Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

Le etichette dell'acqua minerale sono davvero utili per imparare a scegliere al meglio quella più giusta per il proprio fabbisogno e la propria condizione fisiologica e di salute. Esistono, infatti, differenti tipologie di acque minerali, e per capirne la differenza bisogna imparare a leggere l'etichetta. Vi mostreremo come nel corso di questo articolo. 

 

 

Come leggere le etichette delle acque minerali? 

Sono diverse le informazioni riportate, molte delle quali sono obbligatorie e previste dalla normativa sulle etichette dell'acqua minerale. A livello comunitario il più recente aggiornamento della legge è la direttiva comunitaria n. 2003/40/CE del 2003, recepita nel nostro paese dai decreti del Ministero della Salute dell'11/9/2003 e del 29/12/2003. 

Le novità, rispetto alle precedenti norme, riguardano soprattutto le sostanze potenzialmente pericolose che possono essere presenti nell'acqua e per cui si impongono dei limiti ancora più restrittivi rispetto al passato. Per chiarezza, si obbliga ad inserire, inoltre, l'indicazione "acqua sottoposta ad una tecnica di ossidazione all'aria arricchita di ozono", nel caso in cui venga usata questa tecnica. Questo perchè un tipo di trattamento del genere potrebbe rilasciare nell'acqua residui di metalli pesanti e arsenico. 

 

 

Inoltre, nel caso in cui sia presente un contenuto di fluoro superiore a 1,5 mg/l, si deve indicare in etichetta che non è possibile far consumare in modo regolare l'acqua ai lattanti e bambini di età inferiore ai 7 anni. 

In etichetta troviamo riportate alcune indicazioni obbligatorie, che precisamente sono: 

  • denominazione legale dell'acqua, ossia la tipologia di acqua, come "acqua minerale naturale", con opportune integrazioni se è il caso, come l'indicazione "effervescente naturale" o "totalmente degassata". 
  • nome commerciale dell'acqua, cioè il nome della sorgente e il suo luogo
  • composizione analitica, così come risultato dalle analisi svolte
  • data e laboratorio in cui sono state svolte le analisi
  • contenuto di acqua della confezione
  • titolari dei provvedimenti al riconoscimento e all'autorizzazione all'uso
  • termine minimo di conservazione
  • numero di lotto e informazioni sui trattamenti consentiti
  • la sigla "e" che indica che l'acqua è stata controllata secondo le norme europee

Nel caso in cui si tratti, invece, di acqua non imbottigliata, ma servita da locali pubblici in seguito a trattamento, come la filtrazione ad esempio, il contenitore con cui viene servita l'acqua dovrà avere esso stesso un'etichetta. Quest'ultima dovrà riportare la denominazione di vendita seguita dal trattamento subìto dall'acqua. 

I risultati delle analisi chimiche dell'acqua minerale vanno aggiornati ogni 5 anni, e ovviamente vanno indicati in etichetta la data delle analisi e il nome del laboratorio che le ha effettuate. 

Composizione analitica: i principali parametri in etichetta

 

 

Nella composizione analitica, la cui indicazione è obbligatoria per legge, vi sono alcuni parametri importanti che ci possono dire molto circa le caratteristiche di un dato tipo di acqua minerale. 

Fra i dati indicati abbiamo il pH, che misura il grado di acidità dell'acqua e distingue quindi tra acqua alcalina, con pH maggiore di 7, acidula se inferiore a 7, neutra se pari a 7. Le acque addizionate di anidride carbonica saranno, ad esempio, acidule in quanto essa in acqua si scioglie formando acido carbonico. 

Vengono indicati, inoltre, anche il contenuto di nitrati e nitriti, molto controllati poiché devono sottostare all'interno dei limiti previsti dalla legge. L'indicazione di questo valore è molto importante, così come il loro controllo, in quanto un eccesso potrebbe essere pericoloso per la salute, soprattutto se si parla di bambini. Per questo motivo sono fissati due diversi limiti, uno per i nitrati nelle acque per l'infanzia, pari a massimo 10 mg/l, 25 mg/l se si parla di bambini più grandi, e uno per gli adulti di 45 mg/l. I nitriti sono valori, invece, maggiormente correlati all'inquinamento e per questo motivo vengono tenuti sotto controllo. 

Altri parametri analitici indicati sono le concentrazioni dei singoli minerali, espressi in ioni, la cui somma si riferisce al residuo fisso. In particolare, vengono indicati i valori corrispondenti alla concentrazione di bicarbonato, calcio, magnesio, sodio, ferro e fluoro. 

Viene anche indicata il grado di durezza dell'acqua, espresso in gradi francesi e correlato ad un'acqua più o meno calcarea. In generale l'intervallo di durezza consigliato per la maggior parte delle persone va dai 15 ai 50 °F. Per valori inferiori o superiori si hanno tipologie di acqua non pericolose per la salute, ma con una differenza a livello organolettico.

In aggiunta, viene anche indicata la conducibilità elettrica, che più aumenta maggiore è il contenuto di minerali disciolti nell'acqua. Valori molto bassi si riferiscono, ad esempio, all'acqua oligominerale. 

Ovviamente viene anche indicato il residuo fisso, che si riferisce al contenuto di sali disciolti in acqua e ottenuto facendo evaporare 1 litro di acqua alla temperatura di 180 °C. Viene poi quantificato il residuo solido rimasto, che corrisponderà ai sali minerali che erano disciolti nell'acqua evaporata. 

Classificazione delle acque minerali

Le acque minerali vengono suddivise sulla base del residuo fisso, un'indicazione riportata in etichetta che aiuta moltissimo a scegliere al meglio la tipologia di prodotto da acquistare. La classificazione sulla base de residuo fisso è normata dal D. lgs 105/92. 

Possiamo, quindi, distinguere le seguenti tipologie di acqua minerale:

  • oligominerale, se il residuo fisso è inferiore a 500 mg/l. Si tratta di un tipo di acqua adatto a chi soffre di ipertensione;
  • minimamente mineralizzata, se il residuo fisso è inferiore a 50 mg/l. Questo tipo di acqua è indicata per l'infanzia;
  • ricca di sali minerali, con residuo fisso superiore a 1500 mg/l, da bere sotto controllo medico in particolari situazioni;
  • mediominerale, con residuo fisso tra i 500 e i 1500 mg/l. Questo tipo di acqua è adatto per chi pratica sport o deve reintegrare i minerali.

Tutte queste tipologie di acqua minerale rientrano nella denominazione legale dell'acqua e devono essere riportate in etichetta. 

Indicazioni facoltative per l'etichetta delle acque minerali

Vi sono poi indicazioni che non è obbligatorio riportare in etichetta, ma che sono comunque utili per capire le caratteristiche principali dell'acqua minerale considerata. Ad esempio, si possono scrivere gli effetti principali che quel tipo di acqua apporta sull'organismo, come "stimola la digestione", oppure "può avere effetti diuretici", così come anche alcuni riferimenti ad effetti preventivi o curativi per la salute.

Inoltre, è possibile indicare che l'acqua è microbiologicamente pura, e quindi si garantisce la completa assenza di microrganismi patogeni o pericolosi all'interno della confezione chiusa. 

Altre indicazioni facoltative per l'etichetta dell'acqua minerale sono: 

  • codice a barre utile per la commercializzazione;
  • il simbolo PET, che indica il materiale con cui sono state prodotte le bottiglie;
  • frase o simbolo che invita a non disperdere il contenitore nell'ambiente dopo l'uso;
  • indicazioni sulla corretta conservazione del prodotto affinché vengano mantenute intatte le caratteristiche originarie dell'acqua.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.