Binge drinking

Il termine binge drinking letteralmente significa "abbuffata alcolica", e si riferisce all'uso eccessivo di sostanze alcoliche (per esempio cinque drink in un'unica occasione) in situazioni potenzialmente rischiose (come durante la guida).

 

 

Il binge drinking è una modalità di consumo dell'alcol patologica, la persona ha infatti problemi nel controllo dell'assunzione di bevande alcoliche. Si differenzia dall'alcolismo, in quanto l'abuso alcolico non è quotidiano, ma si tratta appunto di un'abbuffata, che solitamente avviene nei week-end.

Tale disturbo nacque delle cattive abitudini degli studenti universitari americani, e successivamente fu "copiato" dagli europei, in particolare dai paesi nordici. L'uso di alcol in maniera insana mette a rischio la salute e la sicurezza, causando tanti altri problemi alcol-correlati. Bere in maniera ripetuta porta a dei risultati di disagio significativo e a problemi nel funzionamento della vita quotidiana.

La severità del disturbo da uso di alcol può variare da lieve a grave. Tuttavia, anche un disturbo lieve può degenerare e portare a seri problemi, quindi il trattamento precoce è importante.

 

 

Cause

Come in tanti disturbi non esiste una sola causa che porta al suo sviluppo, ma esistono una serie di fattori genetici, psicologici, sociali e ambientali che possono influire sul modo di consumare l'alcol e su come questo agisce sul corpo e sul comportamento.

Alcune teorie suggeriscono che per alcune persone bere ha un impatto diverso e più forte che per altre, e questo può portare all'abuso di alcol. Nel corso del tempo, bere troppo alcol può cambiare la normale funzione delle aree del cervello associate all'esperienza del piacere, del giudizio e della capacità di esercitare controllo sul proprio comportamento. Ciò può portare ad associare l'alcol alla capacità di sollevare l'umore, aumentare i sentimenti positivi e ridurre quelli negativi.

I giovani spesso riportano che bevono perché: è divertente, disinibisce, rende felici, e fa dimenticare i problemi.

Binge drinking

Sintomi

Il disturbo da uso di alcol, in generale, può essere lieve, moderato o grave, in base al numero di sintomi che si verificano.

I segni e i sintomi possono includere:

  • non essere in grado di limitare la quantità di alcol quando si beve;
  • fallire nel tentativo di ridurre la quantità d'alcol;
  • passare molto del proprio tempo a bere;
  • avere un forte desiderio o voglia di bere alcolici;
  • l'uso di alcol si ripercuote sugli obblighi del lavoro, della casa, o di scuola, impedendone la riuscita;
  • assumere alcolici, anche se stanno causando problemi fisici, sociali o interpersonali;
  • rinunciare o ridurre le attività sociali, di lavoro e gli hobby per bere;
  • bere alcol anche in situazioni pericolose, come durante la guida;
  • sviluppare una forte tolleranza all'alcol e aumentare le dosi per sentire il suo effetto;
  • vivere sintomi di astinenza, come nausea, sudorazione e agitazione, quando non si beve, o bere per evitare questi sintomi.

 

 

Il disturbo da uso di alcol può includere periodi di intossicazione da alcool e sintomi di astinenza.

L'intossicazione da alcol avviene quando la sua quantità è eccessiva nel sangue, e più alta è la concentrazione di alcol nel sangue più aumenta il rischio di una grave compromissione comportamentale e mentale. Questi possono includere comportamento inappropriato, umori instabili, giudizio alterato, difficoltà di parola, compromissione della memoria e scarso coordinamento. Si può anche avere periodi cosiddetti di "black-out", in cui non ci si ricorda degli eventi passati. Livelli molto elevati di alcol nel sangue possono portare al coma o addirittura alla morte.

I sintomi di astinenza da alcol possono verificarsi quando l'uso di alcol è stato eccessivo e prolungato e viene poi interrotto o fortemente ridotto in poco tempo. Possono verificarsi entro alcune ore fino a quattro o cinque giorni dopo. I sintomi includono:

  • sudorazione;
  • tachicardia;
  • tremori alle mani;
  • problemi del sonno;
  • nausea e vomito;
  • allucinazioni;
  • irrequietezza e agitazione;
  • ansia.

I sintomi possono essere abbastanza gravi da compromettere la capacità di funzionamento sul luogo lavoro o in situazioni sociali.

