Carne alla pizzaiola

La carne alla pizzaiola è un secondo piatto diffuso in tutta Italia che deve le sue origini alla cucina napoletana e siciliana. Il termine pizzaiola, infatti, si rifà alla parola pizza, anch'essa di origine napoletane.

 

 

La pizza e la pizzaiola hanno in comune tre ingredienti base: pomodoro, aglio ed origano che insaporiscono sia la pizza alla marinara, una tra le più popolari pizze napoletane, che le fettine alla pizzaiola.

Sì o no?

Questa ricetta, consumata come secondo piatto o come piatto unico, è adeguata alla Cucina Sì, perché è cucinata con tagli magri di carne e il pomodoro, con l'eventuale aggiunta di altre verdure, aiuta a diminuire la densità calorica.

Oppure si può mantenere la ricetta tradizionale, senza abbondare con l'olio, e affiancarla a un contorno di verdure bollite o a una insalata.

Insomma, la carne alla pizzaiola può rientrare tranquillamente nell'alimentazione di tutti i giorni, anche in una dieta perché è facilmente declinabile in versione "Sì".

 

 

Quale taglio per una pizzaiola morbida?

Carne alla pizzaiola

Consiglio di scegliere carne di manzo o vitellone perché meno soggetta a contenere residui di anabolizzanti e cortisone somministrati spesso ai vitelli più giovani. In base al tipo di pizzaiola che vogliamo preparare, se a breve o a lunga cottura, dovremo scegliere diversi tipi di tagli di carne. La carne più indicata per preparare la pizzaiola a breve cottura sono le fettine non troppo spesse (2 o 3 cm) dei seguenti tagli di carne: girello, girello di spalla, culatta o noce.

Se invece optiamo per la pizzaiola a lunga cottura, opteremo per delle fettine di copertina di spalla oppure di pesce (o campanello), ricche di tessuto connettivo. La carne, di manzo o vitellone macellato oltre i 12 mesi, non deve essere troppo magra, è bene che ci siano delle venature di grasso che danno più sapore al piatto e non influiscono troppo sull'apporto calorico.

Varianti con pomodorini e patate, in padella e al forno

 

 

La carne alla pizzaiola si presta a diverse varianti, le più gettonate sono quelle che prevedono l'uso di patate, e la variante con pomodorini freschi, cotti per brevissimi tempo. A nostro parere, sono varianti che snaturano troppo l'essenza della ricetta, cioè quella di avere una salsa di pomodoro ricca e densa, dove le patate non ci starebbero particolarmente bene, molto meglio utilizzare il pane come fonte di carboidrati, per fare una bella scarpetta!

La cottura al forno della pizzaiola può invece avere un senso, se vogliamo ottenere una rosolatura superficiale del pomodoro che non potremmo ottenere con la cottura in padella. Dopo la rosolatura della carne in padella, basta metterla in una teglia da forno, ricoprirla col pomodoro abbastanza "lento", acquoso (eventualmente si può aggiungere acqua o brodo di carne), e cuocere in forno per 30 minuti a 180 gradi, controllando che non si asciughi troppo ed eventualmente aggiungendo altra acqua o brodo.

Pizzaiola a breve e lunga cottura

Tradizionalmente, infatti, il procedimento originario per preparare la pizzaiola, diciamo quello delle nonne, prevedeva una lunga cottura della carne nel pomodoro, oltre i 20 minuti (diciamo almeno 30). La fettina di manzo o di vitellone, se il taglio è quello giusto, si ammorbidisce e diventa tenera, e il pomodoro prende il tipico sapore di "cotto".

Se invece si predilige un sapore più fresco, si può utilizzare della carne a breve cottura e rosolarla solo un paio di minuti per lato, poi eventualmente la si può togliere, aggiungere gli altri ingredienti e a cottura ultimata, la si rimette insieme al pomodoro, ma solo per farla tornare in temperatura.

Ricetta della carne alla pizzaiola

Autore: Andrea Tibaldi

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 8 fettine di copertina di spalla (lunga cottura) oppure lombata, noce o scamone (breve cottura), spesse circa 1 cm
  • 1200 g di pomodoro fresco (o 800 g di pomodori pelati, se non in stagione)
  • 2 spicchi d'aglio
  • una manciata di origano (meglio se fresco)
  • 40 g di olio extra vergine di oliva
  • sale, pepe

Preparazione

Tritare l'aglio. La ricetta tradizionale prevede che l'aglio sia tagliato a pezzettini o a sfoglie, come quello che si usa nella pizza, ma se non piace o risulta indigesto, si può optare per l'aglio lasciato intero incamiciato e poi toglierlo a fine cottura. In una padella antiaderente ben calda fate soffriggere la carne in un cucchiaio di olio, circa 1 minuto per lato, per farla rosolare bene.

Toglierle dalla padella (solo versione a breve cottura, altrimenti cuocerla insieme al sugo) ed appoggiarle in un piatto coprendolo con un altro piatto rovesciato. Aggiungere nella padella l'aglio, il resto dell'olio (2 cucchiai) e cuocerlo 30 secondi, quindi il pomodoro fresco tagliato a pezzettoni, aggiustare di sale, portare la salsa ad ebollizione e lasciar cuocere a fuoco basso, coperto, per 10-15 minuti (30 minuti almeno, o quando la carne è tenera, con la carne a lunga cottura). A questo punto rimettere le fettine di carne nel pomodoro e lasciarle insaporire per circa 3-4 minuti per lato. Poi spegnere la fiamma, aggiungere l'origano, mescolare, regolare di sale e pepe e servire le fettine sui piatti accompagnate dal sugo e da una spruzzata di origano. Per chi volesse, l'origano può essere sostituito dal basilico oppure si può scegliere di usarli entrambi, il basilico deve essere fresco mentre l'origano può anche essere secco perché mantiene bene il suo aroma.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

268 kcal - 1120 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

44 g

Proteine

45 g - 66%

Carboidrati

3 g - 4%

Grassi

9 g - 29%

di cui

 

saturi

2.1 g

monoinsaturi

5.0 g

polinsaturi

0.4 g

Fibre

1 g

Colesterolo

120 mg

Sodio

91 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Polpette di tonno e patate al forno

Cerchi una ricetta per far mangiare il pesce in modo divertente ai propri figli? Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalle polpette di tonno e patate al forno.

Torta di mele light: può un cibo essere dietetico?

Spesso i dolci sono spesso banditi dalle diete, anche se in realtà è possibile preparare torte leggere e non eccessivamente caloriche.

Torta tenerina: la ricetta originale

La torta tenerina è forse uno dei dolci più diffusi e preparati in Italia: semplicissimo da preparare e adatto anche a chi è alle prime armi.

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi: una variante sfiziosa della salsa di origine messicana, per stupire i vostri ospiti.

 

Vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati

La vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati è una ricetta un po' elaborata, ma che non richiede particolari abilità e di sicuro stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.