Baccalà alla vicentina

Il baccalà alla vicentina è un secondo piatto tipico della città di Vicenza e diffuso in tutto il Veneto e nel resto del Nord Italia. Anche se è detto "baccalà", la ricetta originale prevede che sia utilizzato lo stoccafisso, il merluzzo atlantico essiccato di solito proveniente dalla Norvegia, e non il baccalà sotto sale come si potrebbe pensare.

 

 

Origine

Questa confusione di nomi deriva dal fatto che storicamente la Repubblica Veneta della Serenissima, durante il Settecento e l'Ottocento era tra i principali importatori di stoccafisso norvegese, assieme a Spagna e Portogallo che lo chiamavano "bacalao" o "bacalhau" e per assonanza i veneti iniziarono a chiamarlo baccalà.

Nel 1987 nacque, inoltre, la Venerabile Confraternita del Baccalà alla Vicentina, un ente che si propone di tutelare e valorizzare questo piatto tipico.

A Sandrigo, un comune a pochi chilometri da Vicenza si svolge ogni anno a settembre la festa del baccalà alla vicentina. Sandrigo è stata eletta la capitale del baccalà grazie ai suoi rapporti commerciali e di amicizia che sono rimasti saldi nei secoli con le isole Lofoten norvegesi, dalle quale proviene lo stoccafisso.

Baccala vicentina

Ricetta del baccalà alla vicentina

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

 

 

Tempo totale:

La ricetta del baccalà alla vicentina ha subito nel corso dei secoli tante variazioni, ma alcuni ingredienti sono rimasti invariati e anche il metodo di cottura, molto lungo. Poi qualcuno cuoce il baccalà nel latte, qualcuno lo infarina prima di cuocerlo, in alcuni casi vengono aggiunte le acciughe per dare maggior sapore.

La ricetta che propongo, dopo aver provato varie versioni, non prevede l'uso della farina, per non appesantire ulteriormente il piatto, già di per sè molto corposo, e unisce qualche acciuga, che creano un mix davvero irresistibile.

Generalmente il bacalà alla vicentina viene servito con polenta.

Ingredienti per circa 4 persone

  • 400 g di stoccafisso già ammollato
  • 1 cipolla
  • 4 acciughe
  • 100 ml di latte
  • 50 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 2 o 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • un ciuffo di prezzemolo
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

 

 

Se non si è trovato uno stoccafisso già ammollato, metterlo a bagno in una bacinella per circa 3 giorni cambiando spesso l'acqua. Diliscarlo e togliere la pelle.

Preparare un soffritto in una padella con l'olio e la cipolla tritata finemente, aggiungere le acciughe e lasciarle sciogliere.

Tagliare il pesce a pezzi di circa 3 cm e rosolarli in un'altra padella facendo dorare le superfici, poi unirli al soffritto di cipolle e acciughe, disponendoli uno di fianco all'altro, aggiungere il latte, il parmigiano e il prezzemolo e lasciar cuocere a fuoco moderato per circa 1 ora senza mai mescolare.

La ricetta tradizionale prevede una cottura di più di 4 ore, ma mi sembra un tempo eccessivo, che  porta a sfibrare il pesce, un'ora è più che sufficiente per renderlo morbido e tenero e perchè mantenga inalterate le sue qualità nutritive. Comunque si può valutare di volta in volta, poichè i tempi di cottura dipendono molto dal tipo di stoccafisso.

Il baccalà alla vicentina va servito sia caldo che freddo, si mantiene in frigorifero anche per 48 ore.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

226 kcal - 945 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

24 g

Proteine

24 g - 42%

Carboidrati

2 g - 3%

Grassi

14 g - 55%

di cui

 

saturi

4.0 g

monoinsaturi

6.8 g

polinsaturi

1.0 g

Fibre

0 g

Colesterolo

53 mg

Sodio

141 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.

Quali sono i vantaggi dei piani cottura a induzione?

La tecnologia avanza e i piani cottura a induzione stanno diventando sempre più comuni nelle cucine. Ma ti sei mai chiesto come funzionano?

 

Hummus di ceci neri

L'hummus di ceci è una variante contorno di origine mediorientale, fatto con i ceci e la pasta di sesamo, il tahin.

Filetto di maiale in crosta con pancetta al forno

Il filetto di maiale al forno con pancetta è una ricetta piuttosto elaborata, dedicata a chi ha già una certa esperienza e dimestichezza in cucina.

Minestra di zucca e patate al rosmarino

La minestra di zucca e patate al rosmarino è una classica ricetta autunnale che piacerà moltissimo agli amanti della zucca.

Mezze penne con orata, zafferano e zucchine

Mezze penne con orata, zafferano e zucchine: una ricetta raffinata e salutare che però richiede un po' di tempo e abilità in cucina.