Uovo di mare o limone di mare

Scientificamente si chiama microcosmus, ma comunemente è conosciuto come uovo di mare o limone di mare ed è uno dei frutti di mare meno conosciuti e meno commercializzati in Italia, ma chi l'ha assaggiato sostiene sia una delizia. Dell'uovo di mare si mangia la sacca gialla dove sono contenuti i visceri ed ha un sapore decisamente asprigno (da cui il nome limone di mare).

 

 

L'uovo di mare è stato chiamato Microcosmus sulcatus o Microcosmus vulgaris poichè tutto intorno alla sua tunica si insediano altri organismi, tanto da farlo sembrare un giardino fiorito (alghe, attinie, spugne, policheti sedentari etc...).

Ciò lo rende anche difficile da riconoscere, dato che ha uno stile di vita sessile e vive attaccato al substrato del fondale marino.

Ha una forma cilindrica che varia dai 5 ai 10 cm di lunghezza, predilige fondali rocciosi o melmosi, lontani dalla zona costiera finanche a 100 metri di profondità.

Si trova in tutto il Mar Mediterraneo.

L'uovo di mare si alimenta per filtrazione di fitoplancton attraverso ciglia che convogliano l'acqua di mare e il nutrimento in sospensione verso il sifone inalante e la bocca vera e propria.

Proprio vicino alla bocca c'è l'endostilo, che è una ghiandola ricca di iodio, come un'antesignana della tiroide, e che rendono l'uovo di mare uno dei cibi con il maggior livello di iodio.

Uovo mare

I microcosmus sono specie ermafrodite insufficienti, la fecondazione è esterna e la larva somiglia molto ad un girino.

Il suo sangue contiene il vanadio, un metallo, poiché l'emovanadina sostituisce l'emoglobina.

L'uovo di mare per i gourmet

Questo frutto di mare viene consumato nelle zone costiere del Sud Italia, soprattutto in Puglia, ma anche in Francia, dove entra a far parte della Bouillabaisse, una zuppa di pesce tipica della Provenza, in Cile e nel Sud-Est asiatico. Viene mangiato sia cotto che crudo.

In inglese è conosciuto come sea fig (fico di mare) o sea squirt (schizzo di mare). In Francia, invece, viene detto violet (viola) per via del colore violaceo dei suoi sifoni.

 

 

Ha un sapore molto salmastro, un gusto forte che ricorda l'acido fenico e lo zolfo, insomma un alimento per palati coraggiosi!

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cookie dough: l'impasto per biscotti goloso e crudo

Il cookie dough è un impasto per biscotti che si consuma crudo. Per questo motivo si prepara in genere senza uova. Ne esistono di diverse versioni con diversi gusti.


Acqua riciclata: come, perché e usi pratici

L'acqua riciclata può essere realizzata a partire dall'acqua piovana anche a livello casalingo attraverso impianti specifici; essi non hanno costi elevati.


Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

La pizza con i kiwi è stata di recente proposta da uno chef svedese, che ha ricevuto per questo anche diversi insulti per aver fatto un'offesa alla tradizione culinaria italiana.


Pizza con ananas: gusto, ricetta e variante gourmet

La pizza all'ananas è una variante nata in Canada ma molto diffusa in America. Il gusto è soggettivo: molti la apprezzano, altri la ritengono inaccettabile.

 


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.