La dieta contro il cancro al seno

Ormai è evidente la correlazione tra l'alimentazione e il tumore al seno. Ma esiste veramente una dieta che possa ridurre la probabilità di contrarre il cancro al seno, una delle cause di morte più frequente per le donne? Negli ultimi anni sono stati pubblicati alcuni studi interessanti che dimostrano come alcuni fattori legati all'alimentazione abbiano una influenza non trascurabile sull'insorgenza e soprattuto sullo sviluppo del cancro al seno.

 

 

Tuttavia, non bisogna mai dimenticare che la genetica è il fattore più importante, soprattutto sotto i 50 anni. Dunque, la diagnosi precoce deve rimanere la prima arma contro il tumore al seno, e non può essere sostituita da un buon stile di vita, che diventa importante solo nei casi non precoci di cancro al seno. Infatti, si è dimostrato che dopo i 50 anni, la genetica diventa progressivamente meno fondamentale, mentre assumono sempre più importanza altri fattori legati allo stile di vita, primo fra tutti la dieta.

Peso forma e attività fisica

È senza dubbio il fattore più importante. Una dieta ipocalorica, necessaria per mantenere il peso forma (possibilmente il vero peso forma), inibisce la crescita di tutti i tumori, compreso il cancro al seno. Non stiamo parlando di restrizioni caloriche impossibili o di stare a dieta tutta la vita, ma di una normale dieta per mantenere un peso ideale. L'attività fisica in questo gioca un ruolo fondamentale ed è essa stessa un'arma formidabile per ridurre il rischio.

Bisogna mettersi in testa che non ha molto senso seguire le altre indicazioni, tralasciando questa: certo, piuttosto che niente è meglio piuttosto ma se uno deve impegnare risorse per modificare il proprio stile di vita, è meglio iniziare perdendo peso e iniziando a fare sport seriamente.

 

 

Alcol e vitamina D

Dieta contro il cancro al seno

L'eccesso di alcol e la carenza di vitamina D sono fattori di rischio noti da molto tempo. Le donne dovrebbero limitare il consumo di alcol a 200 ml di vino al giorno o poco più, in funzione dell'altezza e del peso, mediamente inferiore a quella dei maschi. Per la vitamina D, rimandiamo all'articolo specifico.

Grassi omega 3 e indice glicemico

Anche l'indice glicemico è stato messo in relazione ad un aumentato rischio di contrarre il cancro al seno. Tuttavia, in una dieta ipocalorica, ove il peso forma sia davvero ottimale (IMC uguale a 20 e non a 25!), è improbabile che si possa eccedere in zuccheri semplici e in alimenti ad alto indice glicemico. È sufficiente un'alimentazione equilibrata, non sbilanciata a favore dei carboidrati.

 

 

Diverso è il caso dei grassi omega 3. Nelle donne affette da cancro al seno è stato riscontrato un rapporto tra i grassi omega 3 e omega 6 sbilanciato a favore di questi ultimi. Dunque, è importante assumere pesce grasso almeno 3 volte a settimana, ma anche in questo caso tale indicazione è valida per la dieta di chiunque, anche per gli uomini e anche per le donne non a rischio, perché tutti dovrebbero aumentare l'assunzione di grassi omega 3 con il pesce o, alla peggio, con gli integratori.

E lo stesso vale per gli acidi grassi trans, anch'essi messi in relazione ad un aumento dell'incidenza del cancro al seno, ma anch'essi da evitare nel modo più assoluto nella dieta di chiunque, perché dannosi per chiunque e non solo in funzione del tumore al seno.

Conclusioni sulla dieta contro il cancro al seno

Come abbiamo visto, una normale alimentazione corretta ed equilibrata contiene già tutti gli elementi per ritardare quanto possibile l'insorgenza del cancro al seno. Si parla di una riduzione della probabilità di insorgenza del 25-30%, grazie ad una dieta corretta e all'attività fisica.

Attualmente si stanno facendo studi approfonditi (come il Diana 5 del Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva dell'Istituto Nazionale Tumori) atti a scoprire se l'alimentazione e l'attività fisica possono anche favorire il recupero dopo l'operazione di asportazione del cancro al seno.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Bere acqua fredda fa male?

L’acqua fredda può avere alcune conseguenze nel nostro organismo, ma gli effetti non sono ancora ben noti e non si sviluppano in tutte le persone.

Il gelato fa ingrassare?

Il gelato è un dolce e come tale di sicuro non può essere considerato un alleato della linea... Ma fa davvero ingrassare?

Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.

 

Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.

Coronavirus e alimentazione: è davvero utile una dieta?

La diffusione del coronavirus non può essere bloccata con una dieta. L'alimentazione può contribuire alla prevenzione e facilitare la guarigione, solo nel lungo periodo.

Quante calorie per dimagrire un kg? - Più di quelle che pensi!

Quante calorie bisogna tagliare per dimagrire un kg? Molti pensano siano 7000, alcuni dicono 9000, in realtà potrebbero essere molte di più!

Calorie della pizza in teglia: perché fa ingrassare?

La pizza in teglia è un prodotto molto consumato, sia fuori casa che in casa. Purtroppo però è spesso un vero e proprio attentato alla nostra linea.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.