Nostrano Valtrompia DOP

Il Notrano Valtrompia è un formaggio semistagionato a pasta dura prodotto con latte crudo e con l'aggiunta di zafferano. Il Nostrano Valtrompia è tipico della valle omonima Valle Trompia, in provincia di Brescia, sul versante orientale del lago d'Iseo. Proprio a luglio di quest'estate (anno 2012) il Valtrompia ha ottenuto il riconoscimento DOP ed è entrato nel registro dell'UE come il duecentoquarantaduesimo prodotto a denominazione protetta.

 

 

Due formaggi molto simili: il Nostrano Valtrompia DOP e il Bagoss

Per zona geografica e metodologia di produzione il Valtrompia è molto simile al Bagoss, altro formaggio bresciano a pasta dura, molto stagionato e prodotto con latte crudo e aggiunta di zafferano. Le valli alpine dove  si producono i due formagi, infatti, confinano, ed è facile dedurre che tradizionalmente in tutta la zona si usava produrre questi formaggi con l'aggiunta di zafferano che ne fortificasse il colore e l'aroma e soprattutto che si tendesse ad una lunga stagionatura per fare in modo che si conservassero per molto tempo.

La differenza fondamentale tra Valtrompia e Bagoss sta nelle dimensioni, il Nostrano Valtrompia DOP pesa in media 8-18 kg, contro i 22 del Bagoss, ed ha un diametro ed uno scalzo minori. Per il resto i due formaggi si somigliano molto: colore della crosta bruno-marrone, colore della pasta giallo doratto (anche se il Valtrompia a volte tende al verdognolo), produzione continuativa annuale e periodo minimo di stagionatura previsto dal disciplinare di 12 mesi.

 

 

Produzione del Nostrano Valtrompia DOP

Valtrompia

La materia prima con cui si ottiene il formagio Valtrompia è il latte crudo proveniente per almeno il 90% da mucche di razza bruna iscritte al libro genealogico. Il restante 10% può provenire da altre razze o meticci. Le vacche devono essere allevate nella zona di produzione della Valle Trompia e alimentate a fieno ed erba per almeno il 50% del fabbisogno giornaliero. Nel periodo estivo, tra giugno e settembre, il bestiame deve praticare l'alpeggio. Una volta ottenuto il latte crudo, esso viene trasferito in vasche d'acciaio dove sosta per almeno 24-48 ore, il tempo necessario affinchè affiori spontaneamente la panna. Quindi il latte viene parzialmente scremato e poi trasferito nella caldaia di coagulazione a temperatura di circa 36-40°C, dove viene aggiunto il caglio di vitello (o di vitellone) e lo zafferano. Dopo la cottura, la cagliata intera viene estratta con un telo o con la mastella e trasferita nelle fascere, infine lasciata a sgrondare per almeno 24 ore. Seguono quindi la salatura, che avviene manualmente e viene ripetuta ogni giorno per circa 20 giorni, e la stagionatura di durata minima 12 mesi, durante i quali le forme vengono rigirate ogni 3-10 giorni. Al termine della stagionatura minima sullo scalzo viene impresso il logo identificativo: le parole Nostrano Valtrompia disposte in semi-ellisse che circondano tutto lo scalzo.

Caratteristiche organolettiche del Nostrano Valtrompia DOP

Il Noostrano Valtrompia  si presenta come una forma circolare di circa 30-45 cm di diametro, colore della crosta giallo bruno, via via  più scuro man mano che aumenta la stagionatura, colore della pasta giallo paglierino, dorato, tendente al verde e consistenza dura, lievemente granulosa con occhiatura media e uniforme. Il gusto è molto intenso, con note acidule e pungenti che si esprimono solo nele stagionature maggiori.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.