Raschera DOP

Il Raschera è un formaggio di cui si ha notizia fin dal 1400. La zona di produzione del raschera comprende nel suo territorio uno dei più vasti complessi pascolivi della Provincia di Cuneo.

 

 

La denominazione Raschera si riferisce all'omonimo lago e del pascolo che si trova a 2108 m di quota, ai piedi del Monte Mongioie (m. 2.630), nella Comunità Montana delle Valli monregalesi.

In questo tratto delle Alpi Marittime, ormai prossimo al termine della catena, le cime raggiungono quote modeste ed i rilievi hanno una morfologia più dolce: i pascoli d'alpeggio arrivano così alle maggiori altezze.

Il Raschera ha acquisito la certificazione DO nel 1982 e la DOP nel 1996. Il marchio del consorzio di tutela, impresso sul piano della forma e riportato sull'etichetta, consiste in una R stilizzata.

Caratteristiche

Raschera DOP

Il Raschera è un formaggio semigrasso prodotto con latte vaccino, con eventuali aggiunte di latte ovino e caprino (che rendono più intenso il gusto). Si presenta in forme di 7-10 kg di peso, sia rotonde (diametro 35-40 cm) che quadrate (40 cm di lato), con scalzo di 7-9 cm. Tradizionalmente le forme venivano prodotte quadrate, per facilitare il trasporto a valle a dorso di mulo. La forma quadrata consentiva una maggiore stabilità durante il trasporto.

La stagionatura minima è di 30 giorni, e può arrivare fino a 5 mesi. Il sapore, dolce e delicato nel prodotto di 30 giorni, diventa più piccante con la stagionatura. La pasta da bianca diventa giallastra.

 

 

Le forme erano stagionate tradizionalmente in locali ricavati nella terra chiamati "selle", che mantenevano una temperatura e una umidità costante durante la stagionatura.

La zona di produzione del Raschera è estesa a tutta la provincia di Cuneo, pre tutelarne le orgini il disciplinare prevede la dicitura "di alpeggio" per i formaggi prodotti sopra i 900 metri.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

 

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.