Bronchiectasie

La bronchiectasia è una patologia a carico delle vie respiratorie che provoca dilatazioni croniche di diverse porzioni dell'albero bronchiale. Di solito sono il risultato di un'infezione o di altra condizione che danneggia le pareti delle vie respiratorie o che altera la produzione di muco nelle vie aeree. Il muco è una sostanza vischiosa che le vie aeree producono per aiutare a rimuovere la polvere, i batteri e altre piccole particelle che vengono inalate quotidianamente.

 

 

Nelle bronchiectasie, le vie respiratorie perdono lentamente la loro capacità di eliminare il muco e quando il muco non può essere eliminato, si accumula e crea un ambiente favorevole in cui i batteri possono crescere e proliferare. Questo, porta alla formazione di ripetute infezioni polmonari gravi.

Ogni infezione provoca diversi danni alle vie respiratorie e nel corso del tempo, le vie aeree perdono la loro capacità di scambiare l'aria fra l'ambiente e il circolo ematico. Questo può causare una diminuzione di ossigeno che penetra nell'organismo e quindi negli organi vitali.

Le bronchiectasie possono portare a gravi complicanze, come l'insufficienza respiratoria, l'atelettasia e l'insufficienza cardiaca.

Cause

I danni alle pareti delle vie aeree di solito sono la causa di bronchiectasie e spesso un'infezione polmonare può causare questi danni. Esempi d'infezioni polmonari che possono portare a bronchiectasie includono:

 

 

Inoltre anche condizioni che danneggiano le vie respiratorie e aumentano il rischio d'infezioni polmonari possono portare a bronchiectasie. Esempi di tali condizioni includono:

  • Fibrosi cistica: questa malattia causa quasi la metà dei casi di bronchiectasie nei Paesi occidentali.
  • Disturbi da immunodeficienza: come l'immunodeficienza variabile comune e, meno spesso, l'HIV e l'AIDS.
  • Aspergillosi broncopolmonare allergica: reazione allergica causata da un fungo chiamato Aspergillus. La reazione provoca gonfiore delle vie aeree.
  • Disturbi che colpiscono la funzione ciliare: come la discinesia ciliare primaria; le ciglia sono piccole strutture simili a peli che rivestono le vie respiratorie e aiutano l'eliminazione del muco dall'albero bronchiale.
  • Cronica aspirazione polmonare: è una condizione in cui viene inalato cibo, liquidi, saliva o il contenuto gastrico si riversa nei polmoni. L'aspirazione può infiammare le vie respiratorie e può portare a bronchiectasie.
  • Malattie del tessuto connettivo: come l'artrite reumatoide, la sindrome di Sjögren e il morbo di Crohn.

Altre patologie, come ad esempio l'ostruzione delle vie aeree, possono portare a bronchiectasie. Molte condizioni possono causare un'ostruzione, come ad esempio un tumore oppure un oggetto che passa attraverso le via aeree (un pezzo di un giocattolo o una nocciolina) che inalato può anche causare un'ostruzione delle vie aeree.

Manifestazioni cliniche

 

 

I segni e sintomi di bronchiectasie possono richiedere mesi o anche anni per manifestarsi. Le manifestazioni cliniche più frequenti includono:

  • tosse cronica;
  • escreato ematico;
  • suoni anomali o sibili al petto durante la respirazione;
  • fiato corto;
  • dolore al petto;
  • tosse con grandi quantità di muco prodotto ogni giorno;
  • alito con cattivo odore;
  • cute cianotica;
  • perdita di peso;
  • affaticamento;
  • ispessimento della pelle sotto le unghie e i piedi.
Bronchiectasie

Diagnosi

Il sospetto diagnostico di bronchiectasia inizia se si è affetti da una tosse quotidiana che produce grandi quantità di espettorato (muco).

Per confermare la diagnosi, generalmente vengono raccomandati alcuni esami con i seguenti scopi:

  • identificare eventuali cause che richiedono un trattamento;
  • escludere altre condizioni che causano i sintomi;
  • evidenziare quanto le vie respiratorie sono danneggiate.

Gli esami standard comprendono:

  • TAC torace: è il test più comune per la diagnosi di bronchiectasie e può mostrare l'entità e la posizione dei danni ai polmoni. La TAC fornisce immagini più dettagliate rispetto a una radiografia standard del torace.
  • Radiografia del torace: questo test indolore crea immagini delle strutture toraciche, come il cuore e i polmoni. Tale esame può mostrare aree polmonari anomali e ispessite e pareti delle vie aeree irregolari.

A seconda delle necessità, è possibile eseguire i seguenti altri esami:

  • Analisi del sangue: in cui si può dimostrare se si è affetti da una condizione medica di base che può condurre a bronchiectasie. Gli esami del sangue possono anche mostrare eventuali infezioni o bassi livelli di alcune cellule del sangue che combattono le infezioni.
  • Coltura dell'espettorato: le prove di laboratorio sono in grado di dimostrare se un campione di espettorato contiene batteri (ad es. i batteri che causano la tubercolosi) o funghi.
  • Test di funzionalità polmonare: tali test misurano la quantità di aria che entra ed esce dai polmoni, quanto velocemente viene espulsa l'aria e quanto i polmoni forniscono ossigeno al sangue. I test di funzionalità polmonare possono contribuire a mostrare la quantità dei danni ai polmoni.
  • Test del sudore: per diagnosticare la fibrosi cistica.

Infine se le bronchiectasie non rispondono al trattamento, il medico può raccomandare l'esecuzione di una broncoscopia; procedura in cui è possibile guardare direttamente le via aeree di calibro maggiore. Durante la broncoscopia, un tubo flessibile (broncoscopio) con una luce posta nella parte terminale, viene inserita attraverso il naso o la bocca. Essa fornisce un'immagine video delle vie respiratorie, in modo da mostrare se è presente un blocco delle vie aeree; inoltre la procedura può anche mostrare la fonte di un qualsiasi sanguinamento a partenza dalle vie respiratorie.

Terapia

Non esiste una cura per le bronchiectasie, ma diversi trattamenti possono aiutare a gestire la condizione. L'obiettivo principale del trattamento è quello di mantenere le infezioni e le secrezioni bronchiali sotto controllo ed è anche fondamentale per evitare ulteriori ostruzioni alle vie aeree e ridurre al minimo i danni ai polmoni. I metodi più comuni di trattamento delle bronchiectasie includono:

  • antibiotici per combattere le infezioni (macrolidi);
  • broncodilatatori come salbutamolo e tiotropio per dilatare le vie aeree;
  • farmaci per eliminare il muco;
  • espettoranti per aiutare la rimozione del muco con la tosse;

Nei casi in cui vi sia sanguinamento nei polmoni o se le bronchiectasie sono localizzate in una sola porzione del polmone, la chirurgia può essere necessaria per rimuovere l'area interessata.

L'eliminazione delle secrezioni bronchiali può anche essere eseguita su base giornaliera come parte del trattamento e a questo scopo possono essere utili esercizi di ginnastica respiratoria che includono tecniche per aiutare a eliminare il muco in eccesso attraverso la tosse.

Se le bronchiectasie sono causate da condizioni come i disturbi del sistema immunitario o la BPCO, è necessario trattare queste patologie.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.