Come preparare la pizza in casa: la ricetta e i consigli per l'impasto perfetto

L'Italia è la patria della pizza e negli altri Paesi da sempre hanno provato e provano tuttora ad imitarla, pensando che sia facile creare l'impasto, condirlo e cuocerlo in forno. Ma quello che è forse il piatto più famoso del mondo richiede delle regole precise, a cominciare dal dosaggio delle componenti per creare l'impasto, per non parlare degli ingredienti e della loro disposizione sulla base di pasta.

 

 

Certo, quella dei maestri pizzaioli è una vera e propria arte, ma preparare la pizza a casa non è un'impresa impossibile, basta seguire la ricetta e scegliere gli ingredienti giusti per dare sfogo alla fantasia. Clicca qui per tutti i consigli sulla pizza perfetta, e inizia a cucinare seguendo passo dopo passo la preparazione della pizza, dall'impasto all'impiattamento finale.

Come fare l'impasto per la pizza

L'impasto della pizza è forse la parte più difficile, basta sbagliare le dosi degli ingredienti per portare in tavola quella che è la "ricetta per un disastro". Va detto, però, che quella per la pizza è forse una delle poche preparazioni ad essere rimasta sempre la stessa e che ha subito davvero pochissime variazioni, anche quando nel tentativo di cambiarla si sono cimentati grandi chef stellati. La pizza è sostanzialmente un piatto povero, e i suoi ingredienti sono pochi e semplici: acqua, farina, sale, olio e lievito. Vediamo come si prepara.

La ricetta

Ecco come procedere per avere una pizza fatta in casa soffice e fragrante. Prendiamo in considerazione gli ingredienti per la preparazione di 850 grammi di impasto, dal quale verranno ricavate 3 pizze da circa 28 centimetri l'una.

 

 

In questo caso occorrono:

  • 500 grammi di farina tipo 00
  • 7 grammi di lievito di birra fresco (3 grammi se si usa lievito disidratato)
  • 350 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 8 grammi di sale
  • 10 ml di olio extra vergine di oliva.

Andiamo a vedere nei dettagli il procedimento:

Versate la farina all'interno di una ciotola capiente e unite il lievito. A questo punto incorporate l'acqua, non tutta in un'unica soluzione ma a più riprese, amalgamandola di volta in volta. È importante, in questa fase, mescolare correttamente l'impasto, affinché la farina venga assorbita e il lievito si sciolga completamente. Ora aggiungete sale e olio, sempre continuando a mescolare. A questo punto inizia il primo processo di lievitazione, che durerà 30 minuti: la ciotola dovrà essere coperta con un foglio di pellicola trasparente e avvolta con uno strofinaccio, per mantenere il calore.

La lievitazione

 

 

Proseguite con la ricetta della pizza e passate alla lavorazione vera e propria. Dopo la prima lievitazione l'impasto andrà trasferito sul piano di lavoro e ripiegato su sé stesso più volte, su tutti i lati. Dopo averlo piegato, il panetto andrà ripetutamente tirato con le mani e riposto nuovamente nella ciotola, sempre coperto con la pellicola, per procedere alla seconda lievitazione, che durerà 20 minuti. Questo passaggio andrà ripetuto altre due volte, al termine della seconda il panetto andrà riposto nella scodella con un in aggiunta un filo d'olio, e coperto con la pellicola. A questo punto inizierà l'ultima lievitazione, che dovrà durare 3 ore o anche di più.

Scaldate il forno

Manca poco, iniziate a scaldare il forno per pizza! È il momento di dividere l'impasto in panetti e farli lievitare un'ultima volta per 1 ora, a temperatura ambiente, coperti da un canovaccio. A questo punto è arrivato davvero il momento di mettere le mani in pasta: stendete i panetti e picchiettate con le dita per allargarli, e dar loro la forma rotonda.

Adagiate l'impasto nelle teglie e picchiettate ancora, fino a toccare i bordi della teglia. Adesso attingete a tutta la vostra fantasia e condite la pizza con tutti gli ingredienti che più vi piacciono, senza dimenticare di completare il tutto con un filo d'olio extra vergine. Infornate (forno già caldo, non dimenticatelo) per 10/15 minuti a 300 gradi, oppure a 220 gradi per 20 minuti.

E ora...non resta che gustare la vostra creazione!






























   

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.