Il modello della speranza: come si guarisce dall'obesità

Il Modello della speranza o di Kirschenbaum descrive gli stadi del cambiamento durante il processo della perdita di peso.

Questo modello è nato dalla sperimentazione di una squadra di psicologi durata tre anni su un campione di soggetti obesi sottoposti a una terapia prescrittiva tradizionale.

 

 

Sono stati studiati e descritti i pensieri, le sensazioni e i comportamenti di questi soggetti, individuando alcuni stadi ricorrenti che sono stati suddivisi in primari e secondari.

Gli stadi primari

1) Stadio della luna piena

In questo stadio iniziale il paziente è molto motivato ed entusiasta. Sono caratteristici di questo stadio il piacere e il senso di soddisfazione per la capacità di tenere sotto controllo un difficile aspetto della propria vita, il conforto per la rapida perdita di peso, la puntualità delle visite di controllo, la completezza dei diari sui quali vengono registrate le assunzioni di cibo, l'accurata lettura del materiale educativo, la partecipazione ai programmi di esercizio fisico.

Questo stadio all'inizio interessa l'80% dei pazienti.

Esaurito tale stadio gli individui passano SEMPRE a quello della frustrazione.

La direzione, purtroppo, è a senso unico.

2) Stadio della frustrazione

In questo stadio si passa dall'entusiasmo alla depressione.

 

 

Il soggetto si rende conto che il dimagrimento non continua alla velocità iniziale ma subisce delle battute d'arresto e che è difficile resistere alle tentazioni a lungo.

La grande speranza delle proprietà terapeutiche del nuovo programma è sostituita dalla sconfortante realtà. La domanda che caratterizza questa fase è 'perché capita a me?.

Sono caratteristici:

  • il pensiero di tornare al comportamento precedente, perché è facile e non richiede così tanto tempo ed energia;
  • la frustrazione per la lentezza con cui si verifica il cambiamento;
  • il mantenimento del programma nonostante la frustrazione, la riduzione dell'automonitoraggio (l'obeso controlla il suo peso sempre più di rado) e dell'accuratezza dei diari;

Questo stadio interessa praticamente tutti i pazienti (il 90%) nel primo e nel secondo anno, ed è molto delicato poichè il paziente che si trova in questa situazione può mantenere uno stato positivo di orientamento, entrando nello stadio del tentativo di accettazione, oppure entrare in Eclissi o in Disinibizione.

 

 

Entrare in Eclissi significa scomparire, nascondersi temporaneamente. È un meccanismo psicologico che viene attuato da chi soffre per essere in sovrappeso e non riesce più a mantenere la restrizione alimentare o che avendo l'impressione di mangiare poco, non riesce a perdere peso.

La reazione psicologica consenguente è quella di non misurare più il peso e di disdire le visite di controllo successive, interrompendo la relazione con il medico, per un senso di colpa o di soggezione. Durante questa fase il peso aumenta.

La Disinibizione è la perdita del controllo alimentare che tende a stimolare l'assunzione di una quantità di alimenti maggiore di quella necessaria. Essa trova la causa di origine dal senso di colpa che scaturisce dal modello morale: il senso di colpa crea un senso di malessere che trova sollievo negli effetti sedativi provocati dall'assunzione di cibo.

3) Stadio del tentativo di accettazione

Guarire dall'obesita

È la fase dell'atteggiamento più costruttivo, dove al posto delle emozioni negative può trovare posto la collaborazione e l'attitudine alla soluzione dei problemi.

Questa fase è caratterizzata da una condotta più 'umana', l'obeso segue il programma in modo corretto ma non perfetto, con fatica ma non con angoscia.

I diari vengono aggiornati con costanza ma con qualche interruzione, l'esercizio fisico viene svolto con regolarità anche se viene considerato un lavoro faticoso, le situazioni a rischio vengono affrontate con aggressività o vengono evitate.

Il 50% dei pazienti nel primo anno e il 70% nel secondo entrano in questa fase.

Purtroppo la probabilità di ricaduta è ancora elevata poiché la direzione non è univoca e il soggetto può rientrare nello stadio della frustrazione. Il compito dell'obesiologo è fondamentale per evitare di ricadere nello stadio della frustrazione.

Gli stadi secondari

Sono gli stadi che si presentano più raramente, nel 10% dei casi nel primo e secondo anno.

Stadio dello shock e ambivalenza

È simile a quello della frustrazione. È caratterizzato dal risentimento e dalla rabbia che porta ad avere reattività nei confronti del professionista e del programma scelto: l'interruzione del programma è quasi la regola.

2) Stadio della paura del successo

Viene attuato dai pochi soggetti che utilizzano l'obesità come auto-protezione, per esempio nei confronti di molestie sessuali.

3) Stadio della perfezione

Questo stadio non è comune e si verifica in meno del 10% dei casi, ed è caratterizzato dal comportamento perfetto del paziente che segue il programma alla lettera. È inutile cercare di raggiungere questo stadio, visto che solo in pochissimi hanno la forza di volontà per arrivarci. Meglio puntare sullo stadio del tentativo di accettazione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.


Aromaterapia: la terapia degli oli essenziali dai dubbi effetti reali

L'aromaterapia ha origini antiche e si basa sull'uso degli oli essenziali per la cura delle patologie. I suoi effetti, però, non sono ancora accertati scientificamente.


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.

 


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.