Metodo Hebener per la sclerosi multipla

Il metodo Hebener si basa sul meccanismo infiammatorio regolato dagli eicosanoidi.

 

 

Essenzialmente si basa sulla riduzione dell'assunzione di acido linoleico fino a 1,8 g al giorno, e sulla integrazione di grassi omega 3, selenio, vitamina E, e di estratto di mollusco.

Ci è arrivata una mail di una ragazza affetta da sclerosi multipla che asseriva di aver trovato un "metodo con risultati certi" contro la sua malattia: il metodo Hebener, appunto.

Ci siamo documentati e abbiamo scoperto di cosa si tratta leggendo le pagine del sito www.terapiahebener.it.

La terapia sembra molto semplice, per adottare la dieta proposta basta attenersi alle informazioni ricavabili in qualunque database di composizione degli alimenti, ma non vengono fornite le quantità di vitamina E e di omega 3 necessari.

Ma leggendo bene i risultati raggiunti dallo studio (http://www.terapiahebener.it/statistiche.html), che tra l'altro non sembra essere stato pubblicato da nessuna rivista scientifica nè da alcun congresso, si scopre che il metodo Hebener ha ottenuto, dopo 2 anni di terapia, la stabilità delle condizioni nel 56,2% dei casi, e un miglioramento nel 22,3%.

Il fatto che lo studio sia stato fatto a questionario, senza doppio cieco, in pazienti che non seguivano una terapia convenzionale, e quindi sicuramente "predisposti" a un giudizio positivo nei confronti delle terapie alternative, riduce enormemente la valenza scientifica dell'esperimento stesso. Alla luce di questi fatti i risultati, già poco promettenti, vanno ulteriormente ridimensionati.

 

 

Metodo Hebener

Come si fa a promettere "risultati certi" basandosi su questi dati?

Il metodo, inoltre, non sembra nemmeno particolarmente sofisticato poiché, per esempio, non tiene conto del fatto che una eccessiva assunzione di carboidrati è causa della produzione di acido arachidonico.

L'eccesso di carboidrati può essere addirittura indotto dalla terapia Hebener, poiché riducendo la carne rossa grassa è probabile che si aumentino i carboidrati per sostituzione.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Integratori per la vista e la salute degli occhi

Alcune sostanze contenute nei cibi, ma assumibili anche sottoforma di integratori, possono ritardare l'insorgenza di alcune patologie dell'occhio legate all'età.

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli

Come integrare la dieta quotidiana per il benessere di pelle e capelli: omega 3 e altri integratori.

Fungo Chaga: l'integratore con più rischi che benefici

Chaga è un fungo al quale vengono riconosciute proprietà terapeutiche contro alcune patologie, in realtà tutte da dimostrare. E non mancano le controindicazioni.

Cannabidiolo (CBD) - cosa sappiamo e cosa no

Il CBD (cannabidiolo) è un cannabinoide che si trova nella cannabis light: scopriamone pregi e difetti.

 

Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.

Lattoferrina: benefici e possibili effetti

La lattoferrina è usata come integratore per diversi scopi, molti dei quali non hanno ancora una solida conferma scientifica.

Mucosite perimplantare

La mucosite perimplantare viene definita come un processo infiammatorio reversibile nei tessuti molli che circondano la zona in cui è installato un impianto dentale.

Listeria monocytogenes: alimenti, sintomi e prevenzione

La Listeria monocytogenes è un batterio ubiquitario che si trova in diversi alimenti e sopravvive anche in frigo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.