Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

Le etichette dei surgelati sono piuttosto importanti perchè consentono di fare una scelta di acquisto più consapevole e consumare un prodotto di qualità superiore. Infatti, non necessariamente il prodotto surgelato è di pessima qualità, ma anzi il processo a cui è sottoposto tende a preservare le sue caratteristiche nutrizionali e qualitative. Ciò che influenza la qualità del surgelato è la materia prima utilizzata ed è per questo che il consumatore ha il diritto di ricevere quante più informazioni possibili per una scelta di qualità. 

 

 

Vediamo, quindi, di vedere cosa troviamo nelle etichette dei prodotti surgelati e cosa prevede la legge in merito.

Normativa degli alimenti surgelati: informazioni obbligatorie

I prodotti surgelati sono di solito pronti all'uso, già preparati e porzionati, con lunghi periodi di conservazione. Per questo motivo sono molto utilizzati, anche perchè consentono di variare la propria alimentazione con maggior velocità di preparazione. Questi prodotti devono sottostare ad un rigido disciplinare di produzione, che ne garantisca le condizioni igieniche ideali e l'uso di una materia prima igienicamente e qualitativamente buona. Vengono sottoposti al congelamento ultrarapido a -18 °C, che permette di bloccare la crescita microbica e preservare le condizioni igieniche e qualitative del prodotto in modo piuttosto ottimale.

 

 

La normativa che regola la produzione degli alimenti surgelati, così come anche la loro distribuzione e vendita, è la direttiva UE n. 89/108. Essa prevede che i surgelati debbano essere prodotti da materie prime di qualità, fresche ed in ottime condizioni igieniche. Inoltre, durante tutto il trasporto, la temperatura a cui viene sottoposto il prodotto deve sempre essere pari o inferiore a -18 °C, senza interrompere la cosiddetta "catena del freddo" per nessun motivo, compreso durante la sistemazione nel punto vendita. Questo garantisce la sicurezza alimentare di questi prodotti per chi li consuma. 

Così come gli altri alimenti confezionati, anche i surgelati devono sottostare al Regolamento UE 1169/2011 e devono quindi contenere in modo obbligatorio in etichetta

  • denominazione di vendita, unita alla dicitura "surgelato";
  • nome e ragione sociale del produttore;
  • quantità netta dell'alimento con la dicitura "peso netto sgocciolato" o "peso netto senza glassatura";
  • indirizzo dello stabilimento di produzione;
  • termine minimo di conservazione. I surgelati, infatti, a lungo andare perdono le caratteristiche nutrizionali ed organolettiche e quindi è bene indicare la data entro cui queste proprietà si mantengono intatte.
  • Modalità di conservazione del prodotto;
  • lista degli ingredienti, in ordine decrescente in base alla quantità utilizzata di ciascuno;
  • lotto di produzione, utile per la tracciabilità;
  • avvertenza di non ricongelare il prodotto una volta scongelato;
  • etichetta nutrizionale.  

 

 

In particolare, per quanto riguarda la glassatura, essa un procedimento usato per proteggere l'alimento dalla disidratazione, dall'ossidazione o dall'irrancidimento a cui potrebbe andare incontro durante la conservazione. Questa tecnica consiste nel ricoprire l'alimento di uno strato di ghiaccio creando una sorta di barriera per agenti esterni che possono essere causa delle modificazioni di cui abbiamo parlato sopra. Fra questi agenti esterni abbiamo alcune temperature, determinati valori di umidità e la presenza di ossigeno. La glassatura allunga i tempi di conservazione dell'alimento ed è compresa tra il 5 e il 15% del peso lordo dell'alimento, con casi in cui può sfiorare il 40%. Per questo motivo è bene che venga indicato in etichetta il peso netto, ossia quello senza la glassatura. Il prezzo di vendita del prodotto deve essere riferito al solo peso netto e non al peso lordo. 

Non è consentito indicare in etichetta anche il peso lordo dell'alimento insieme a quello netto, in quanto la normativa non consente di indicare informazioni volontarie nell'etichetta

Informazioni in etichetta specifiche per i surgelati

Il regolamento comunitario, per i prodotti surgelati, prevede alcune indicazioni specifiche da apporre in etichetta. In particolare, ci si riferisce agli alimenti ittici surgelati. Questi ultimi devono sottostare alle norme specifiche per l'etichetta del pesce, che abbiamo trattato in questo articolo.

In particolare, il pesce surgelato deve contenere nella sua etichetta il nome della specie ittica, sia quello commerciale che quello scientifico. Altra informazione importante ed obbligatoria è quella relativa alla modalità di cattura, ossia se il pesce è stato pescato o proviene da allevamento. Risulta obbligatorio indicare anche il luogo di cattura o allevamento.

Queste indicazioni consentono di avere informazioni precise riguardanti il pesce e il suo percorso lungo la filiera produttiva, in modo da permettere al consumatore di poter fare una scelta consapevole di ciò che va ad acquistare.  

Sono obbligatorie, inoltre, le indicazioni delle istruzioni per l'uso ottimale del prodotto, non solo per il pesce surgelato ma per tutti i prodotti surgelati. 

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Prodotti alimentari: l'importanza della logistica per portare in tavola cibo di qualità

Affinché i prodotti alimentari arrivino fino in tavola in condizioni ottimali è necessario un complesso sistema logistico.

Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.

Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.

Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.

 

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.