Tequila

La Tequila è un distillato ottenuto da una pianta zuccherina, l'agave, e prodotto in Messico. Furono i conquistadores spagnoli a capire per primi che il succo dell'agave, una pianta grassa dalle foglie molto carnose, era adatto alla fermentazione e alla distillazione e nacque così la Tequila, che prese il nome dalla città omonima dove risiedevano la maggior parte delle distillerie e dove era concentrata la maggior coltivazione di agave.

 

 

Oggi per il Messico, la Tequila rappresenta ciò che il Rum rappresenta per le Isole Caraibiche: l'anima, il motore, lo spirito, anche se, dato il successo di questo distillato a livello mondiale, anche in Nord America si è iniziato a produrre Tequila. 

La pianta dell'agave

La pianta dalla quale si ricava la Tequila è l'agave, la cui varietà più diffusa in Messico è la maguey, che cresce spontaneamente nei terreni vulcanici attorno Guadalajara. Ma la Tequila migliore si ottiene da un'altra varietà, l'agave blu o azul, che viene coltivata in una superficie di circa 100.000 ha, concentrata soprattutto attorno alla città di Tequila, poco più a nord di Guadalajara. L'agave raggiunge la sua piena maturità in circa 7-10 anni, quando arriva ad un'altezza di circa 2 metri e produce la caratteristica infiorescenza che somiglia ad un enorme pigna colorata di bianco e di verde.   

 

 

La produzione e la distillazione della Tequila

I fiori dell'agave vengono raccolti e impilati nelle autoclavi dove vengono cotti a vapore per circa 24 ore fino a che la massa si ammorbidisce e assume un colore bruno il cui gusto ricorda il miele e il caramello. Quindi vengono sottoposti a macinazione e spremitura con il fine di ottenere il succo zuccherino, chiamato aguamiel, al quale vengono aggiunti acqua e lieviti naturali di agave che innescano la fermentazione. Dopo questo primo processo di fermentazione si ottiene il Pulque, una bevanda molto consumata in Messico, paragonabile alla birra o al vino, che era già conosciuta dai Maya. Dopo 5 o 6 giorni di fermentazione il Pulque viene filtrato e distillato con apparecchi a colonna discontinui così da ottenere la Tequila. Una volta in commercio la Tequila ha una gradazione alcolica di circa 38-42%. 

Classificazione della Tequila

Tequila

A seconda del grado di invecchiamento si hanno 4 tipologie diverse di Tequila:

  • Tequila Blanca o Plata: è quella perfettamente limpida e trasparente, ottenuta imbottigliando subito il liquido che cola dall'alambicco e lasciandolo riposare poche settimane in bottiglia
  • Tequila Suave o Gold: è la tequila blanca alla quale vengono aggiunti coloranti o infusi di erbe
  • Tequila Reposado: viene fatta riposare in botti di rovere francese per un periodo compreso tra i 3 e i 12 mesi
  • Tequila Anejo: è quella invecchiata per più di un anno in botte, morbida ed elegante. A volte si produce anche la varietà Muy Anejo, invecchiata per più di 5 anni, ma accade solo rarmente perchè la Tequila è un distillato che invecchia velocemente e così perde il suo vero carattere

 

 

Un discorso a parte va fatto per il Mezcal o Mescal (da metl=agave + ixcalli=cotto) che è sempre un distillato prodotto con l'agave, ma più rustico della Tequila e meno elegante, che si produce solo con la parte centrale della pianta quando essa è più giovane, a circa 6 anni di vita, e che spesso viene messo in commercio con dentro "il verme", una larva di coleottero chiamata localmente gusano rojo. 

Come bere la Tequila: tra rito e folclore

L'usanza messicana più conosciuta è quella di bere la Tequila giovane e liscia in un piccolo bicchiere di terracotta, tutta d'un fiato e accompagnata prima da un pizzico di sale, posto sul dorso della mano tra pollice e indice, e poi dal succo di lime o limone che smorza il sapore secco ed erbaceo della Tequila. Quando si beve una Tequila più invecchiata, seguendo lo stesso procedimento, essa può essere accompagnata da varie spezie, tipo la cannella, il caffè in polvere, il cacao amaro o lo zucchero di canna.

In Messico la Tequila viene abbinata a vari piatti della tradizione, altamente piccanti, e usata anche per pasteggiare. Nel resto del mondo, invece, la Tequila viene bevuta da sola o usata come ingrediente principale per svariati cocktail come il Tequila Bum Bum (tequila e gassosa sbattute sul tavolo per dare un effetto effervescente) o il Tequila Sunrise, dove è capace di esaltare l'aroma dei frutti. 

Curiosità sulla Tequila

Tutta la Tequila consumata nel mondo (circa 55 milioni di litri) viene prodotta nella zona tra Tequila e Guadalajara in un raggio di soli 150 km.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dieta e cortisolo - Cortisol Connection Diet

The cortisol connection diet è una dieta che imputa all'eccesso di cortisolo la causa del sovrappeso e pretende di controllarne la secrezione.


Cassis o ribes nero

Il cassis o il ribes nero, lo sciroppo di cassis per preparare il kir, l'aperitivo tipico francese.


Pesce rossetto (e bianchetti)

Il pesce rossetto (Aphia minuta): le caratteristiche, la pesca, gli usi in cucina e le differenze con i bianchetti e il pesce ghiaccio.


6 regole per rinforzare il sistema immunitario

Il sistema immunitario è un vero e proprio apparato difensivo che protegge il nostro organismo dagli attacchi di diverse sostanze estranee.

 


Luccio

Il luccio: pesce di acqua dolce. La pesca, la preparazione, le ricette, le curiosità.


Datteri di mare

I datteri di mare sono molluschi simili alle cozze di cui la pesca in Italia è vietata dal 1998.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Fico d'India

Fico d'India, tipico del Meridione, è il frutto di una particolare tipologia di cactus.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.