Luigi Veronelli

Luigi Veronelli è stato un gastronomo e un critico enologico italiano di grande spessore, considerato all'unanimità il padre della critica enologica in Italia: difatti la guida "I vini di Veronelli", da lui inventata, è stata pubblicata per la prima volta nel 1961 e fu la prima guida di vini italiana. Inoltre, Veronelli viene ricordato come un grande diffusore e valorizzatore del patrimonio enogastronomico italiano.

 

 

In onore di Veronelli e come sua eredità, online si può trovare e consultare il blog "Casa Veronelli" che contiene notizie e aggiornamenti sul mondo del vino e del cibo (ristoranti, premi, recensioni, eventi...), curato da Gian Arturo Rota, in passato collaboratore di Veronelli.

La vita e le opere di Veronelli

Luigi Veronelli

Luigi Veronelli nasce nel 1926 a Milano, dopo la laurea in filosofia si dedica all'insegnamento e nel 1956 decide di creare una propria casa editrice nella quale curerà personalmente la rivista "Il Gastronomo", dato che l'enogastronomia è la sua passione.

Nel 1961, per la prima volta in Italia, decide di pubblicare una guida di vini recensendoli ad uno ad uno, I vini di Veronelli, sulla scia degli esempi esteri, questa guida, tutt'oggi esistente, viene pubblicata ogni anno e descrive circa 15 mila vini.

Dal 1962 fino a tutta la vita collabora con varie testate giornalistiche sia nazionali che internazionali, quali Il Giorno, il Corriere della Sera, il Sommelier, Panorama, L'Espresso, Wine Spectator, Decanter. Partecipa anche a programmi televisi durante gli anni 70 e 80 (Il bel mangiare, A tavola alle 7 etc...).

Come scrittore pubblica numerosi libri sulle tematiche dell'enogastronomia: Il Veronelli (la prima enciclopedia del vino italiana), I vini d'Italia, Alla ricerca dei cibi perduti, Il vino giusto, I cento menù, Camminare la terra, Le parole della terra e tanti altri.

Si è spento nel novembre del 2004.

 

 

La filosofia di Veronelli

Veronelli è stato ispirato fin da giovane da idee anarchiche, ispirate dai discorsi e dagli scritti di Benedetto Croce. Oltre ad essere molto attivo sul piano enogastronomico, è infatti molto attivo anche sul piano politico e riesce a fondere questi due mondi schierandosi sempre dalla parte dei contadini e dei più poveri e contro le multinazionali, definendosi egli stesso un "archenologo".

Famoso il suo pensiero intitolato "No all'abbandono dell'agricoltura" in cui afferma che il disinteresse per l'agricoltura, così come per il Sud e per le classi sociali più povere è uno dei fatti di maggior gravità dell'Italia.

Per tutta la vita, Veronelli si è intensamente impegnato con l'obiettivo di approfondire la conoscenza dell'immenso patrimonio gastronomico nazionale e delle attrattive turistiche del nostro Paese.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.

State pensando al menu di Pasqua e Pasquetta? Ecco i nostri consigli

State pensando al menu di Pasqua e Pasquetta? Ecco i nostri consigli.

Cucina nuova: come organizzare gli spazi al meglio?

L'organizzazione dello spazio in cucina è fondamentale per chiunque desideri un ambiente funzionale, accogliente e esteticamente piacevole.

Ricette stufato di carne con il Multicooker Moulinex

Lo stufato di carne può essere preparato in maniera tradizionale oppure avvalendosi del Multicooker per accorciare i tempi di preparazione.

 

La Putana (torta vicentina ricetta originale)

La putana è una torta di origine vicentina, fatta con pane raffermo, farina di mais, farina di frumento, burro, latte, e altri ingredienti ad insaporire.

Tradizioni natalizie a Roma: 5 usanze

Questa guida vi porterà alla scoperta di cinque usanze tipiche romane che rendono il Natale nella Città Eterna un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Pasta salsiccia peperoni e funghi

Le pasta con salsiccia peperoni e funghi è un primo piatto molto gustoso e abbastanza facile da preparare. Scopriamone tutti i segreti iniziando dall'aspetto nutrizionale.

Sovracosce di pollo in umido light

Le sovracosce di pollo sono una parte del pollo molto interessante, perché non sono stoppose come il petto, non sono grasse e poco carnose come l'ala.