Selles-sur-Cher AOC

Il Selles-sur-Cher è un formaggio di capra francese appartenente alla categoria "chèvre", in quanto fabbricato nella zona della Loira. Selles-sur-Cher è, infatti, la cittadina omonima dalla quale il formaggio prende il nome, ubicata sulle rive del fiume Cher, nel dipartimento del Loir-et-Cher. La zona di produzione del Selles-sur-Cher AOC, denominazione ottenuta nel 1975, secondo il disciplinare comprende, però, anche i dipartimenti dell'Indre e del Cher. Il termine "Selles", comunque, indica comunemente tutti i caprini prodotti nella zona dalla peculiare forma di disco.

 

 

Le Syndicat de Défense et de Promotion du Fromage Selles-sur-Cher è l'ente che si occupa della promozione, difesa e valorizzazione di questo formaggio.

Produzione del Selle-sur-Cher AOC

Selles sur Cher

Il Selles-sur-Cher AOC viene ottenuto con circa 1,3 litri di latte di capra per ogni forma del peso di circa 150 grammi. Il latte proviene dalle mungiture di capre delle razze Alpine e Saanen e deve essere lavorato crudo e intero. Viene fatto coagulare con caglio alla temperatura di 20°C per circa 24 ore. La cagliata è travasata in piccoli contenitori forati che permettono uno sgocciolamento naturale e spontaneo. 
Segue l'asciugatura in ambienti ventilati con un livello di umidità dell'80%. Le forme vengono poi salate con un misto di sale e cenere ottenuta da carboni vegetali, così da favorire un perfetto controllo dell'umidità all'interno del formaggio e lo sviluppo di muffe tipiche in superficie.
La stagionatura dura un minimo di 10 giorni, ma può arrivare anche a 30.

Fin dal Novecento la produzione di Selles-sur-Cher avviene prevalentemente in fattorie e tuttora questo formaggio è facilmente reperibile nella categoria fermier, dove l'allevatore di capre e il casaro sono la stessa figura.

 

 

Caratteristiche fisiche e organolettiche del Selle-sur-Cher AOC

Il Selles-sur-Cher AOC è un caprino a pasta molle a forma di piccolo disco delle seguenti dimensioni: base di 8 cm e tetto di 7 cm, scalzo di 2-3 cm e peso di circa 150g. La crosta è asciutta, di colore grigio per via della cenere, ricoperta di muffe bianche e blu. La pasta è di colore bianco avorio e consistenza compatta e semi-dura, anche se poi si scioglie in bocca.

Il sapore del Selles è acidulo, salato e lievemente dolciastro, intenso e molto persistente al palato. 
Si abbina bene ai vini della Loira, soprattutto ai sauvignon blanc.
I locali amano mangiarlo intero, con la buccia, e ad ogni ora, non solo come formmaggio da tavola, ma anche a colazione o durante l'aperitivo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.


Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.


Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.


I presidi Slow Food - Arca del gusto

L'arca del gusto di slow food: come l'associazione tutela i presidi territoriali.

 


Hamburger confezionati: no grazie!

Gli hamburger confezionati non sono in realtà così convenienti e hanno un sapore che si allontana molto da quello della carne fresca.


Salumi: guida a una scelta di qualità

Salumi: guida ad una scelta di qualità di questo vastissimo settore.


Jamon patanegra - Il prosciutto spagnolo

Jamon patanegra: il prosciutto spagnolo il cui vero nome, in realtà, è prosciutto iberico, dalla razza dei maiali.


Prodotti DOP - Denominazione di origine protetta

La DOP - Denominazione di Origine Protetta - è la certificazione europea alimentare più alta.