Vitamina K

La vitamina K (dal tedesco koagulationsvitamin) è una vitamina che si trova soprattutto nelle verdure a foglia verde e nei cavoli.

 

 

Le forme di vitamina K più utilizzate come integratore sono due: la vitamina K1 (fitonadione) e la vitamina K2 (menachinone). Solitamente si preferisce la vitamina K1 perché è meno tossica e più efficace, soprattutto per alcune condizioni.

La vitamina K svolge un ruolo importante nella coagulazione del sangue, per questo è utilizzata per invertire l'effetto dei farmaci anticoagulanti, per evitare problemi di coagulazione nei neonati che presentano carenze di vitamina K, per il trattamento di emorragie causate da farmaci (come l'aspirina, i sulfamidici, la chinina, la chinidina e alcuni antibiotici).

La vitamina K viene anche utilizzata per prevenire le carenze, per prevenire e curare l'osteoporosi, alleviare il prurito che spesso accompagna la cirrosi biliare.

La vitamina K2 (menachinone) viene assunta per curare l'osteoporosi e la perdita di tessuto osseo causato da steroidi, e a ridurre il colesterolo totale nelle persone in dialisi.

Sottoforma di creme e unguenti viene utilizzata per i lividi, le cicatrici, le smagliature, le ustioni e la rosacea (una malattia della pelle che provoca arrossamento e brufoli sul viso).

La vitamina K viene anche usata per accelerare la guarigione della pelle e ridurre lividi e gonfiore dopo gli interventi chirurgici.

Può anche essere somministrata per via endovenosa, per risolvere alcuni problemi di coagulazione.

 

 

Controindicazioni

La vitamina K è considerata sicura per la maggior parte delle persone, e anche gli effetti collaterali sono trascurabili.

La vitamina K è considerata sicura anche in gravidanza e allattamento, se assunta nelle dosi consigliate.

Chi soffre di malattie renali ed è sottoposto a dialisi deve prestare attenzione perché l'assunzione di vitamina K in quantità elevate può essere pericolosa; così come chi soffre di problemi gravi al fegato.

Vitamina K

Benefici dell'integrazione di vitamina K

Effetti accertati (forte evidenza)

Curare e prevenire la carenza di vitamina K. La vitamina K1 è particolarmente efficace per risolvere le carenze più comuni.

Prevenire alcuni problemi di sanguinamento o di coagulazione del sangue. La vitamina K1 può prevenire problemi di sanguinamento o di coagulazione del sangue nei neonati.

Invertire gli effetti di un eccesso di farmaci anticoagulanti (warfarin).

Dosaggio consigliato

Per i disturbi della coagulazione vengono utilizzati da 2,5 a 25 mg di vitamina K1 al giorno.

 

 

Per contrastare l'effetto del warfarin vengono consigliati da 1 a 5 mg di vitamina K, l'esatta dose necessaria è determinata da un test di laboratorio chiamato INR (International Normalized Ratio).

Le dosi giornaliere raccomandate di vitamina K sono:

  • 0-6 mesi, 2 mcg
  • 6-12 mesi, 2,5 mcg
  • 1-3 anni, 30 mcg
  • 4-8 anni, 55 mcg
  • 9-13 anni, 60 mcg
  • 14-18 anni (comprese le donne in gravidanza o allattamento), 75 mcg
  • uomini oltre 19 anni, 120 mcg
  • donne di oltre 19 anni (comprese quelle in gravidanza o allattamento), 90 mcg.

Conclusioni

La vitamina K è efficacie per prevenire e curare le carenze, e per alcuni problemi della coagulazione, anche causati da farmaci. Per tutte queste condizioni l'integrazione va pianificata con la consulenza del medico.

Bibliografia

Daily vitamin K supplementation improves anticoagulant stability

Low-dose vitamin K to augment anticoagulation control

Vitamin K supplementation can improve stability of anticoagulation for patients with unexplained variability in response to warfarin

Effect of vitamin K supplementation on bone loss in elderly men and women

Vitamin K and the prevention of fractures. systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials

Potential interactions between alternative therapies and warfarin

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Integratori salini - Sali minerali per sportivi

Gli integratori salini sono supplementi di sali minerali che vengono utilizzati spesso in eccesso, ma sono invece consigliati solo in alcuni casi particolari.


Yersinia enterocolitica

La Yersinia enterocolitica è un patogeno emergente che contamina gli alimenti di origine animale e quelli di origine vegetale di quarta gamma.


Ipertermia maligna: la rara complicanza degli anestetici

L'ipertermia maligna è una rara complicanza di predisposizione genetica, che si ha sopratutto in seguito all'anestesia generale. Difficile da diagnosticare, vi sono però delle precauzioni.


Alcolismo

L'alcolismo è una malattia costituita da un abuso cronico di alcol. Rappresenta un modello di consumo di alcol che porta a disagio o compromissione clinicamente significativi.

 


Morso (puntura) di zecca: come riconoscerlo, terapia e prevenzione

Il morso, o puntura, della zecca può portare alla trasmissione di malattie infettive diverse a seconda della specie di zecca e dell'ospite in cui essa è stata in precedenza.


Bioflavonoidi o flavonoidi

I bioflavonoidi, o flavonoidi, sono una classe di composti polifenolici a basso peso molecolare che si trovano in frutti e fiori delle piante e che svolgono moltissime funzioni.


Equilibrio idrosalino, rene, ormoni e apparato urinario

L'equilibrio idrosalino è regolato dal rene, in stretta connessione con l'apparato circolatorio, ma anche dalla sudorazione e dall'ipotalamo, attraverso la stimolazione delle sete.


Coma etilico - Sintomi - Valori - Cosa fare

Il coma etilico è una grave conseguenza derivante da un'eccessiva assunzione di bevande alcoliche e che deve essere trattato come una vera e propria emergenza per evitare conseguenze gravi.