Etichette del pesce: come leggerle

L'etichetta del pesce è regolamentata da precise leggi europee che ne garantiscono la trasparenza per il consumatore, che può così acquistare in modo più consapevole. 

 

 

La normativa di riferimento sull'etichettatura del prodotti ittici è il Regolamento UE 1169/2011, entrato in vigore nel 2014, e il Regolamento UE 1379/2013, che specifica ulteriormente le informazioni da fornire a chi acquista. 

Nel 2016, un'indagine di Greenpeace ha rivelato che sono diverse le etichette, non conformi ai regolamenti comunitari, ma comunque presenti in prodotti venduti nel nostro paese. Sarebbero pari all'80% delle etichette analizzate, il numero di quelle che non rispettano le disposizioni attualmente in vigore. Le irregolarità maggiori riguardano la mancata indicazione del nome scientifico del pesce, l'assenza della zona di cattura e della modalità di pesca. 

Vediamo, quindi, quali informazioni dovrebbe avere l'etichetta del pesce, in modo da poter fare una scelta più consapevole di quanto acquistiamo. 

Informazioni obbligatorie del pesce fresco o confezionato

Le regole sull'etichettatura valgono sia per i prodotti ittici venduti sfusi, che per quelli confezionati o surgelati. Le informazioni obbligatorie devono essere facilmente accessibili per il consumatore, quindi è bene che sia scritte in modo che sia agevole la lettura e che non siano nascoste o oscurate in alcun modo.

 

 

Se il prodotto è preimballato, allora le informazioni sono scritte nell'etichetta dell'imballaggio. Se il prodotto non è imballato ma venduto sfuso, le informazioni devono comunque essere fornite, ma devono essere poste su cartelloni, poster o etichette, sempre chiare e leggibili per l'acquirente. 

Tra le informazioni che devono esservi riportate in modo obbligatorio abbiamo:

  • denominazione commerciale delle specie ittica e nome scientifico
  • metodo di produzione, quindi se si tratta di prodotto allevato o pescato
  • provenienza, ossia la zona di cattura o allevamento. Se è pescato nell'Atlantico nord-orientale, nel Mediterraneo o nel Mar Nero, allora va indicata anche la sotto-zona di pesca o allevamento. In caso contrario, per le altre zone è sufficienti indicare solo il nome della zona principale. 
  • Se il pesce è pescato, allora bisogna anche indicare la modalità di pesca, ad esempio sciabiche, reti da traino e da imbrocco. 
  • Se il prodotto è scongelato, allora va indicato in etichetta, perchè non potrà essere ricongelato nuovamente da parte di chi lo acquista. 
  • termine minimo di conservazione o data di scadenza
  • allergeni eventualmente presenti. 

 

 

In particolare, l'indicazione degli allergeni deve essere riportata nei prodotti preincartati e deve comparire tra l'elenco degli ingredienti in un carattere distinto ed in risalto rispetto al resto. La stessa regola vale per i prodotti preimballati nel luogo di vendita. Questa norma non vale se il nome dell'allergene compare nella denominazione di vendita stessa. 

Possiamo evidenziare che, alcune informazioni oggi obbligatorie nell'etichetta del pesce, erano invece facoltative prima del 2014, anno in cui è entrato in vigore il Regolamento UE 1169/2011. Fra queste vi è proprio l'indicazione della modalità di produzione, ossia se il pesce è stato allevato o catturato, ed inoltre se si tratta di acque dolci o meno. Anche l'indicazione della zona di cattura e della modalità usata è una novità della normativa comunitaria. 

Le informazioni obbligatorie per l'etichettatura dei prodotti ittici non trasformati, preimballati o meno, sono state ribadite anche nel Regolamento UE 1379/2013, che conferma e rafforza la necessità di riportare nell'etichetta di questi prodotti la denominazione commerciale e il nome scientifico, il metodo di produzione e la zona di cattura o allevamento

Le zona di cattura vengono divise in zone e sottozone FAO, ciascuna delle quali ha una sigla di riferimento. In etichetta deve comparire non solo la sigla FAO, ma anche un nome che possa essere facilmente compreso dall'acquirente. Questo garantisce una maggiore tracciabilità dell'etichettatura dei prodotti ittici, a tutto vantaggio di acquista. 

Obblighi delle etichette del pesce trasformato

I prodotti preimballati o trasformati, rispetto a quelli sfusi, devono riportare delle informazioni in più in etichetta. Tra queste abbiamo: 

  • peso netto, con la quantità di ingredienti in percentuale
  • condizioni di uso e conservazione
  • nome dell'operatore del settore alimentare responsabile della produzione
  • dichiarazione nutrizionale
  • data di congelamento o di primo congelamento
  • eventuale acqua aggiunta 
  • eventuale presenza di atmosfera protettiva
  • eventuale aggiunta di proteine
  • data di confezionamento

Nel caso di prodotti trasformati a base di pesce, è necessario indicare anche se il prodotto è formato o meno da pesce ricomposto, ossia da parti diverse unite insieme. Questo è importante per il pesce trasformato in quanto permette una maggiore consapevolezza di ciò che si sta andando ad acquistare. Talvolta, infatti, alcuni prodotti possono sembrare formati da filetti di pesce in pezzo unico, ma non è così. 

Inoltre, tra gli obblighi delle etichette del pesce preimballato o trasformato vi è l'indicazione del contrassegno di identificazione. Se, infatti, il prodotto è stata realizzato all'interno dell'UE, allora è necessario riportare il nome del paese di produzione, insieme al numero di riconoscimento dello stabilimento di produzione e al marchio CE. Se il prodotto è importato da un paese al di fuori dell'Unione Europea, invece, allora è necessario indicare in etichetta soltanto il nome del paese e il numero di riconoscimento dello stabilimento di produzione. 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Prodotti alimentari: l'importanza della logistica per portare in tavola cibo di qualità

Affinché i prodotti alimentari arrivino fino in tavola in condizioni ottimali è necessario un complesso sistema logistico.

Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.

Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.

Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.

 

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi