Freddo ai piedi nello sci: cosa fare?

Il freddo ai piedi nello sci è uno dei fastidi peggiori, probabilmente il peggiore di tutti. Infatti, mentre il freddo al corpo si può facilmente risolvere vestendosi in modo più pesante; il freddo alle mani si può risolvere mettendo le mani al caldo durante le risalite (in tasca, sotto le ascelle... o semplicemente su un termosifone); il freddo ai piedi è difficilmente risolvibile, anche fermandosi in baita (bisogna togliersi gli scarponi e mettere i piedi al caldo, cosa non semplicissima).

Da cosa dipende il freddo ai piedi?

Due sono i fattori principali che causano il freddo ai piedi nello sci: la costrizione del piede nello scarpone, che impedisce la circolazione del sangue; e il fatto ovvio che la temperatura esterna è molto bassa, e lo scarpone non deve svolgere solo il compito di tenere i piedi al caldo, ma soprattutto deve consentire il corretto collegamento tra la gamba e lo sci, e le due cose sono compatibili ma fino a un certo punto (ovvero lo scarpone da sci non può garantire la massima protezione termica, perché questo andrebbe a discapito della prestazione).

Come prima cosa, bisogna capire che tanto più lo scarpone è performante, tanto più sarà scomodo (perché stretto) e tanto più causerà problemi di freddo ai piedi. Uno scarpone che garantisca la massima performance causerà il freddo ai piedi a qualunque temperatura, perché le restrizione della circolazione sarà tale che anche in primavera i piedi tenderanno ad essere freddi. Non sono rari i fenomeni di congelamento che subiscono gli atleti durante gli allenamenti a temperature particolarmente rigide, causati proprio dal binomio circolazione sanguigna limitata e freddo.

 

 

Morale della favola: se siete sciatori performanti e avete scelto di poter esprimere la vostra performance al massimo con uno scarpone adeguato (cioè uno o due numeri in meno del vostro numero di scarpe) dovete accettare un certo grado di fastidio, anche per quanto riguarda il freddo ai piedi. C'è da dire, comunque, che il freddo ai piedi non è necessariamente fastidioso: lo diventa quando è eccessivo, o in determinate situazioni. Per esempio, quando l'umidità è molto alta (giornate molto nuvolose o durante una nevicata), una temperatura anche non eccessivamente bassa rende fastidiosissimo il freddo ai piedi, mentre temperature rigide, ma non troppo, come per esempio -8 gradi, ma con il bel tempo, possono non causare particolari fastidi.

Freddo ai piedi nello sci

Metodi per limitare il freddo ai piedi

Il primo consiglio è quello di non disperare se, cambiando gli scarponi a favore di un modello più performante e quindi più scomodo, si scopre che questo causa un maggior freddo ai piedi. Ai piedi ghiacciati ci si abitua: basta resistere i primi giorni, eventualmente concedendosi della pause durante la sciata (vedi il seguito dell'articolo).

Se utilizzate scarponi "giusti", non indossate calzettoni molto grossi: renderete la circolazione ancor più difficile, peggiorando la situazione invece di migliorarla. Se lo scarpone è della giusta misura, il calzettino deve essere sottile.

 

 

Innanzitutto bisogna evitare di partire male, con gli scarponi ancora umidi dal giorno prima. Tutte le sere le scarpette degli scarponi vanno asciugate, o mettendo gli scarponi vicini al termosifone o ancora meglio, estraendo la scarpetta dallo scarpone e mettendola vicino al termosifone.

Poi, si possono riscaldare bene le scarpette prima di mettersele. Per esempio lasciandole fino all'ultimo sul termosifone, in modo tale da mettersele belle calde: in questo modo avremo una buona mezz'ora di piedi ben caldi negli scarponi, e il freddo sopraggiungerà molto dopo. Lasciare gli scarponi vicino al termosifone conta poco: bisogna scaldare bene le scarpette, che sono a contatto col piede.

Inoltre, bisogna evitare di sudare prima di mettersi gli scarponi. Se facciamo colazione con i calzetti da sci e le scarpe ai piedi, facendo sudare i piedi prima di infilarci gli scarponi, una volta a contatto col freddo il sudore ci trasmetterà il freddo in modo molto veloce. Se i vostri piedi sudano facilmente infilatevi i calzetti da sci immediatamente prima di mettervi gli scarponi.

Ora avete infilato gli scarponi e potete iniziare a sciare. Se avete scarponi performanti, è OBBLIGATORIO aprire i ganci dopo ogni discesa. Se ve lo scordate, il freddo sopraggiungerà molto prima.

Seguendo tutti questi consigli, avete almeno 90 minuti di autonomia, prima che il freddo ai piedi divenga molto fastidioso. Se il fastidio diventa insopportabile, potete fare una pausa in baita, ma se i piedi sono davvero gelati e (soprattutto) se gli scarponi sono performanti (leggi: impediscono la circolazione), allora non potete pensare di cavarvela in 15 minuti. Dovete togliervi gli scarponi. Non dovete rimanere scalzi, basta rimuovere gli scafi: rimarrete con le scarpette addosso, con le quali potete anche andare in giro (così facilitate la circolazione). Nel giro di 15 minuti, la situazione migliorerà molto, e lo farà in funzione della causa del vostro freddo ai piedi: se è da costrizione, il freddo scomparirà molto in fretta, se il motivo è altro, allora bisognerà tenere i piedi vicino al termosifone per farli riscaldare.

Metodi drastici

Se tutto questo non funziona, ovvero se le vostre giornate sugli sci sono rovinate dal dolore ai piedi causato dal freddo, allora investite qualche euro per acquistare un sistema di riscaldamento. Come funzionano, e come sceglierli, lo trovate a questa pagina sui sistemi di riscaldamento per scarponi da sci.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Il consumo di calorie in palestra

Il consumo di calorie in palestra: quante calorie si consumano davvero nei corsi, nel sollevamento pesi e nelle altre attività svolte in palestra?


Dolore muscolare e DOMS

Dolore muscolare e DOMS: il dolore muscolare immediatamente dopo l'allenamento e quello 'successivo'. I DOMS vanno ricercati o evitati?


Alimentazione per la definizione muscolare

Nel mondo del bodybuilding si sprecano i metodi per minimizzare la massa grassa e promuovere la massima definizione muscolare. Scopriamo quali funzionano e quali no.


Quale allenamento per la massa muscolare?

Per sviluppare il nostro potenziale in termini di massa muscolare è sufficiente un allenamento di base di forza. Chi vi propone metodi sofisticatissimi spesso vuole solo vendervi qualcosa...

 


Quale alimentazione per la massa muscolare?

Alimentarsi in modo corretto è ovviamente fondamentale in tutti gli sport e anche per chi vuole costruire massa muscolare, ma troppo spesso è un aspetto sopravvalutato...


Triathlon sprint: programma di allenamento avanzato

Triathlon sprint: il programma avanzato, per chi è già allenato alla distanza e vuole testare i propri limiti.


Nuoto master: lo sport perfetto

Nuoto master ossia lo sport perfetto, vediamo cos'è e quali sono i vantaggi (tanti) e gli svantaggi (pressoché nulli).


Quanta massa muscolare si può costruire?

Quanta massa muscolare si può costruire con l'allenamento in palestra? Esiste un limite genetico nel body building?