Vitamina B5 o acido pantotenico

L'acido pantotenico è una vitamina idrosolubile del gruppo B, e precisamente si tratta della vitamina B5. È contenuta in molti alimenti, tra cui carne, verdura, cereali, legumi, uova e latte. È coinvolto nel metabolismo dei nutrienti, ed è fondamentale per mantenere la pelle sana.

 

 

La vitamina B5 è disponibile sottoforma di integratore alimentare, come acido D-pantotenico, dexpantenolo o calcio pantotenato, tutte sostanze chimiche sintetizzate in laboratorio a partire dall'acido D-pantotenico.

L'acido pantotenico viene spesso usato in combinazione con altre vitamine del gruppo B, in formulazioni che contengono la vitamina B1 (tiamina), la vitamina B2 (riboflavina), la vitamina B3 (niacina / niacinamide), la vitamina B5 (acido pantotenico), la vitamina B6 (piridossina), la vitamina B12 (cianocobalamina) e l'acido folico.

 

 

L'acido pantotenico viene utilizzato per moltissime condizioni, anche se non ci sono prove scientifiche sufficienti tali da garantirne l'efficacia.

L'acido pantotenico viene assunto per il trattamento di carenze alimentari, l'acne, l'alcolismo, le allergie, la calvizie, l'asma, il disturbo da deficit di attenzione-iperattività (ADHD), l'autismo, le infezioni da lieviti, l'insufficienza cardiaca, lasindrome del tunnel carpale, i disturbi respiratori, la celiachia, la colite, la congiuntivite, le convulsionie le cistiti. Viene anche promosso come integratore per combattere la forfora, la depressione, il dolore neuropatico diabetico, per migliorare la funzione immunitaria, le prestazioni atletiche, per combattere i capelli grigi, il mal di testa, l'iperattività, abbassare la glicemia, combattere l'insonnia, l'irritabilità, l'ipotensione (pressiona bassa), la sclerosi multipla e la distrofia muscolare, i crampi muscolari alle gambe connessi con la gravidanza o l'alcolismo, le nevralgie, e l'obesità.

L'acido pantotenico è anche utilizzato per contrastare l'osteoartrosi, l'artrite reumatoide, il morbo di Parkinson, il dolore ai nervi, la sindrome premestruale (PMS), l'ingrossamento della prostata, la protezione contro lo stress e l'ansia, ridurre gli effetti avversi della terapia della tiroide in ipotiroidismo congenito, ridurre i segni dell'invecchiamento... E tanti altri.

 

 

Il dexpantenolo, che come abbiamo visto è una forma di acido pantotenico, viene anche applicato sulla pelle, sottoforma di crema o unguento, contro il prurito, per promuovere la guarigione di eczemi lievi e di altre malattie della pelle, punture di insetti, morsi, dermatite da pannolino e acne.

Controindicazioni

L'acido pantotenico è sicuro quando assunto in quantità fino a 5 mg al giorno. Quantità superiori sembrano essere sicure, salvo l'insorgenza di alcuni effetti collaterali minori, quali la diarrea.

Dosi elevate inibiscono l'assorbimento di biotina. È sconsigliata l'assunzione per chi è affetto da emofilia, e per chi assume levodopa (ne inibisce l'effetto).

Vitamina B5 integratori

Benefici dell'integrazione di acido pantotenico

Effetti accertati (forte evidenza)

Utile per risolvere i casi di carenza di vitamina B5

Dosaggio consigliato

La dose giornaliera consigliata per l'adulto è di 5 mg al giorno, che salgono a 6 in caso di gravidanza e 7 in caso di allattamento. L'integrazione solitamente viene effettuata con dosi di 5-10 mg al giorno.

Conclusioni

Una normale alimentazione garantisce l'apporto giornaliero raccomandato di acido pantotenico.

I fumatori, o chi abusa di alcol o droghe, nonché i soggetti affetti da patologie degenerative (come le malattie autoimmuni), gli ustionati e chi ha subito interventi chirurgici, o coloro che presentano una carenza accertata, necessitano di quantità superiori, ottenibili con l'integrazione di vitamina B5, o tramite un multivitaminico.

Bibliografia

Postoperative management after cesarean section--infusion therapy and role of intestinal stimulation with parasympathomimetic drugs and dexpanthenon

Effect of pantothenic acid and ascorbic acid supplementation on human skin wound healing process. A double-blind, prospective and randomized trial

A randomized, prospective, double-blind study of the efficacy of dexpanthenol nasal spray on the postoperative treatment of patients with chronic rhinosinusitis after endoscopic sinus surgery

Dexpanthenol pastille and benzydamine hydrochloride spray for the prevention of post-operative sore throat

Physiological and performance responses to supplementation with thiamin and pantothenic acid derivatives

Dietary Reference Intakes for Thiamin, Riboflavin, Niacin, Vitamin B6, Folate, Vitamin B12, Pantothenic Acid, Biotin, and Choline

Dietary reference intakes: The new basis for recommendations for calcium and related nutrients, B vitamins, and choline

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Colesterolo totale, HDL, LDL

Il colesterolo è una molecola organica, appartenente alla classe dei lipidi. Quando bisogna preoccuparsi, se i valori sono troppo alti?


Microbiota (o microbioma) intestinale

Con il termine disbiosi si indica un'alterazione della flora batterica intestinale, anche chiamato microbiota o microbioma intestinale.


Fibrinogeno alto e basso (analisi del sangue)

Il fibrinogeno è uno dei fattori responsabili della coagulazione del sangue, essenziale per i processi di guarigione del corpo.

 


Trigliceridemia: cause, valori, terapia

Con il termine trigliceridemia si indica la quantità di trigliceridi nel sangue. I trigliceridi sono dei lipidi che si accumulano all’interno delle cellule.


ACE-inibitori (farmaci)

Gli ACE-inibitori sono una tipologia di farmaci che possono essere utilizzati per una serie di patologie, come l'ipertensione, la sclerodermia e l'emicrania.


Calcoli tonsillari (tonsilloliti)

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.


Antitrombina

L'antitrombina è una proteina prodotta dal fegato e ha il compito di regolare il grado di coagulabilità del sangue.