La birra fa ingrassare?

Avete mai sentito parlare della "pancia da birra"? O di fronte a un soggetto con la pancia prominente, avete mai sentito qualcuno parlare, in modo un po' indelicato, di "cimitero di birre"? Sono convinto di sì... Dunque la risposta alla domanda "la birra fa ingrassare" sembrerebbe essere affermativa.

 

 

A parte gli scherzi, numeri alla mano, cosa possiamo dire riguardo la pericolosità della birra nei confronti della linea? La birra favorisce il sovrappeso? Quante calorie ha?

Quante calorie ha la birra?

Per quanto riguarda le calorie della birra, ne abbiamo già parlato in un articolo specifico, al quale vi rimando. In quell'articolo avevamo visto che le calorie della birra non provengono solo dall'alcol, ma siccome una parte degli zuccheri contenuti nel malto non vengono trasformati in alcol, questi vanno a contribuire al totale delle calorie di questa bevanda.

Avevamo anche visto una cosa molto importante, che differenzia la birra dal vino: il vino, se escludiamo i vini particolari come quelli fortificati (tipo Porto) o i passiti, ha più o meno una quantità di calorie costante, intorno alle 90 per 100 ml. La birra tradizionale (quella commerciale, con circa 5 gradi alcolici, come per esempio la Heineken, la Beck's, la Moretti, la Peroni, per intenderci) ha molte meno calorie, e per la precisione, circa la metà rispetto al vino: 43 kcal/100ml.

 

 

Tuttavia, se aumentiamo la gradazione e consideriamo quindi le cosiddette "doppio malto", ma anche molte IPA e tante altre birre artigianali che vanno tanto di moda oggi, insomma se consideriamo tutte le birre con 6-7 gradi o più, le calorie aumentano notevolmente, arrivando anche a superare quelle del vino, nelle birre con più di 9 gradi. Vedremo alla fine dell'articolo se questa cosa deve preoccuparci o meno.

Gli alcolici in generale fanno ingrassare?

L'alcol contiene 7 kcal per grammo, quasi come i grassi che ne contengono 9, dunque si potrebbe facilmente pensare che faccia ingrassare.

In realtà bisogna sempre considerare che l'alcol fa male, e il suo consumo va limitato, se vogliamo limitarne anche i danni (per ridurre a zero il rischio l'unica cosa da fare è non berlo per niente). Se ci atteniamo alle linee guida più conservative (vedi l'articolo "quanto alcol possiamo bere al giorno") le calorie introdotte tramite l'alcol non sono poi così tante.

Insomma, non è assolutamente detto che l'alcol faccia ingrassare, se il consumo è salutisticamente accettabile e soprattutto, se adottiamo la strategia dell'astinenza intermittente. Lo stesso vale per la birra.

Non chiedete al birraio se la birra fa ingrassare

 

 

In rete si trovano molti articoli di siti che promuovono la birra, i quali non negano che la birra abbia potenzialmente anche tante calorie, ma tutto sommato cercano di spiegarci che ci sono bevande peggiori, come il vino o i cocktail. Se da un lato questo è vero, dall'altro lato dobbiamo considerare una cosa fondamentale: per moltissimi bevitori, il limite oltre il quale si smette di bere è determinato dalla quantità di alcol ingerita. Per questi bevitori, la bevanda ideale è quella che contiene solo alcol, perché tutte le calorie ingerite vengono "investite" nella sostanza "cercata" nella bevanda.

Provo a spiegarmi meglio con un esempio. Esco con gli amici e bevo vino. Un bicchiere, due bicchieri, tre bicchieri... E decido di fermarmi, perché altrimenti esagererei. Ho assunto 270 kcal, solo dall'alcol.

Se al posto del vino bevo della birra, diciamo una birra da 6 gradi, per arrivare alla stessa quantità di alcol di tre bicchieri di vino, dovrò berne 700 ml (più del doppio rispetto al vino). Una birra da 6 gradi avrà 50 kcal/100ml, dunque avrò assunto, a fine serata, 350 kcal. Ho introdotto 80 kcal in più rispetto al vino, e queste calorie sono determinate dallo zucchero contenuto nella birra. Non ingrasserò di certo un kg bevendo birra al posto del vino, ma di sicuro 80 kcal non sono pochissime.

Morale della favola: se mi bevo una birretta e mi accontento, posso tranquillamente dire che la birra non fa ingrassare più del vino, ma se sono un bevitore più assiduo, è probabile che finirò per assumere più calorie bevendo birra, piuttosto che bevendo vino, anche se la birra ha molte meno calorie... Semplicemente perché ne berrò molta di più. Beninteso: stiamo comunque parlando di uno "svantaggio" piccolo, che tra l'altro è solo sulla carta. Starà a voi capire, in base a quanta birra effettivamente bevete, se questa può diventare un attentato alla vostra linea, oppure se è un semplice sgarro, facilmente gestibile.

La questione è estremamente soggettiva e la cosa migliore da fare, se si hanno dubbi, è quella di calcolare le calorie assunte tramite la birra, fare dua valutazioni e cercare di capire se sono quelle calorie a farci andare in surplus calorico (la cosa che ci fa ingrassare), o impedirci di andare in deficit (la cosa che ci farebbe dimagrire).

Occhio alle birre speciali

Oggi vanno molto di moda le birre artigianali e quindi moltissimi soggetti hanno iniziato a bere birre particolari, e tra queste ne troviamo molte che hanno un grado alcolico importante, oltre i 7 gradi. Imperial stout, double ipa, triple in stile belga, sono solo alcuni degli stili di birra con gradi alcolici che superano abbondantemente i 6 gradi e possono arrivare facilmente anche a 9 o 10. Nell'articolo sulle calorie della birra abbiamo visto che queste birre possono avere fino a 90-100 kcal/ml, il che significa che una birra da 330 ml può arrivare a superare le 300 kcal, ovvero le calorie di un secondo piatto leggero.

Se è vero che di queste birre in genere se ne consuma al massimo una lattina, è altrettanto vero che questa lattina può arrivare a superare il 10% delle calorie assunte durante la giornata, un contributo rilevante, da non sottovalutare. Non dico che questi prodotti non vadano consumati (io stesso ne sono un estimatore), ma sapere quante calorie si sta ingerendo è sempre bene, in modo tale da evitare esagerazioni.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Corbezzolo

Il Corbezzolo è considerato in Italia un frutto nazionale per via dei suoi colori.

Latte Omega 3 - Benefici - Abbassa il colesterolo?

Il latte omega 3 è un normale latte al quale vengono addizionati, solitamente tramite l'aggiunta di olio di pesce, i famigerati grassi omega 3.

Vongola

Le vongole, la pesca, l'allevamento, gli usi in cucina e le tipologie più diffuse in Italia (veraci, comuni, lupini).

 

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa sia dal punto di vista pratico che economico.

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.