Ozonoterapia nella cura dell'ernia al disco

L'ozonoterapia, o discolisi con ozono, o infiltrazioni di ossigeno-ozono è una operazione da valutare in quelle ernie al disco contenute, che non rispondono alla terapia conservativa ma per le quali l'intervento a cielo aperto è considerato eccessivo.

 

 

L'ozono è una molecola composta da 3 atomi di ossigeno, si tratta di una sostanza molto reattiva ed instabile ed è utilizzata per corrodere il disco intervertebrale, con l'effetto di ottenere una riduzione dell'ernia e una decompressione della radice nervosa.

L'ozono può essere iniettato a livello dei muscoli paravertebrali, ma diversi autori, tra cui G. Bersi, ritengono che questo tipo di ozonoterapia non possa considerarsi un provvedimento con capacità terapeutica superiore al placebo.

Diverso è il discorso nel caso in cui l'ozono venga iniettato nello spazio peridurale o addirittura intradiscale, in questo caso l'ozonoterapia può avere effetti positivi, per diversi motivi.

L'ozono provoca la rottura dei legami intramolecolari dei proteoglicani del disco, si verifica una perdita progressiva di acqua e di glicosaminoglicani che produce una riduzione della porzione di disco erniata e una decompressione del nervo.

Ozonoterapia

L'ozono, inoltre, interviene sui meccanismi flogistici agendo sui mediatori del processo infiammatorio, anche se non esistono dimostrazioni scientifiche certe riguardo questi meccanismi di azione. Per questo motivo l'ozonoterapia non ha ancora preso piede a livello internazionale anche se il metodo è utilizzato dagli anni '90. L'ozonoterapia può essere associata ad altre tecniche mininvasive come la nucleoplastica con radiofrequenze e la discectomia endoscopica.

 

 

Tecnica di esecuzione dell'ozonoterapia

Nel caso in cui la miscela di ossigeno e ozono venga iniettata nei muscoli paravertebrali, si tratta di una semplice iniezione intramuscolo, ma come abbiamo detto i risultati, a quanto pare, non sono soddisfacenti. Tuttavia, questo tipo di ozonoterapia è molto diffuso proprio per la semplicità di esecuzione, ma ribadiamo che non esistono prove solide che sia più utile del semplice placebo.

Se la miscela viene iniettata nello spazio peridurale occorre una maggiore esperienza perché esiste il rischio di forare il sacco durale, ma comunque non c'è bisogno di nessuna guida strumentale. In genere viene iniettato non solo ossigeno-ozono, ma anche altre sostanze con lo scopo di ridurre l'infiammazione nella zona interessata (farmaci antinfiammatori cortisonici). Questo tipo di operazione viene spesso eseguita dall'anestesista, che si occupa abitualmente di eseguire questo tipo di infiltrazione nelle partorienti (anestesia epidurale o peridurale).

Se invece l'ozonoterapia viene effettuata direttamente all'interno del disco, occorre uno strumento di guida che può essere un apparecchio di brillanza oppure la guida TAC (necessaria se il disco interessato è L5-S1). In questo caso l'ozonoterapia è una vera e propria operazione che può essere eseguita in regime ambulatoriale, il paziente deve di norma rimanere in osservazione per 2 ore dopo l'intervento.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.