Olio di oliva

Guarda il video >>

L'olio di oliva viene ottenuto dal frutto delle piante del genere Olea, soprattutto dalla specie Olea europea. Questa pianta è coltivata nel bacino del Mediterraneo fin dall'antichità, e a tutt'oggi i paesi mediterranei soddisfano quasi tutta la produzione mondiale.

 

 

L'olivo è coltivato anche in California, Arizona, Argentina, Perù e Uruguai.

La composizione del frutto dipende da diversi fattori come il tipo di pianta e la maturazione. Mediamente ogni oliva è composta dal 40-50% di acqua, il 15-36% di olio, il 5-8% di fibra e l'1-2% di proteine. L'estrazione dell'olio necessita di varie fasi, dalla raccolta all'estrazione vera e propria, la cui corretta esecuzione influenza la qualità dell'olio estratto.

Classificazione dell'olio di oliva

Olio di oliva

La classificazione dell'olio di oliva, regolamentata dal DM 509/87, viene effettuata a seconda del metodo di estrazione e dell'acidità libera, espressa come acido oleico. Questo valore esprime la quantità di acidi grassi idrolizzati (e quindi liberi, non legati sottoforma di trigliceridi), che sono soggetti con molta facilità ad alterazione e sono tanto maggiori quanto più l'olio è scadente.

Denominazioni per le vendita all'ingrosso dell'olio di oliva

 

 

Le seguenti denominazioni si trovano solo nella vendita all'ingrosso.

  • olio di oliva vergine: è ottenuto dall'oliva esclusivamente con processi meccanici, in condizioni termiche tali da non alterare il prodotto. Si suddivide in:
    1. olio di oliva extra vergine: ha una acidità non superiore all'1%.
    1. olio di oliva vergine: oli con acidità non superiore al 2%.
    1. olio di oliva vergine corrente: acidità non superiore al 3.3%
    1. olio di oliva vergine lampante: acidità superiore al 3.3%
  • olio di oliva raffinato: ottenuto dalla raffinazione di oli di oliva vergini con acidità non superiore allo 0.5%;
  • olio di oliva: ottenuto mescolando olio di oliva raffinato e oli di oliva vergini, diversi dal lampante, con acidità non superiore all'1.5%
  • olio sansa di oliva greggio: ottenuto mediante estrazione con il solvente dalla sansa di oliva, esclusi quelli ottenuti per riesterificazione, e qualunque miscela con oli di altra natura;
  • olio sansa di oliva raffinato: ottenuto dalla raffinazione di olio greggio di sansa di oliva, con acidità non superiore allo 0.5%;
  • olio di sansa di oliva: ottenuto dalla miscelazione di olio di sansa di oliva raffinato con oli di oliva vergini diversi dall'olio lampante, con acidità superiore all'1.5%.

Denominazioni per le vendita al dettaglio dell'olio di oliva

Gli oli ammessi alla vendita al dettaglio sono solamente i seguenti quattro. Di questi, i prodotti più diffusi sono l'olio extravergine e l'olio di oliva, mentre gli altri due sono molto difficili da trovare.

  • olio di oliva extra vergine;
  • olio di oliva vergine (praticamente impossibile da trovare);
  • olio di oliva: miscela di olio vergine con olio di oliva raffinato, la percentuale di olio vergine, la cui entità è a discrezione del produttore, serve per dare un minimo di sapore all'olio raffinato, che di suo sarebbe insapore;
  • olio di sansa di oliva: miscela di sansa di oliva raffinato con olio di oliva vergine, per le stesse ragioni descritte per l'olio di oliva.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.


Formaggini: una storia di pubblicità efficace

I formaggini hanno visto il loro picco d'uso negli anni del boom economico del dopo guerra, grazie ad una pubblicità di sicuro effetto.


Dieta mediterranea contro dieta equilibrata

Dieta mediterranea e dieta equilibrata a confronto: vediamo quali sono i vincoli da tener presenti.

 


Acque aromatizzate o infused water: falsi miti o anche benefici?

Le acque aromatizzate, o infused water, sono delle bevande fatte con acqua e frutta o aromi in infusione. Ad esse vengono attribuite diversi benefici, molti dei quali sono solo falsi miti.


Inulina: cos'è e dove si trova

L'inulina è un tipo di fibra solubile con proprietà prebiotiche, viene utilizzata come additivo alimentare in gelateria e pasticceria.


FOS (frutto olisaccaridi): fonti alimentari, effetti collaterali e benefici

I FOS sono composti che possono essere ritrovati nei cibi ma anche in integratori. Vengono anche usati edulcoranti naturali. Hanno benefici ma anche effetti collaterali.


Alcol e massa muscolare: quali effetti?

La correlazione tra alcol e massa muscolare sembra essere basata su meccanismi ormonali e non, alcuni dei quali non sono stati ancora compresi del tutto.