Raschera DOP

Il Raschera è un formaggio di cui si ha notizia fin dal 1400. La zona di produzione del raschera comprende nel suo territorio uno dei più vasti complessi pascolivi della Provincia di Cuneo.

 

 

La denominazione Raschera si riferisce all'omonimo lago e del pascolo che si trova a 2108 m di quota, ai piedi del Monte Mongioie (m. 2.630), nella Comunità Montana delle Valli monregalesi.

In questo tratto delle Alpi Marittime, ormai prossimo al termine della catena, le cime raggiungono quote modeste ed i rilievi hanno una morfologia più dolce: i pascoli d'alpeggio arrivano così alle maggiori altezze.

Il Raschera ha acquisito la certificazione DO nel 1982 e la DOP nel 1996. Il marchio del consorzio di tutela, impresso sul piano della forma e riportato sull'etichetta, consiste in una R stilizzata.

Caratteristiche

Raschera DOP

Il Raschera è un formaggio semigrasso prodotto con latte vaccino, con eventuali aggiunte di latte ovino e caprino (che rendono più intenso il gusto). Si presenta in forme di 7-10 kg di peso, sia rotonde (diametro 35-40 cm) che quadrate (40 cm di lato), con scalzo di 7-9 cm. Tradizionalmente le forme venivano prodotte quadrate, per facilitare il trasporto a valle a dorso di mulo. La forma quadrata consentiva una maggiore stabilità durante il trasporto.

La stagionatura minima è di 30 giorni, e può arrivare fino a 5 mesi. Il sapore, dolce e delicato nel prodotto di 30 giorni, diventa più piccante con la stagionatura. La pasta da bianca diventa giallastra.

 

 

Le forme erano stagionate tradizionalmente in locali ricavati nella terra chiamati "selle", che mantenevano una temperatura e una umidità costante durante la stagionatura.

La zona di produzione del Raschera è estesa a tutta la provincia di Cuneo, pre tutelarne le orgini il disciplinare prevede la dicitura "di alpeggio" per i formaggi prodotti sopra i 900 metri.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Hamburger confezionati: no grazie!

Gli hamburger confezionati non sono in realtà così convenienti e hanno un sapore che si allontana molto da quello della carne fresca.


Salumi: guida a una scelta di qualità

Salumi: guida ad una scelta di qualità di questo vastissimo settore.


Jamon patanegra - Il prosciutto spagnolo

Jamon patanegra: il prosciutto spagnolo il cui vero nome, in realtà, è prosciutto iberico, dalla razza dei maiali.


Prodotti DOP - Denominazione di origine protetta

La DOP - Denominazione di Origine Protetta - è la certificazione europea alimentare più alta.

 


Latte fieno STG

Il latte fieno STG è un latte riconosciuto dall'Unione Europea come Specialità Tradizionale Garantita e prodotto in prevalenza con bovini nutriti a foraggi freschi o essicati.


Ragusano DOP (caciocavallo)

Ragusano DOP: un formaggio a pasta filata dura, prodotto con latte vaccino crudo che pesa normalmente più di 10 chili.


Come scegliere l'olio extravergine di oliva

Come scegliere l'olio extravergine di oliva: i criteri di scelta per un olio di qualità.


Prosciutto di Carpegna DOP

Il prosciutto di Carpegna DOP, prodotto nell'omonimo comune a nord delle Marche.