Petto d'anatra all'arancia ricetta francese

L'anatra è un volatile non molto diffuso in Italia, al contrario della Francia dove invece si trova in tutte le macellerie, quasi come il pollo da noi. Il petto è sicuramente il taglio più pregiato dell'anatra: chiamato "magret" in Francia, è un grande classico della cucina francese.

 

 

Il petto d'anatra all'arancia è solo uno dei tanti modi per prepararlo, ispirato alla famosa ricetta dell'anatra all'arancia, dove l'animale viene cotto intero. Abbiamo visto parlando della ricetta tradizionale che l'anatra all'arancia è sì un piatto tipico francese, ma che potrebbe avere origini italiane, come d'altronde avviene per tanti altri piatti, inventati da chef italiani e diventati famosi in Francia.

Al forno o in padella?

Tutte le ricette a base di petto d'anatra condividono un passaggio fondamentale: la cottura, che deve essere perfetta per evitare che la carne diventi dura. L'anatra è una cosiddetta "carne rossa", che può anche essere mangiata al sangue (vedi temperatura di cottura delle carni), al contrario del pollo che invece deve sempre essere ben cotto. Il petto d'anatra, se cotto eccessivamente, diventa molto duro e il piatto verrebbe in questo modo inevitabilmente rovinato. D'altro canto anche lasciarlo troppo crudo internamente non è il massimo, perché comunque non stiamo parlando di carne di manzo. L'ideale è cuocere il petto d'anatra in modo tale che raggiunga i 58-60 gradi massimo al cuore.

 

 

Misurare la temperatura non è semplice, ma è possibile farlo perché comunque il petto d'anatra è sempre abbastanza spesso, soprattutto quando si ritrae, inspessendosi, durante la cottura. Infilando quindi la sonda del termometro al cuore, con un minimo di attenzione quando la si inserisce, affinché sia posizionata correttamente, è possibile misurare in modo ottimale la temperatura e cuocere questa carne in modo perfetto. Il risultato da ottenere è quello di una carne rosata, ma non al sangue.

Il procedimento di cottura ideale prevede un passaggio in padella, per rosolare bene la parte della pelle, che rilascerà una parte del suo grasso, che servirà per soffriggere l'altra parte. A questo punto è opportuno finire la cottura al forno, a temperatura media (160-180 gradi), in modo tale che la cottura avvenga dolcemente e in modo omogeneo, fino a raggiungere i 58 gradi al cuore. Il totale dell'operazione richiede circa 20 minuti, durante i quali si potrà preparare la salsa.

Ricetta del petto d'anatra all'arancia

Petto d'anatra all'arancia

Ricordatevi sempre di utilizzare arance biologiche, quando utilizzate la buccia, perché quella delle arance non biologiche è quasi sempre trattata con agenti di rivestimento non commestibili.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 porzioni

  • due petti d'anatra (circa 600 g)
  • un'arancia biologica
  • 25 g di zucchero
  • 30 g di aceto di mele
  • 20 g di Cointreau o Grand Marnier
  • 200 g di brodo di carne (facoltativo)
  • sale, pepe

Procedimento

 

 

Grattugiare la scorza di arancia, spremerne il succo. Rifilare il petto d'anatra per eliminare il grasso in eccesso, quello che deborda dalla parte magra, scaldare una padella antiaderente di 24 cm e rosolare il lato della pelle per 4 minuti, girarlo e rosolarlo per 2 minuti dall'altro lato, quindi finire la cottura al forno per circa 10 minuti a 180 gradi, finché non raggiunge i 58 gradi al cuore.

Nel frattempo, rimuovere il grasso in eccesso dalla padella, aggiungere lo zucchero e cuocere a fuoco medio-alto finché non inizia a caramellizzare, quindi sfumare con l'aceto, aggiungere il succo di arancia e riportare ad ebollizione, aggiungere anche il liquore e il brodo di carne, riportare ad ebollizione e unire le scorze di arancia, far addensare per qualche minuto a fuoco alto, finché la salsa non è sufficientemente densa.

Far riposare il petto d'anatra fuori dal forno per 3 minuti, quindi scalopparlo e servirlo con la salsa.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

256 kcal - 1070 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

33 g

Proteine

33 g - 48%

Carboidrati

11 g - 16%

Grassi

11 g - 36%

di cui

 

saturi

4.2 g

monoinsaturi

3.9 g

polinsaturi

2.0 g

Fibre

1 g

Colesterolo

125 mg

Sodio

373 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Busiate trapanesi (o busiata) - Ricetta

La busiata (o busiate): un formato di pasta siciliano da abbinare al pesto trapanese fatto con pomodori freschi, mandorle e basilico.

Crema pasticcera

La ricetta della crema pasticcera: la tecnica di preparazione, la scelta degli amidi, lo zucchero, i tuorli, i valori nutrizionali e le calorie.

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

 

Crema di nocciole proteica

Crema di nocciole proteica: una Nutella più saziante, proteica, meno calorica, adatta per gli spuntini golosi di chi vuole rimanere in forma.

Ricetta Rose del deserto con uvetta

Rose del deserto con uvetta: i biscotti di morbida pasta frolla avvolti con croccanti cornflakes, ricetta veloce, con o senza burro.

Pasticciotto leccese - Storia e ricetta originale

Pasticciotto leccese: la storia e la ricetta originale del dolce tipico pugliese a base di pasta frolla fatta con lo strutto, e crema pasticcera.

Gumbo (ricetta della Louisiana)

Il gumbo: una zuppa a base di riso, crostacei, carne e tante spezie tipica della cucina creola.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.