Dismenorrea o dolore mestruale

La dismenorrea è una mestruazione dolorosa causata da crampi di origine uterina.

Il dolore mestruale, che si irradia fino alle gambe e alla schiena, soprattutto nella regione lombare, può durare dalle 8 alle 72 ore, può essere accompagnato da diarrea, nausea e cefalea con un coinvolgimento del sistema neurovegetativo tale da portare a volte a sincope e collasso.

 

 

A causa dei dolori lancinanti all'addome infatti qualche donna è costretta persino a stare a letto senza svolgere alcun tipo di attività.

Le tipologie di dismenorrea

La dismenorrea può essere primaria o secondaria.

La dismenorrea primaria si definisce tale perché non è legata a nessun tipo di patologia organica e proprio per questo lascia un piccolo spazio alla prevenzione.

Riguardo alla sua eziologia comunque, anche se particolari reazioni psicologiche sono presenti in donne dismenorroiche, nelle quali sicuramente è importante la rassicurazione psicologica, attualmente si ritiene che alla base della dismenorrea primaria vi sia un'aumentata produzione e rilascio di prostaglandine (mediatori dei processi infiammatori) a livello dell'endometrio di donne con cicli ovulatori.

La dismenorrea primaria colpisce soprattutto le giovani donne e i sintomi si affievoliscono già intorno ai trenta anni fino a scomparire generalmente dopo il parto.

La dismenorrea secondaria invece, si definisce tale perché i dolori sono causati da problemi di natura organica come l'endometriosi, la presenza di cisti ovariche, l'adenomiosi, la presenza di fibromi, il varicocele pelvico, le malformazioni congenite utero-vaginali. Questo tipo di dismenorrea è diagnosticato attraverso l'ecografia transvaginale.

 

 

Terapia della dismenorrea

Dismenorrea

Nel caso della dismenorrea secondaria si parla di terapia chirurgica, mentre nel caso di dismenorrea primaria, ha senso parlare di vari tipi di terapia, essendoci tra l'altro numerosi studi clinici al riguardo:

- farmaci antinfiammatori non steroidei (diversi dall'aspirina che ha maggiore potenziale emorragico) e paracetamolo; - utilizzo di contraccettivi orali i quali riducono la crescita endometriale e la concentrazione delle prostaglandine nel fluido mestruale, migliorando la sintomatologia; - trattamenti chirurgici come l'interruzione del decorso dei nervi pelvici (di utilità non determinata); - manipolazione vertebrale (di utilità discutibile);

 

 

Come prevenzione per la dismenorrea primaria può essere utile la somministrazione di vitamina B1 (presente in vari alimenti come il germe di frumento, il maiale, la soia secca, la crusca di frumento, le noci, i legumi…) e di magnesio (i cui alimenti più ricchi sono il cacao, le noci, le mandorle, i fagioli, i cereali integrali, i gamberi, ma anche alcuni frutti e verdure, come broccoli, cavolfiori, rape, carote, cipolle, melanzane, lattuga, pomodori, lamponi, more, melone, ciliegie, fragole, arance, ananas, uva). Questo minerale è molto importante per il mantenimento del potenziale di membrana e sembra agire a livello nervoso alzando la soglia del dolore, migliorando quindi la sintomatologia della dismenorrea.

Qualora la risposta della paziente sia scarsa ai trattamenti proposti, sarà opportuno rivalutare la possibile natura secondaria della dismenorrea tramite laparoscopia e isteroscopia. Solo in ultima istanza verrà proposto un aiuto psichiatrico.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Salute oculare: come prendersi cura dei propri occhi

Salute oculare: come prendersi cura dei propri occhi

Integratori per la vista e la salute degli occhi

Alcune sostanze contenute nei cibi, ma assumibili anche sottoforma di integratori, possono ritardare l'insorgenza di alcune patologie dell'occhio legate all'età.

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli: omega 3 e altri integratori.

Fungo Chaga: l'integratore con più rischi che benefici

Chaga è un fungo al quale vengono riconosciute proprietà terapeutiche contro alcune patologie, in realtà tutte da dimostrare. E non mancano le controindicazioni.

 

Cannabidiolo (CBD) - cosa sappiamo e cosa no

Il CBD (cannabidiolo) è un cannabinoide che si trova nella cannabis light: scopriamone pregi e difetti.

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.