Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la una proposta commerciale lanciata da Riso Scotti, in collaborazione con il professor Nicola Sorrentino, medico nutrizionista famoso per aver scritto diversi bestseller nel campo delle diete.

 

 

Si tratta di un pacchetto di prodotti preconfezionati, finalizzati alla riduzione del peso corporeo. Il prodotto è stato lanciato nella primavera del 2019, con una massiccia campagna pubblicitaria nei principali canali televisivi (censurata dall'Istituto di Disciplina Pubblicitaria).

Cos'è la dieta del riso di Sorrentino

Dietidea è un prodotto molto simile, come concezione, a Diet to go, il catering dietetico a domicilio di cui mi sono occupato per più di 10 anni, dal 2005 al 2017.

In pratica Dietidea è un kit ipocalorico, composto da cibi confezionati, già pronti, della durata di 7 giorni. Le calorie giornaliere sono fisse, pari a 1000 kcal per le donne e 1300 per gli uomini.

La colazione è composta da una barretta, il pranzo da una vellutata, lo snack da un croccante, la cena è variabile ma è spesso composta da un secondo piatto (per esempio lo spezzatino di soia). Il menù è tutto vegetariano, e non contiene glutine anche se non è adatto ai celiaci (perché probabilmente contiene prodotti potenzialmente contaminati da tracce di glutine), però strizza l'occhio ai "finti intolleranti", quelli affetti da "gluten sensitivity", che sono molti più dei celiaci (ragazzi, questi sono dei GENI ASSOLUTI del marketing). Sono presenti anche tè, tisane e integratori.

 

 

La dieta è sconsigliata a chi è sottopeso (IMC < 18,5), ai minorenni, agli over 75, ai soggetti non sani (con patologie), agli allergici alla frutta secca a guscio e alle donne in gravidanza e allattamento.

Dietidea funziona?

Avendo seguito per 10 anni un'iniziativa simile, devo dire che dal punto di vista commerciale hanno fatto un capolavoro.

C'è tutto quello che serve per fare il botto: è facile (direi banale) da seguire, ha un costo accettabile (costa poco più di 25 euro al giorno, ma bisogna considerare che per una settimana non si spenderà più nulla per mangiare!), il menù è vegetariano, quindi economico e adatto a (quasi) tutti, hanno usato tutte le paroline magiche alla moda (tipo detox), c'è dietro un nutrizionista affermato, ma tutt'altro che "eretico", a dare al prodotto un aura di "ufficialità" e aderenza alle linee guida per una sana alimentazione, è piuttosto restrittiva come dieta, quindi si ottengono quasi di sicuro degli ottimi risultati in una sola settimana, anche nei soggetti con un dispendio calorico molto basso. Che dire: chapeau.

 

 

Dal punto di vista nutrizionale, si tratta di una dieta molto ipocalorica, che però può traquillamente essere seguita per una settimana, e magari replicata dopo una pausa di una settimana. Anche perché il target di questa iniziativa è sicuramente la donna di mezza età molto sedentaria, e non di certo la donna o l'uomo sportivi che con 1000 e 1300 kcal al giorno andrebbero probabilmente in crisi da metà settimana in poi. Non vengono riportati i valori di carboidrati, proteine e grassi del totale della dieta, ma così a occhio credo che la ripartizione sia quella di una classica dieta mediterranea, dunque probabilmente abbiamo una leggera carenza di proteine, rispetto a quella che a mio parere dovrebbe essere una dieta corretta, soprattutto se così ipocalorica, ma stiamo parlando di numeri che, su 7 giorni, non dovrebbero fare una gran differenza.

Ovviamente questa dieta non risolverà il problema del sovrappeso, se non a una sparuta minoranza di coloro che l'adotteranno... Ma solo perché questo vale per qualunque tipo di dieta. Il problema delle diete, infatti, non è dimagrire, ma mantenere il peso raggiunto con la dieta, e questo risultato lo si ottiene solamente acquisendo le nozioni e le capacità per riuscire a modificare per sempre le proprie abitudini. Cosa non contemplata da Dietidea del prof. Sorrentino, anche se il tentativo di far qualcosa (o di far finta di farlo) c'è: compreso nel pacchetto, troviamo il libro di Sorrentino, per chi vuole continuare la dieta di mantenimento fai da te; e sul sito si possono acquistare, separatamente, i singoli piatti e gli integratori (la cui utilità per dimagrire è a nostro parere nulla, ma tant'è la gente invece ci crede, vedi integratori per il dimagrimento).

Esistono alternative più economiche!

Non riteniamo quindi interessante questo prodotto per chi vuole dimagrire... Anche perché oggi al supermercato si trovano molto facilmente prodotti confezionati, anche al banco del fresco, componendo i quali è possibile costruirsi una dieta equilibrata, con le stesse calorie, mangiando meglio e spendendo la metà.

Ma la comodità, e direi anche l'ignoranza, si pagano.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Bubble tea: la curiosa bevanda con perle di tapioca

Il bubble tea è una bevanda a base di tè, latte e perle di tapioca, di cui esistono però diverse versioni e ricette. Ha origini a Taiwan ma si sta diffondendo in tutto il mondo.


Polenta taragna: storia, ricetta e calorie

La polenta taragna è tipica della Valtellina, ma si trova in tutto il Nord Italia. A seconda della zona si usano formaggi diversi e condimenti diversi.


Glucosio

Il glucosio è lo zucchero semplice più importante, e la sostanza in assoluto più diffusa in natura.


Shirataki (konjac) - Pasta senza calorie

Gli shirataki, un tipo di noodles della cucina giapponese ottenuti dalla pianta del konjac e con pochissime calorie.

 


Polenta di mais

La polenta, bianca o gialla, è un tipico piatto povero del Nord Italia.


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.