pancake come da ricetta. Il risultato è praticamente identico a livello di gusto, cambia solo nell'aspetto un po' più “rustico” e meno omogeneo.

Come conservare i pancake alle carote

L'ideale sarebbe consumare subito i pancake alle carote, appena preparati, per poterli gustare ancora soffici. Tuttavia è possibile conservarli in frigorifero per 1-2 giorni al massimo, ben chiusi in un contenitore.

Se però si preferisce portarsi avanti, si può comunque preparare la pastella in anticipo e conservarla per 2-3 giorni, sempre ben sigillata in frigorifero.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

Vitamine del gruppo B: in quali alimenti si trovano e quando integrarle

Tra i componenti più importanti rientrano le vitamine del gruppo B: vediamo in quali alimenti si trovano e quando integrarle.

Alimenti ricchi di vitamina B12 per una dieta equilibrata

La B12 è una vitamina che insieme a tiamina, riboflavina, niacina, acido pantotenico, piridossina, biotina e acido folico fa parte delle vitamine del gruppo B.

 

5 alimenti che supportano il sistema immunitario

Per contrastare la comparsa dei malanni di stagione, è fondamentale aiutare il sistema immunitario debole attraverso uno stile di vita più sano, l'assunzione di integratori e un'alimentazione equilibrata.

Alla scoperta del pangasio: perché fa bene e come usarlo in cucina

Il pangasio è un pesce che a oggi non è particolarmente conosciuto, tuttavia si sta sempre più ritagliando un ruolo di spicco sulle tavole di molte famiglie italiane.

Nutrizione Autunnale: Consigli per una Dieta Equilibrata

Con l’arrivo dell’autunno è normale avere voglia di cibi più calorici per contrastare l’abbassamento delle temperature, nonché rinforzare l’organismo per evitare i malanni di stagione.

I fichi fanno ingrassare?

I fichi non hanno 50 kcal/hg come riportato in molti siti: ne hanno molte di più, e per questo non possono essere consumati in grande quantità.