I mieli uniflorali e millefiori

Guarda il video >>

Il miele si definisce uniflorale quando le api bottinano il nettare prevalentemente da una specie botanica. In questo caso si origina un miele che ha particolari caratteristiche organolettiche.

 

 

Avremo quindi un miele diverso per ogni specie botanica (miele di acacia, di sulla, di rododendro, ecc.).

Non tutte le specie botaniche sono adatte alla produzione di miele, i motivi principali riguardano il periodo di fioritura e la produzione di nettare, oltre ovviamente alla diffusione della specie botanica nel territorio nazionale.

L'Italia è senz'altro uno dei paesi con la più grande varietà di mieli uniflorali prodotti e studiati dal punto di vista chimico-fisico e organolettico.

L'Istituto Nazionale di Apicoltura è l'organo che si occupa dello studio e della caratterizzazione dei mieli uniflorali italiani. In Italia si producono con continuità e in quantità sufficienti a garantire un mercato non marginale 18 mieli uniflorali, che possiamo dividere in due gruppi a seconda della intensità gusto-olfattiva.

I mieli uniflorali, quando molto puri, hanno caratteristiche organolettiche diversissime tra loro. Purtroppo in commercio non è facile trovare mieli molto puri, spesso infatti i mieli dichiarati uniflorali sono inquinati da altre specie, che ne "diluiscono" le caratteristiche.

 

 

I mieli a bassa o media intensità gusto olfattiva

Il miele di acacia, sulla, rododendro, erba medica hanno un colore chiaro, un odore molto debole, spesso quasi impercettibili, un aroma delicato e un gusto più o meno dolce a seconda del miele. Il miele di acacia, grazie alla elevata percentuale di fruttosio, è il più dolce e cristallizza solo dopo diversi anni.

I mieli di girasole e agrumi hanno una intensità gusto-olfattiva più elevata dei precedenti, anche se molto diverse tra loro.

I mieli a medio-alta intensità gusto-olfattiva

Miele uniflorale

I mieli di cardo, timo, ailanto, tiglio, tarassaco, eucalipto, colza, erica, castagno e corbezzolo presentano intensità gusto olfattive decisamente più importanti e diversificate.

Quando molto puri, presentano odori e aromi molto forti e caratteristici, alcuni dei quali possono risultare sgradevoli o stucchevoli.

Per esempio, la colza è considerata dalla maggior parte delle persone un miele con odori piuttosto sgradevoli.

 

 

Il tarassaco e l'eucalipto presentano intensi odori animali (stalla, pipì).

Il castagno e soprattutto il corbezzolo hanno un marcato retrogusto amaro, tanto forte nel corbezzolo da coprire il gusto dolce del miele!

L'ailanto lascia un retrogusto molto persistente di frutti tropicali e té alla pesca.

E diversamente dal vino, dove sentire i profumi descritti dai sommelier è molto difficile, nel miele (quando è puro) si sentono veramente, e sono molto intensi! Provare per credere!

Le melate di abete e Metcalfa

I principali mieli di melata prodotti in Italia sono quello di Metcalfa, che prende il nome dall'insetto che produce melata, e la melata di abete, che è prodotta dai vari insetti produttori di melata, ma operanti solo sugli abeti. Questi mieli sono molto densi e scuri, non sono particolarmente dolci e tendono a rimanere liquidi per molto tempo. La melata di abete è di solito considerata più gradevole rispetto a quella di Metcalfa.

Spesso la melata di abete "inquina" il miele di castagno.

Mieli particolari

In Italia si possono trovare mieli particolari, che però vengono prodotti in piccole quantità e difficilmente si riescono a trovare non inquinati da altre specie botaniche: sono i mieli di rosmarino, di lavanda, di nespolo del Giappone.

Esistono poi dei mieli prodotti per errore, come il miele di cipolla, dal caratteristico aroma... Di cipolla! Ottimo per cucinare... Meno spalmato sul pane!

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.