I prodotti per perdere peso

Moltissime persone si affidano ai prodotti per perdere peso, molto pubblicizzati in televisione, sui giornali e nelle riviste.

Esistono diverse tipologie di prodotti, che si possono suddividere in 3 categorie principali: i dimagranti da banco, i dimagranti con prescrizione medica e i sostituti del pasto.

In questo articolo tratterò i sostituti del pasto, mentre i prodotti dimagranti da banco, e i medicinali con prescrizione medica verranno trattati in due articoli distinti.

I prodotti per perdere peso: sostituti del pasto

Prodotti perdere peso

Questi prodotti sono dei preparati in polvere da diluire con acqua o latte, ottenendo un composto liquido, da bere, ma piuttosto denso, che può essere assunto ovunque con relativa facilità.

Ancor più pratici sono i prodotti sottoforma di barretta, che non necessitano di preparazione e possono essere assunti così come sono.

In genere questi prodotti contengono:

  • una quantità di calorie compresa tra le 200 e le 300;
  • una ripartizione dei macronutrienti ideale, vicina al 50% di carboidrati, 30% di grassi e 20% di proteine;
  • un complesso multivitaminico e multiminerale in grado di soddisfare il fabbisogno giornaliero;
  • una buona quantità di fibre solubili, che assorbono acqua nello stomaco regalando un senso di sazietà (le barrette vanno assunte bevendo molta acqua, per consentire l'effetto gonfiante delle fibre contenute nelle barrette).

 

 

Alcuni prodotti specifici per perdere peso contengono anche sostanze stimolanti il metabolismo, come il guaranà o la caffeina.

Funzionano? Dipende cosa ci si aspetta da questi prodotti.

Ovviamente un pasto da 300 kcal, che apporti una buona quantità di proteine, vitamine e minerali e soprattutto che regali un senso di sazietà per almeno 3-4 ore è molto utile all'interno di un regime alimentare per perdere peso. È altrettanto vero che senza un controllo delle calorie negli altri pasti della giornata è facilissimo sgarrare vanificando l'effetto del prodotto sostitutivo del pasto.

Dunque, non ci si può aspettare che questi prodotti siano gli unici resposabili della perdita di peso, possono essere un valido aiuto per coloro che sono costretti a mangiare fuori casa, oppure possono rappresentare un'ancora di salvezza quando ci si trova nelle necessità di mangiare senza la possibilità di scegliere alimenti di cui conosciamo le calorie.

 

 

Alcuni programmi per perdere peso sono basati esclusivamente su prodotti sostituti del pasto, è il caso di Herbalife. In questo caso si fa un utilizzo improprio di questi prodotti, che non sono più un sostituto del pasto, ma un surrogato dell'alimentazione andando cioè a sostituire buona parte dei cibi assunti in una giornata. È ovvio che la situazione non è sostenibile a lungo termine e comunque, ammesso e non concesso che si riesca a dimagrire, una volta cessata la dieta e ripresa la normale alimentazione, non essendoci alla base nessun tipo di educazione alimentare, il soggetto è costretto per il resto dei suoi giorni a integrare parzialmente con il sostituto del pasto altrimenti riprende il peso perduto nel giro di pochi mesi.

Come scegliere i sostituti del pasto

I sostituti del pasto non devono quindi essere considerati solo prodotti per perdere peso, ma anche validi snack ipocalorici da utilizzare quando non esistono alternative decenti dal punto di vista calorico o salutistico. Questi prodotti vanno scelti utilizzanfo gli stessi criteri degli altri prodotti alimentari, quindi:

  • controllare che contengano solo grassi genuini, quindi evitare oli vegetali generici o peggio idrogenati e puntare su oli specificati, ancor meglio se olio extravergine di oliva;
  • utilizzare prodotti privi di conservanti o scegliere quelli che utilizzano conservanti innocui;
  • scegliere prodotti con una buona quantità di proteine, di almeno 15 g per ogni 100 g di prodotto, ancora meglio se tale percentuale supera il 20%.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Ricotta di vacca, pecora e capra - Calorie della ricotta

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Vitamina B9 (acido folico)

La vitamina B9 o acido folico è fondamentale nella sintesi di aminoacidi, una sua carenza è particolarmente rischiosa in gravidanza.


Vitamina B6 (piridossina)

La vitamina B6 o piridossina è coinvolta nel metabolismo di proteine e grassi, la sua integrazione può essere utile per alcune patologie.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

 


Vitamina B5 (acido pantotenico)

La vitamina B5 o acido pantotenico è importante per il metabolismo dei macronutrienti e svolge anche altre importanti funzioni.


Vitamina B3 (niacina)

La vitamina B3 o niacina è importante per la produzione di energia, per il sistema nervoso, lo stomaco e l'intestino.


Vitamina B2 (riboflavina)

La vitamina B2 o riboflavina è coinvolta nel metabolismo energetico, non è dimostrata la sua efficacia per migliorare la salute di unghie, capelli e pelle.


Bacon e pancetta: quali differenze?

Molti utilizzano il termine bacon come sinonimo di pancetta, ma in realtà sono due prodotti diversi. Scopriamone le differenze.