Vini d'Alsazia

L'Alsazia è una delle più famose regioni vitivinicole della Francia, situata all'estremità centro-orientale, al confine con la Germania. Ha una superficie coltivata a vite di circa 13 mila ettari, ubicata sulla sponda sinistra del fiume Reno.

 

 

Sulla sponda destra del Reno, invece, si trova un'altra zona vitivinicola europea molto importante, la Valle della Mosella tedesca, patria del Riesling, vitigno molto diffuso anche in Alsazia; ma è importante fare una distinzione: per quanto i vitigni coltivati sia in Alsazia che nella Mosella siano pressoché gli stessi la differenza nel tipo di vinificazione è enorme, in Alsazia è consolidata da secoli un'impronta decisamente francese, quindi si producono vini più secchi, con un grado zuccherino residuo più basso e meno grassi dei fratelli della Mosella.

La zona vitivinicola alsaziana è relativamente piccola, comprende una fascia lunga e stretta (91 km x 4 km), che va da Strasburgo a Mulhouse, anche se è la zona centrale, quella attorno alla città di Colmar, la più prestigiosa e rinomata, con paesini come Ribeauvillé, Riquevihr, Beblenheim e Turckheim.

Il clima in Alsazia è molto favorevole alla viticoltura, la regione è protetta dalle piogge e dai venti freddi ad ovest dalla catena montuosa dei Vosgi e ad est dalla Foresta Nera. Le colline e i pendii dove è coltivata la vite sono ben esposti al sole e il terreno è molto variegato (argilla, calcare, roccia vulcanica, granito, sabbia) dando origine così a vini sempre diversi e particolari.

 

 

Disciplinare dei vini di Alsazia AOC

Vini Alsazia

L'Alsazia è divisa in due sotto-distretti vinicoli: Bas-Rhin (Basso reno a nord) e Haut-Rhin (Alto Reno a sud) ed ha guadagnato la denominazione AOC nel 1962 (Alsace AOC) nelle 3 sottocategorie: AOC Alsace, AOC Crémant d'Alsace (la versione spumantizzata) e AOC Alsace Grands Crus. 

Il disciplinare prevede che un vino alsaziano possa essere classificato come Grand Cru se e solo se viene prodotto interamente in una delle 50 aree previste come Grand Cru.

Questo vino deve essere prodotto con uno dei 4 vitigni autorizzati in purezza, i cosiddetti vitigni nobili, ossia Riesling, Gewurztraminer, Pinot grigio e Muscat, il cui titolo alcolometrico minimo deve essere di 10° (per Riesling e Moscato) o di 12° (per Gewurztraminer e Pinot grigio).

 

 

Ogni produttore deve, inoltre, dichiarare in etichetta l'annata, il tipo di vitigno e la zona di produzione.

Per il Riesling sono previste due denominazioni in più: la vendange tardive (la vendemmia tardiva) e la sélection de grains nobles (la versione passita e muffata, attaccata da botrite). 

Vini e vitigni d'Alsazia

Generalmente in Alsazia i vitigni vengono vinificati in purezza, ma esiste anche un blend codificato, l'Edelzwicker, l'unico vino alsaziano prodotto in uvaggio, con vitigni bianchi scelti a discrezione del produttore.

I vitigni più coltivati in Alsazia sono a bacca bianca, ma in misura minore è allevato anche il Pinot Nero (Pinot Noir), che qui dà vini molto semplici, fruttati e beverini, senza la complessità e l'eleganza che lo caratterizzano in Borgogna.

Tra i vitigni bianchi troviamo:

  • Riesling: qui considerato il re dei vitigni, è il vitigno più coltivato.
  • Gewurztraminer: è il vitigno diventato ambasciatore dell'Alsazia nel mondo, il più conosciuto ed esportato, con le sue note aromatiche molto intense (muschio e spezie).
  • Pinot Grigio o Tokai-Pinot Gris: localmente detto "il Sultano", è un vino molto grasso e morbido che viene abbinato al classico foie gras e ai corposi piatti tradizionali.
  • Muscat: capace di dare vini di pronta beva, giovani e leggeri, molto delicati, da abbinare agli antipasti.
  • Pinot Bianco: viene detto anche Klevner o Clevner, qui non dà eccellenti risultati come in altre regioni vitivinicole francesi e allora viene principalmente usato per fare i Crémant, gli spumanti, data la sua fresca nota cidula.
  • Sylvaner: è il vitigno storico dell'Alsazia, il più coltivato fino a qualche decennio fa, ma ormai è caduto in disuso a favore degli altri vitigni nobili, più pregiati, come il Riesling.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Hamburger confezionati: no grazie!

Gli hamburger confezionati non sono in realtà così convenienti e hanno un sapore che si allontana molto da quello della carne fresca.


Salumi: guida a una scelta di qualità

Salumi: guida ad una scelta di qualità di questo vastissimo settore.


Jamon patanegra - Il prosciutto spagnolo

Jamon patanegra: il prosciutto spagnolo il cui vero nome, in realtà, è prosciutto iberico, dalla razza dei maiali.


Prodotti DOP - Denominazione di origine protetta

La DOP - Denominazione di Origine Protetta - è la certificazione europea alimentare più alta.

 


Latte fieno STG

Il latte fieno STG è un latte riconosciuto dall'Unione Europea come Specialità Tradizionale Garantita e prodotto in prevalenza con bovini nutriti a foraggi freschi o essicati.


Ragusano DOP (caciocavallo)

Ragusano DOP: un formaggio a pasta filata dura, prodotto con latte vaccino crudo che pesa normalmente più di 10 chili.


Come scegliere l'olio extravergine di oliva

Come scegliere l'olio extravergine di oliva: i criteri di scelta per un olio di qualità.


Prosciutto di Carpegna DOP

Il prosciutto di Carpegna DOP, prodotto nell'omonimo comune a nord delle Marche.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.