Alcolismo

L'alcolismo è una malattia costituita da un abuso cronico di alcol. Rappresenta un modello di consumo alcolico che porta a disagio o compromissione clinicamente significativi, associato a desiderio persistente o spinta a consumare alcol, abbandono o riduzione di importanti attività sociali o lavorative e impiego di gran parte del tempo a procurarsi o usare prodotti alcolici.

 

 

L'abuso patologico dell'alcol include qualsiasi utilizzo di sostanze alcoliche che mettono a rischio la propria salute o sicurezza oppure che causano problemi alcol-correlati.

Vedi anche: tasso alcolemico

Cause

Gli esatti meccanismi che conducono ad alcolismo sono tutt'oggi sconosciuti.

Diverse cause sono state prese in esame e si ritiene che sia necessaria una combinazione di queste per andare incontro ad alcolismo.

I fattori che, se associati, possono causare alcolismo sono i seguenti:

  • fattori genetici, persone con un genitore affetto da alcolismo sono più a rischio;
  • fattori ambientali;
  • fattori psicologici, come problemi d'impulsività o di autostima.

Bere quantità eccessive di alcol può indurre un aumentato rischio di alcolismo nei seguenti casi:

  • uomini che consumano 15 o più drink (es. bicchiere di vino, pinta di birra o bicchierino di superalcolico) nell'arco di una settimana oppure 5 o più drink entro due ore.
  • Donne che consumano 12 o più drink (es. bicchiere di vino, pinta di birra o bicchierino di superalcolico) nell'arco di una settimana oppure 4 o più drink entro 2 ore.

 

 

Fattori di rischio

Le probabilità di avere problemi correlati all'alcol possono aumentare nei seguenti casi:

  • Consumo alcolico costante: bere quantità alcoliche in modo regolare per un periodo di tempo prolungato oppure consumare quantità eccessive in un breve periodo di tempo (binge drinking) in maniera regolare può portare a problemi connessi all'alcol.
  • Età: persone che iniziano a bere sostanze alcoliche in età precoce, soprattutto in modo binge drinking, sono a più alto rischio di incorrere in un disturbo da uso di alcol. L'uso di alcol può iniziare negli anni dell'adolescenza, anche se tale disturbo si verifica più frequentemente in un'età compresa fra i 20 e 30 anni.
  • Storia famigliare: il rischio di incorrere in un disturbo da uso di alcol è più elevato per le persone che hanno un genitore o un altro parente stretto che ha problemi con l'alcol. Ciò può essere influenzato da fattori genetici.
  • Problemi di salute mentale: persone affette da disturbi depressivi, disturbo bipolare, disturbi d'ansia e schizofrenia, sono più inclini a sviluppare problemi con l'alcol o altre sostanze.
  • Fattori sociali e culturali: avere amici o un partner stretto che bevono regolarmente potrebbe aumentare il rischio di  sviluppare un disturbo da uso di alcol. Il bere "sociale", che a volte viene raffigurato dai media, può influire negativamente sulla percezione della pericolosità dell'alcol. Per i giovani, l'influenza dei genitori, colleghi e altri modelli di ruolo possono avere un forte impatto.
  • Stile di vita stressante.
Alcolismo

Sintomi

Il disturbo da uso di alcol può essere lieve, moderato o grave, in base al numero di sintomi che si verificano.

Segni e sintomi possono includere:

  • incapacità di limitare la quantità di alcol ingerita quotidianamente.
  • Forte desiderio o spinta a bere alcolici.
  • Desiderio persistente e tentativi infruttuosi nel ridurre o controllare l'uso di alcol.
  • Investire una gran parte del tempo a bere, procurarsi l'alcol o recuperare dai suoi effetti.
  • Fallimenti nell'adempimento dei principali obblighi sul lavoro, scuola e casa, a causa dell'uso ricorrente di alcol.
  • Uso continuato di alcol nonostante la presenza di problemi sociali o interpersonali causati dagli effetti dell'alcol.
  • Rinunciare o ridurre importanti attività sociali, lavorative e ricreative a causa dell'uso di alcol.
  • Uso ricorrente di alcol in situazioni nelle quali è fisicamente pericoloso, come ad esempio durante la guida.
  • Sviluppo di tolleranza all'alcol, definita come un bisogno di quantità marcatamente aumentate di alcol per ottenere l'effetto desiderato e una marcata diminuzione dell'effetto con la stessa quantità alcolica.
  • Sintomi di astinenza quali nausea, sudorazione e agitazione, quando non s'introducono sostanze alcoliche oppure assumere alcol per evitare questi sintomi.
  • Il disturbo da uso di alcol può includere periodi d'intossicazione da alcol e sintomi di astinenza.

