Barbaresco DOCG

Il Barbaresco è un vino a denominazione di origine controllata e garantita (DOCG) piemontese, con decreto risalente al 3 ottobre 1980.

 

 

Era un vino già noto durante l'epoca dei Romani con il nome di "Barbaritium", che veniva bevuto dolce e molto speziato, abitudine che è rimasta fino all'Ottocento quando per inseguire i nuovi gusti si decise di creare un Barbaresco secco, semplicemennte portando a conclusione la fermentazione, senza interromperla a metà come si faceva prima.

Il Barbaresco è tendenzialmente un vino asciutto, elegante e aristocratico, ottenuto e imbottigliato solo dopo un lungo invecchiamento (fino a 4 anni, un anno in meno del suo fratello Barolo).

Il merito del suo grande successo in Italia e all'estero va soprattutto ad un produttore, Angelo Gaja, molto carismatico e determinato che negli anni è riuscito ad affermarsi come il miglior produttore di Barbaresco, tanto che oggi le sue bottiglie valgono più di 140 € l'una, a seconda delle annate. 

Barbaresco

Altri produttori di Barbaresco, magari meno famosi ma sicuramente altrettanto interessanti sono: Sottimano, Cà del Baio, Giacosa, Moccagatta, Pio Cesare, La Spinetta e Prunotto

Cito anche la Cantina Sociale dei Produttori di Barbaresco che produce un vino dall'ottimo rapporto qualità-prezzo, a 17€. 

Il territorio di produzione del Barbaresco DOCG

La zona di produzione del Barbaresco DOCG comprende alcuni comuni della provincia di Cuneo, in Piemonte, praticamente nella vallata opposta a quella dove si produce il Barolo DOCG.

 

 

I comuni sono 4: Barbaresco, Neive, Treiso e Alba, nella zona delle Langhe, caratterizzata da molte piogge e nebbie autunnali che agevolano la coltivazione della vite.

Il terreno è a prevalenza argilloso o calcareo-argilloso e l'altitudine ideale dove piantare le viti è compresa tra 300 e 450 m.

Volendo, è ammesso dal disciplinare che ogni cantina possa inserire in etichetta il nome specifico della vigna, del cru o del microterritorio dove l'uva è stata coltivata (per es. Asili, Rabajà, Balluri...).

Il Barbaresco viene coltivato in una zona di circa 686 ettari, con una produzione annua di circa 4 milioni e mezzo di bottiglie.

Produzione del Barbaresco DOCG

Il Barbaresco è composto da nebbiolo al 100%, delle sottovarietà lampia o michet.

 

 

Qui nella zona vocata al Barbaresco il nebbiolo segue il suo ciclo vegetativo più ampio: è il primo a germogliare e l'ultimo a cui cadono le foglie.

La resa per ettaro deve essere di massimo 8 t/ha e il tipo di impianto della vite consentito è quello a Guyot.

L'invecchiamento del Barbaresco DOCG

L'invecchiamento minimo previsto dal disciplinare deve essere di almeno 26 mesi, di cui almeno 1 anno in botti di rovere o di castagno. Per la tipologia Barbaresco "riserva" l'invecchiamento sale a 4 anni minimo, a decorrere dal 1 gennaio dell'anno successivo alla vendemmia (si pensi che solitamente per un qualsiasi vino bastano 2 anni di invecchiamento in botte perchè possa essere definito "riserva"). 

Questo lungo invecchiamento permette al vino di vedere evolversi i tannini (da verdi e acerbi come quelli di un nebbiolo comune a rotondi e morbidi), di guadagnare un gusto asciutto e delicato allo stesso tempo.

Caratteristiche organolettiche del Barbaresco

Il Barbaresco ha colore rosso granato con riflessi aranciati e mattonati dovuti al lungo invecchiamento. Il profumo è molto intenso e gradevole con sentori di viola, frutti di bosco, liquirizia, caffè, cioccolato, vaniglia, tabacco, cuoio, legno, cannella, nocciole tostate.

In bocca è asciutto, elegante, vellutato e armonico.

Ha una gradazione minima di 12,5%.

Si abbina bene alle carni rosse, alla selvaggina (per es al camoscio alla piemontese), ai piatti a base di tartufo bianco d'Alba, ai formaggi stagionati come il bagoss o la toma d'alpeggio.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.