Pecorino di Picinisco DOP

Il pecorino di Picinisco è un formaggio prodotto nel Lazio che vanta una lunghissima tradizione, si hanno testimonianze della sua lavorazione fin dal Seicento.

 

 

La zona di produzione, caratterizzata da una secolare attività di pastorizia, è quella della Valle di Comino, nella provincia meridionale di Frosinone. 

Il pecorino di Picinisco viene prodotto tutto l'anno ed ha ottenuto la DOP nel novembre 2013.

Materie prime

Secondo il disciplinare, il pecorino di Picinisco può essere prodotto solo a partire da latte ovino crudo, proveniente dalle razze Sopravissana, Comisana e Massese, ma per un massimo del 25% può essere ammesso anche latte caprino, sempre che anche le capre siano delle razze locali, la Grigia Ciociara e la Bianca Monticellana.

Sia le pecore che le capre devono comunque essere allevate nella zona delimitata dal disciplinare e alimentate al pascolo (per almeno 8 mesi l'anno) e a foraggi freschi.

Produzione

Pecorino Picinisco

Il latte deve essere lavorato crudo, entro 48 ore dalla fine della mungitura, poi fatto coagulare con caglio di capretto o di agnello ad una temperatura compresa tra 36 e 38°C.

Finita la coagulazione viene rotta la cagliata in pezzetti grandi come chicchi di riso e la stessa viene travasata negli stampi quindi pressata manualmente o mediante sovrapposizione delle forme.

Dopo lo spurgo segue la salatura a secco per le successive 12-24 ore (in base alle dimensioni delle forme).

La stagionatura: Scamosciato e Stagionato

In base alla stagionatura si differenziano due tipologie di pecorino di Picinisco: lo Scamosciato e lo Stagionato.

 

 

Vediamoli nel dettaglio.

Scamosciato

Il periodo della stagionatura va dai 30 ai 60 giorni, il peso varia dai 700 grammi ai 2,5 kg, la crosta è sottile e rugosa, di colore giallo paglierino, la pasta è compatta, con lieve occhiatura, anch'essa di colore giallo paglierino. Il sapore è dolce e delicato, con sentori di erba.

Stagionato

La stagionatura supera i 90 giorni, il peso va dai 500 grammi ai 2 kg, la crosta è sottile e rugosa, di colore giallo e la pasta è compatta con lieve occhiatura anch'essa di colore giallo. Il sapore è intenso e piccante con sentori di erbe aromatiche.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.