Diagnosi

 

 

Generalmente, un disturbo da uso di alcol, viene sospettato dal medico di medicina generale, il quale spesso indirizza il paziente verso un centro specializzato per i disturbi correlati a sostanze.

Per valutare e diagnosticare un disturbo da alcol si eseguono i seguenti test ed esami:

  • Anamnesi: si pongono domande relative alle abitudini del consumo alcolico. Spesso viene chiesto il permesso di parlare con i membri della famiglia o amici.
  • Esame fisico: eseguito per indagare i molti segni fisici che indicano l'uso cronico di alcol.
  • Esami di laboratorio: non esistono test specifici per diagnosticare il disturbo da uso di alcol, ma alcune anomalie dei test di laboratorio possono fortemente suggerire un abuso alcolico. Vengono inoltre indicati per identificare eventuali problemi di salute che possono essere collegati all'uso di alcol.
  • Valutazione psicologica: questa valutazione comprende domande sui sintomi, pensieri, sentimenti e comportamenti. A volte vengono proposti questionari da compilare in modo da standardizzare le risposte.
  • Criteri del DSM-5: il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali 5 (DSM-5), pubblicato dalla American Psychiatric Association, è spesso usato dagli psichiatri per porre diagnosi di disturbo da uso di alcol.

Terapia

Il trattamento per il disturbo da uso di alcol può variare a seconda delle esigenze; la terapia può comportare una breve consulenza psicologica, una terapia individuale o di gruppo, un programma ambulatoriale oppure un ricovero ospedaliero. L'obiettivo principale del trattamento è di arrestare l'uso di alcol per migliorare la qualità della vita del paziente.

Il trattamento può comprendere:

  • Disintossicazione: il trattamento può iniziare con un programma di disintossicazione, che viene medicalmente gestito e richiede generalmente da due a sette giorni. A volte si rende necessario assumere farmaci sedativi per evitare i sintomi di astinenza.
  • Consulenza psicologica: mira ad aiutare a capire meglio il problema con l'alcol. Si può beneficiare di una terapia individuale, di coppia o familiare, il sostegno della famiglia può rappresentare una parte importante del processo di recupero.
  • Farmaci: farmaci come il disulfiram (Antabuse) possono aiutare a smettere di bere, anche se non sono grado di curare il disturbo o rimuovere la coazione a bere. Quando si consuma alcol, il farmaco produce una reazione fisica che causa vampate di calore, nausea, vomito e mal di testa.
  • Trattamento per problemi psicologici: il disturbo da uso di alcol si verifica comunemente in associazione ad altri disturbi di salute mentale, come depressione o ansia.
  • Malattie associate: molti problemi di salute legati all'alcol migliorano in modo significativo una volta che si smette di bere; ciò nonostante alcune malattie necessitano la continuazione del trattamento medico.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Terapia sostitutiva con testosterone: pro e contro

La terapia sostitutiva con testosterone è un trattamento che deve essere prescritto dal medico dopo diagnosi accurata della reale necessità.


Strappo (distrazione) muscolare

Lo strappo (o distrazione) muscolare è una lesione muscolare di gravità variabile. Terapia, cura e prevenzione.


Chetoni esogeni e sport: sono davvero utili?

I chetoni esogeni sono degli integratori proposti per incrementare la rese sportiva degli atleti. Gli effetti in tal senso non sembrano però reali.


Chetoni esogeni per dimagrire: NON FUNZIONANO!

I chetoni esogeni sono integratori usati per innescare la chetosi. Ma non fanno dimagrire e possono avere effetti collaterali.

 


Andropausa

L'andropausa ovvero il graduale calo di testosterone negli uomini.


Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.


Crisina (integratori)

La crisina è un integratore che inibisce l'enzima aromatasi, è utilizzato per aumentare il livello di testosterone ma la sua efficacia non è dimostrata.


Cooking therapy: quando cucinare aiuta a guarire

La cooking therapy è una terapia nuova che si applica a diversi disturbi di tipo psicologico e cognitivo, su persone di diverse età e abilità neurologiche.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.