Vongola filippina

 

La vongola filippina è conosciuta anche come falsa vongola verace per via dell'estrema somiglianza tra le due specie di vongole entrambe appartenenti alla famiglia delle Veneridae. La Tapes decussatus, la vongola verace nostrana, autoctona, si riconosce per i due sifoni disgiunti, mentre la Tapes philippinarum, la vongola filippina, alloctona, si riconosce per i due sifoni uniti (vedi foto in basso).

La vongola filippina è molto importante nel settore ittico italiano poiché, introdotta alcuni decenni fa per scopi commerciali negli allevamenti, ha preso talmente piede da soppiantare ormai del tutto la nostrana vongola verace e, purtroppo, viene venduta come vongola verace poiché la normativa italiana prevede che questo appellativo le sia concesso.

Introduzione della vongola filippina nell'Adriatico

A partire dagli anni Sessanta del secolo scorso in Adriatico iniziò lo sfruttamento della vongola verace nostrana (Tapes decussatus), che in un decennio divenne molto popolare e redditizio. L'impiego di tecnologie moderne e l'incremento dell'attività di raccolta, unitamente al peggioramento della qualità ambientale delle zone di allevamento (sacche del Po principalmente), portarono in breve tempo al sovrasfruttamento della risorsa, la cui redditività economica crollò in pochi anni.

Alla metà degli anni Ottanta, quindi, si tentò l'introduzione della vongola filippina (Tapes philippinarum), una specie esotica originaria dell'Indopacifico in via del tutto sperimentale e quasi involontaria.

La vongola filippina, però, si adattò molto bene all'ambiente della foce del Po e favorì, negli anni Novanta, un notevole sviluppo economico delle regioni dell'Alto Adriatico.

Attualmente, anche lo sfruttamento di questa specie ha raggiunto livelli difficilmente sostenibili.

 

 

Caratteristiche della vongola filippina

Vongola filippina

La vongola filippina proviene dall'Oceano Pacifico e dall'Oceano Indiano, ha due valve simmetriche a costolatura grossolana disposta a spirale, con solchi radiali. Il colore è grigio-bruno-giallastro, spesso marmorizzato o a fasce laterali.

Arriva fino a 4 cm di lunghezza e la sua caratteristica distintiva è quella di avere i due sifoni uniti tra di loro. 

Dal punto di vista biologico la vongola filippina è riuscita a "battere" la nostrana verace per alcuni fattori determinanti:

  • una riproduzione molto più veloce (il periodo riproduttivo è doppio rispetto a quello della verace),
  • tempi di crescita molto più brevi (2 anni anziché 3 per arrivare alla taglia in cui viene commercializzata),
  • maggiore resistenza a carenza di ossigeno o a parassitismo,
  • maggiore sopportazione delle variazioni di salinità che ci sono alla foce del Po.

Quanto al gusto, la vongola filippina è meno saporita della verace e le sue carni sono meno tenere.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Crescentine e gnocco fritto

Le crescentine e il gnocco fritto: il tipico antipasto bolognese.


Naturhouse - Dieta per dimagrire

La dieta Naturhouse funziona? La nostra analisi critica: prezzi, opinioni, controindicazioni.


Punta di petto

Punta di petto : il taglio di carne bovina di terza categoria utilizzato per il brodo, ma negli USA anche per fare i panini.


Caffè d'orzo: il caffè senza caffeina

Il caffè d'orzo, un surrogato del caffè ma senza caffeina. Come si prepara, calorie, storia e proprietà.

 


Lime o limetta

Lime o limetta, un frutto che sopravvive solo nei climi tropicali.


Brioche ricetta originale francese

La brioche: la ricetta originale di un dolce da forno lievitato di origine francese e dalle mille varianti.


Olio di soia

L'olio di soia è uno degli oli più utilizzati al mondo, utilizzato per cucinare o come base per produrre margarina.


Calorie della verdura

Le calorie della verdura: quando è possibile trascurarle e quando, invece, possono rappresentare un valido alleato nelle diete.