Il dilemma della dieta di Bennet

Le diete fanno ingrassare: sembra impossibile, ma spesso l'obesità nasce o si aggrava a causa di una dieta dimagrante. Questo paradosso è anche chiamato 'dilemma della dieta di Bennet' o 'modello psico-biologico-sociale'. Questo modello nasce nel 1982 e si contrappone al modello morale, che attribuisce all'obeso la totale responsabilità di non resistere alle tentazioni per mancanza di forza di volontà.

 

 

In realtà esistono numerose cause biologiche e ambientali che portano ad assumere una quantità eccessiva di cibo, e non possono essere contrastate solo con la forza di volontà. Vediamo quali sono i passi successivi che determinano questo meccanismo paradossale e vediamo in che modo i "motori" dell'obesità intervengono nelle varie fasi, facendo riferimento allo schema in figura.

1) Tutto nasce dall'eccessivo desiderio di perdere peso, legato alla errata convinzione che questo risultato possa essere raggiunto in fretta e senza problemi. Questo modo errato di pensare è causato soprattutto dalla Diet Industry, la quale contribuisce a diffondere il messaggio che dimagrire sia una cosa semplice, ottenibile senza sforzi e in poco tempo.

2) Il desiderio di perdere peso conduce ad una restrizione alimentare prolungata, sostenuta dall'iniziale entusiasmo, che però determina un intenso senso di fame. Qui intervengono le cause biologiche: una restrizione prolungata di un qualcosa che ci fa stare bene (il mangiare) ci porta a desiserare sempre più quella cosa, soprattutto se l'individuo possiede una predisposizione ormonale che lo rende più sensibile a questi fenomeni.

3) A questo punto l'offerta continua di cibo alla quale siamo soggetti (uno dei 'motori' o cause sociali) mette a dura prova le capacità di resistenza dell'individuo, che trasgredisce. È la fase della disinibizione: il soggetto riceve stimoli a mangiare che non riesce più a sopportare e perde il controllo, mangiando molto più del normale.

 

 

Obesita - Dieta

4) Questa trasgressione viene vissuta in modo negativo con un senso di colpa e di vergogna, l'autostima e la fiducia in sè stessi diminuisce e si determina una cascata di reazioni comportamentali e psicologiche che porta alla perdita totale di controllo. Il soggetto mangia molto poichè ha molta fame ed è psicologicamente incapace di dire basta e riacquista tutti i chili persi con gli interessi. Questo fenomeno è facilitato dal fatto che il soggetto è sicuramente in uno stato di metabolismo rallentato conseguente alla restrizione calorica.

 

 

Il soggetto si troverà a questo punto in una situazione psicologica e fisica peggiore rispetto all'inizio della dieta, poiché ha acquistato peso invece di perderlo, abbassando ulteriormente il livello di autostima.

È ovvio che al tentativo successivo di perdere peso la situazione (soprattutto quella psicologica) peggiorerà ulteriormente, e diventerà sempre più difficile da recuperare.

È un circolo vizioso che si autoalimenta, e fa diventare la situazione sempre più difficile.

Deilemma della dieta di bennet

È per questo motivo che non è possibile guarire l'obesità con la sola dieta, solo il 10% dei soggetti ce la fa! Gli altri necessitano di una ristrutturazione cognitiva, devono capire innanzitutto che per dimagrire non basta una dieta e un po' di forza di volotà, poichè i motori che portano nella direzione opposta sono troppo potenti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fungo reishi: è davvero il fungo del'immortalità?

Il fungo reishi, il cui nome scientifico è Ganoderma lucidum, è un saprofita di alcune piante, usato nella medicina cinese ma dagli effetti non ancora ben confermati.


Criolipolisi: effetti e risultati

La criolipolisi è una metodica che sembra essere sicura ed efficace nella rimozione del grasso localizzato sottocutaneo. Non è efficace in caso di obesità e non ha effetti collaterali.


Acqua ossigenata: usi e caratteristiche

L'acqua ossigenata è un composto biodegradabile usato per diversi scopi e ambiti, come quello industriale, medico e cosmetico perché ha basso costo ed è facilmente reperibile.


NADH come integratore: cos'è, opinioni ed effetti

IL NADH è un coenzima che partecipa al metabolismo energetico. Viene spesso proposto come integratore per diversi scopi ma gli studi in merito sono deboli e con risultati incerti.

 


Rimedi naturali per la perdita dei capelli: funzionano?

I rimedi naturali per la caduta dei capelli non sempre funzionano. Alcuni potenziano l'effetto del farmaco, altri abbreviano la durata della caduta stagionale.


LMSM come integratore per capelli

L'MSM è una molecola usata sia in ambito industriale che per la formulazione di integratori, che favoriscono la crescita dei capelli.


Minoxidil: cos'è, come si usa e controindicazioni

Il minoxidil è un farmaco usato per il trattamento della calvizie. Ha una buona efficacia ma ha qualche controindicazione.


Mal di schiena - Dolore alla schiena

Il mal di schiena: le cause, i possibili rimedi, gli esercizi, i farmaci per alleviare il dolore.