L'Istituto nazionale definisce l'abuso di alcool e l'alcolismo quando si assumono 5 o più delle seguenti quantità alcoliche:

  • 330 ml di birra (circa il 5% di alcol);
  • 250 ml di birra doppio malto (circa il 7% di alcol);
  • 125 ml di vino (circa il 12% di alcol);
  • 40 ml di superalcolici (circa il 40% di alcol).

Fattori di rischio

I fattori di rischio per il disturbo da uso di alcol comprendono:

  • Bere costantemente nel tempo può portare allo sviluppo sia del binge drinking che dell'alcolismo.
  • Età: il binge drinking è molto più comune tra i giovani e gli adolescenti, e con l'età può trasformarsi in alcolismo. Le persone che iniziano a bere in età precoce sono a più alto rischio di sviluppare un disturbo da uso di alcol.
  • Storia famigliare e fattori genetici: il rischio di disturbo da uso di alcol è più elevato per le persone che hanno un genitore o un altro parente stretto che ha problemi con l'alcol.
  • Depressione e altri problemi di salute mentale: è comune per le persone con un disturbo di salute mentale come l'ansia, la depressione, la schizofrenia o il disturbo bipolare avere problemi con l'alcool o altre sostanze.
  • Fattori sociali e culturali: avere amici o un partner vicino che beve regolarmente potrebbe aumentare il rischio di disturbo da uso di alcol. Soprattutto nel binge drinking il ruolo del gruppo e la pressione sociale giocano un ruolo fondamentale nei giovani, che subiscono pressioni di omologazione da parte dei pari. Anche i mass media mostrano come bere qualche drink la sera sia considerata un'azione quasi "glamour" tra i giovanissimi.
  • Delinquenza minorile e disturbi della condotta: possono essere comportamenti spesso co-presenti.

Diagnosi

Il binge drinking, essendo un disturbo molto recente, non è inserito del DSM-5, usato solitamente per diagnosticare i disturbi mentali. Il binge drinking si verifica quando una persona di sesso maschile consuma cinque o più bevande entro due ore e una persona di sesso femminile almeno quattro bevande entro due ore e solitamente si fa riferimento ad un arco di 6 mesi. Il binge drinking fa parte dei disturbi da abuso di alcol e vengono utilizzati i test e le indicazioni adoperati per ess, che comprendono:

  • Anamnesi: si pongono domande relative alle abitudini del consumo alcolico. Spesso viene chiesto il permesso di parlare con i membri della famiglia o amici.
  • Esame fisico: eseguito per indagare i molti segni fisici che indicano l'abuso cronico di alcol.
  • Esami di laboratorio: non esistono test specifici per diagnosticare il disturbo da uso di alcol, ma alcune anomalie dei test di laboratorio possono fortemente suggerire un abuso alcolico. Vengono inoltre indicati per identificare eventuali problemi di salute che possono essere collegati all'uso di alcol.
  • Valutazione psicologica: questa valutazione comprende domande sui sintomi, pensieri, sentimenti e comportamenti. A volte vengono proposti questionari da compilare in modo da standardizzare le risposte.
  • Criteri del DSM-5: il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali 5 (DSM-5), pubblicato dalla American Psychiatric Association, è spesso usato dagli psichiatri per porre diagnosi di disturbo da uso di alcol.

Trattamento

Il trattamento per il binke drinking può variare a seconda delle esigenze; la terapia può comportare una breve consulenza psicologica, una terapia individuale o di gruppo, un programma ambulatoriale oppure un ricovero ospedaliero. L'obiettivo principale del trattamento è di arrestare l'uso di alcol per migliorare la qualità della vita del paziente.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

 

Bacopa monnieri - Integratori - Controindicazioni

La Bacopa monnieri è una pianta usata nella medicina ayurvedica a cui si attribuiscono diversi effetti, alcuni molto probabili altri meno.

Mucuna pruriens: l'integratore per il Parkinson

La mucuna pruriens è una pianta studiata perché ricca di L-Dopa e quindi di potenziale utilizzo, fra gli altri scopi, per alleviare i sintomi del Parkinson.

Foam roller: funziona? Utilizzo per schiena, ginocchio, cellulite...

Il foam roller è uno strumento di auto-trattamento molto di moda. Scopriamo per cosa è davvero efficace, e come utilizzarlo.

Integratori di vitamine B per la salute mentale

Gli integratori di vitamine B potrebbero essere utili per la salute mentale, ma i loro effetti a riguardo non sono ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.