Nostrano Valtrompia DOP

Il Notrano Valtrompia è un formaggio semistagionato a pasta dura prodotto con latte crudo e con l'aggiunta di zafferano. Il Nostrano Valtrompia è tipico della valle omonima Valle Trompia, in provincia di Brescia, sul versante orientale del lago d'Iseo. Proprio a luglio di quest'estate (anno 2012) il Valtrompia ha ottenuto il riconoscimento DOP ed è entrato nel registro dell'UE come il duecentoquarantaduesimo prodotto a denominazione protetta.

 

 

Due formaggi molto simili: il Nostrano Valtrompia DOP e il Bagoss

Per zona geografica e metodologia di produzione il Valtrompia è molto simile al Bagoss, altro formaggio bresciano a pasta dura, molto stagionato e prodotto con latte crudo e aggiunta di zafferano. Le valli alpine dove  si producono i due formagi, infatti, confinano, ed è facile dedurre che tradizionalmente in tutta la zona si usava produrre questi formaggi con l'aggiunta di zafferano che ne fortificasse il colore e l'aroma e soprattutto che si tendesse ad una lunga stagionatura per fare in modo che si conservassero per molto tempo.

La differenza fondamentale tra Valtrompia e Bagoss sta nelle dimensioni, il Nostrano Valtrompia DOP pesa in media 8-18 kg, contro i 22 del Bagoss, ed ha un diametro ed uno scalzo minori. Per il resto i due formaggi si somigliano molto: colore della crosta bruno-marrone, colore della pasta giallo doratto (anche se il Valtrompia a volte tende al verdognolo), produzione continuativa annuale e periodo minimo di stagionatura previsto dal disciplinare di 12 mesi.

Produzione del Nostrano Valtrompia DOP

 

 

Valtrompia

La materia prima con cui si ottiene il formagio Valtrompia è il latte crudo proveniente per almeno il 90% da mucche di razza bruna iscritte al libro genealogico. Il restante 10% può provenire da altre razze o meticci. Le vacche devono essere allevate nella zona di produzione della Valle Trompia e alimentate a fieno ed erba per almeno il 50% del fabbisogno giornaliero. Nel periodo estivo, tra giugno e settembre, il bestiame deve praticare l'alpeggio. Una volta ottenuto il latte crudo, esso viene trasferito in vasche d'acciaio dove sosta per almeno 24-48 ore, il tempo necessario affinchè affiori spontaneamente la panna. Quindi il latte viene parzialmente scremato e poi trasferito nella caldaia di coagulazione a temperatura di circa 36-40°C, dove viene aggiunto il caglio di vitello (o di vitellone) e lo zafferano. Dopo la cottura, la cagliata intera viene estratta con un telo o con la mastella e trasferita nelle fascere, infine lasciata a sgrondare per almeno 24 ore. Seguono quindi la salatura, che avviene manualmente e viene ripetuta ogni giorno per circa 20 giorni, e la stagionatura di durata minima 12 mesi, durante i quali le forme vengono rigirate ogni 3-10 giorni. Al termine della stagionatura minima sullo scalzo viene impresso il logo identificativo: le parole Nostrano Valtrompia disposte in semi-ellisse che circondano tutto lo scalzo.

Caratteristiche organolettiche del Nostrano Valtrompia DOP

Il Noostrano Valtrompia  si presenta come una forma circolare di circa 30-45 cm di diametro, colore della crosta giallo bruno, via via  più scuro man mano che aumenta la stagionatura, colore della pasta giallo paglierino, dorato, tendente al verde e consistenza dura, lievemente granulosa con occhiatura media e uniforme. Il gusto è molto intenso, con note acidule e pungenti che si esprimono solo nele stagionature maggiori.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Prodotti alimentari: l'importanza della logistica per portare in tavola cibo di qualità

Affinché i prodotti alimentari arrivino fino in tavola in condizioni ottimali è necessario un complesso sistema logistico.

Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.

Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.

Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.

 

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi