Salame Fabriano presidio slow food

Il salame di Fabriano, spesso abbreviato in salame Fabriano, è un insaccato tipico della città omonima, situata alle pendici dell'Appennino centrale, in provincia di Ancona, Marche.

 

 

Il primo documento che testimonia la fama del salame Fabriano a livello nazionale risale al 1881, quando Garibaldi scrisse all'amico Bigonzetti per ringraziarlo dei gustosi salami di Fabriano che gi aveva donato. Da allora fino ai nostri giorni la fama del salame Fabriano non è diminuita, non a caso lo slogan scelto dai produttori riuniti in un Consorzio di Tutela è "un sapore che ha fatto storia".

Slow Food ha voluto, inoltre, istituire un presidio per garantire che oggi come allora questo salame venga prodotto con una materia prima di qualità e quindi con suini italiani pesanti allevati in zona, nell'Appenino umbro-marchigiano, preferibilmente dai produttori stessi, alimentati naturalmente e macellati non prima del raggiungimento dei 150 kg di peso e dei  12 mesi di età.

Salame Fabriano

Produzione del salame di Fabriano presidio slow food

Il salame di Fabriano viene ottenuto con le parti nobili del maiale: la carne magra viene prelevata dalla coscia del prosciutto e dal fiocco della spalla e il grasso dalla fascia dorsale, il migliore. Le parti magre vengono tritate mentre il lardo viene tagliato al coltello in cubetti di circa 0,5 cm. La salagione si fa solo con sale e pepe nero in grani, a volte anche con dell'aglio e del vino bianco, massaggiando e impastando a lungo le carni e i lardelli di grasso, poi l'impasto viene insaccato in un budello gentile dell'intestino del suino, quell più adatto a resistere a lunghe stagionature. I salami vengono legati in coppia e appesi in locali dove è presente un camino acceso, che non serve per affumicare, bensì per permettere una corretta asciugatura e un'elimminazione dell'umidità interna al salame, quindi si passa alla stagionatura in cantina con 14°C e 80% di umidità per un periodo minimo di 60 giorni.

Caratteristiche del salame di Fabriano

 

 

Il salame Fabriano ha la particolarità di avere una buccia di colore marrone scuro che altro non è se non una muffa innocua che si crea durante la stagionatura. Ha una lunghezza di circa 30-35 cm, un diametro di 6 cm e un peso variabile tra i 300 e i 400 grammi. La consistenza è dura e compatta e la fetta si presenta di color rosso scuro con lardelli di forma regolare di colore bianco. Al gusto è dolce, con sentori di vaniglia, e leggemente affumicato.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.