Ribolla gialla

La Ribolla gialla è un vitigno autoctono del Friuli Venezia Giulia, coltivato soprattutto nella zona di confine con la Slovenia, nella fascia collinare tra il Carso e l'Istria, in provincia di Gorizia.

 

 

La Ribolla gialla viene vinificata in purezza nelle due DOC più importanti della regione, Collio e COF, ma può contribuire alla produzione di vini anche in uvaggio.

Esistono attualmente 3 cloni di Ribolla: la Ribolla gialla, quella più diffusa e di cui tratta questo articolo, la Ribolla verde, poco diffusa e qualitativamente scarsa e la Ribolla nera, meglio conosciuta come Schioppettino, che indica un'uva a bacca rossa autoctona del Friuli.

Un po' di storia 

La Ribolla gialla è uno dei vitigni più antichi del Friuli, o per lo meno, quello di cui si hanno le testimonianze storiche più antiche: nel 1299 già si parlava in alcuni documenti storici di un'uva detta "Rabiola" diffusa sia in Friuli che in Istria.

Ribolla

Qualcuno ribatte che in passato il termine "Ribolla" fosse il nome generico dato alle uve bianche coltivate nelle zone collinari del Friuli, ma, anche fosse, la Ribolla gialla, quella che conosciamo oggi, era comunque la più diffusa.

Viene chiamata anche Ribuele in dialetto friulano o Rébula in dialetto sloveno.

Caratteristiche del vitigno e del vino Ribolla gialla

La pianta della Ribolla gialla ha una buona vigoria e una buona produttività che rimane costante negli anni. La foglia è media, tondeggiante, quasi intera con lievi accenni ai tre lobi, glabra, liscia e di colore verde chiaro. Il grappolo è medio piccolo, cilindrico, abbastanza compatto. L'acino è medio grande, di forma discoidale leggermente schiacciata ai poli, di colore giallo spesso punteggiato e dalla buccia sottile e pruinosa.

 

 

L'epoca di vendemmia è media, nella seconda metà di settembre.

Il vino ottenuto con la Ribolla ha un colore giallo paglierino tendente al dorato, come un po' la maggior parte dei vini friulani, profumi delicati erbacei, vegetali e floreali, buona acidità e media struttura (dai 12,5% gradi alcolici in su).

A volte la Ribolla può essere fatta invecchiare in botti di rovere, tanto da diventare un vino più complesso e strutturato, ma tendenzialmente la Ribolla è un vino che va bevuto giovane.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.