Il metodo Kousmine

Lo scopo del metodo Kousmine è quello di rafforzare il sistema immunitario e le difese dell'organismo, in questo modo sarebbe possibile prevenire le malattie degenerative o addirittura curarle o quantomeno aiutare le cure tradizionali a sconfiggerle.

 

 

I pilastri del metodo Kousmine sono 4:

  1. una sana alimentazione;
  2. integrazione alimentare;
  3. igiene intestinale;
  4. riequilibrio dell'acidità dell'organismo.

Per quanto riguarda il primo punto, il metodo kousmine demonizza in modo eccessivo alcuni alimenti e ne esalta altri ingiustificatamente.

Non si capisce perché si debba ridurre fino a quasi eliminare le carni rosse e i latticini grassi: a parte il fatto che esistono carni rosse magre, i grassi saturi sono necessari per l'organismo, anche quello dei malati di malattie degenerative.

Il metodo Kousmine esalta oltre misura le proprietà dei cereali integrali e dei legumi: è importante assumerli, ma non per questo l'alimentazione deve basarsi solo su quelli. Il consiglio di utilizzare olio di semi di girasole spremuto a freddo può essere buono per una persona sana, che deve integrare con grassi omega 6, ma non per un ammalato di malattia degenerativa, che deve aumentare il rapporto tra omega 3 e omega 6. Anche lo sbilanciamento a favore dei carboidrati tipico di questo tipo di alimentazione non è benefico per i soggetti colpiti da malattie autoimmuni.

Metodo kousmine

Il digiuno, protratto fino a 6 giorni, consigliato dal metodo Kousmine per purificarsi, può portare addirittura a intossicarsi di scorie azotate prodotte dal metabolismo delle proteine, oltre a produrre perdita della massa muscolare, importantissima per i malati di malattie reumatiche.

Pensare di modificare l'acidità dell'organismo è semplicistico: basta pensare all'assunzione di bicarbonato, che provoca una reazione da parte dello stomaco che produce ulteriore acido cloridrico per riequilibrare la situazione. Il corpo umano, cioè, possiede dei sistemi di autoregolazione che sono difficili da alterare dall'esterno.

 

 

Il metodo Kousmine evidentemente da troppa importanza all'alimentazione sana ignorando, per esempio, il fatto che esiste moltissima gente che sta benissimo pur facendo tutto il contrario rispetto a quello che prescrive il metodo.

Le malattie degenerative non sono causate da una alimentazione sbagliata, quindi non si possono curare modificando l'alimentazione.

La filosofia stessa del metodo insegna che non basta l'alimentazione, ma è necessario modificare il nostro stile di vita, agire sul lato psicologico, comportamentale, ecc. Perché allora imporre tali e tanti vincoli sull'alimentazione?

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Cooking therapy: quando cucinare aiuta a guarire

La cooking therapy è una terapia nuova che si applica a diversi disturbi di tipo psicologico e cognitivo, su persone di diverse età e abilità neurologiche.


Riflessologia plantare: cosa cura, come agisce e dove è nata

La riflessologia plantare fa parte delle medicine alternative e nonostante sia molto utilizzata non è ancora chiara la sua reale efficacia.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.


Integratori di fibre alimentari: quali tipologie ed effetti?

Gli integratori di fibre alimentari sono molto usati per diversi scopi e fanno da supporto alle fibre normalmente aggiunte alla dieta.

 


Disturbi del sonno: caratteristiche, rimedi e cause

I disturbi del sonno sono di varia natura e hanno molte cause diverse, possono essere trattati con farmaci e altri rimedi.


Macchie solari: tipologie e trattamenti

Le macchie solari sono incrementate dall'esposizione al sole ma hanno anche altre cause.


Psyllium

I semi di psyllium sono un integratore utilizzato per combattere stati blandi di stitichezza, fanno parte dei lassativi di massa.


Intolleranza agli additivi alimentari: cosa sappiamo davvero?

L'intolleranza agli additivi alimentari è una reazione da ipersensibilità al cibo non ancora molto studiata. Non esiste un test diagnostico e una cura specifica.