Chardonnay

Lo Chardonnay è un vitigno internazionale a bacca bianca, attualmente uno dei maggiori rappresentanti della viticoltura a livello globalizzato, la sua diffusione, infatti, è su scala mondiale, per un totale di oltre 160 milioni di ettari coltivati a Chardonnay in tutto il pianeta.

 

 

Dalla Francia alla California, dal Regno Unito alla Nuova Zelanda, dall'Italia al Sud Africa, dall'Est Europa al Sud America, lo Chardonnay è un'uva che sa adattarsi bene a qualsiasi tipo di condizione pedoclimatica e di vinificazione.

Di per sé lo Chardonnay è un vitigno neutro, ha una buona acidità e una nota profumata di mela e frutta esotica, ma poi è il terroir dove viene impiantato e il tipo di invecchiamento in botte che lo rendono un vino tra i più nobili e prestigiosi del mondo.

Lo Chardonnay, infatti, si presta bene all'invecchiamento, è uno dei vini bianchi più longevi, assieme al Pinot bianco e al Riesling, tanto che spesso può arrivare a essere paragonato ad un rosso, con i suoi 10-15 anni di longevità.

Ovviamente non tutti gli Chardonnay esprimono questa potenzialità, la loro terra d'elezione è la Borgogna, in Francia, dove si produce il vino Chardonnay più famoso e longevo del mondo: lo Chablis AOC (100% Chardonnay), oltre ovviamente a tutti i cru della Borgogna, tra cui Chassagne-Montrachet, Puligny-Montrachet e Meursault, considerati i vini bianchi migliori al mondo (sicuramente i più costosi). Dà buonissimi risultati anche in Champagne e in Franciacorta, dove viene usato come base per gli spumanti con metodo classico.

 

 

Un po' di storia

Lo Chardonnay è un vitigno originario della Borgogna, in Francia, dove tuttora rimane l'uva a bacca bianca più diffusa e coltivata con circa 34 cloni diversi. Prende il nome dal comune omonimo di Chardonnay, dove è stato impiantato per la prima volta dai monaci dell'abbazia di Pontigny.

In passato lo Chardonnay veniva spesso associato alla famiglia dei Pinot, originariamente, infatti, era conosciuto come Pinot giallo, ma dagli anni Settanta attenti studi ampelografici hanno dimostrato che lo Chardonnay è un vitigno a sé stante ed oggi è iscritto nei catasti come varietà distinta, probabilmente ottenuta come incrocio tra il Pinot nero e il Gouais blanc.

Alcuni sinonimi con cui è conosciuto sono: Morillon, Beaunois, Arnaison blanc, Weisser clevner, ma generalmente il termine Chardonnay è riconosciuto a livello internazionale. 

Caratteristiche del vitigno

Lo Chardonnay ha foglia media, intera, ondulata e liscia. Il grappolo è medio-piccolo, compatto, cilindrico-conico, con due ali poco pronunciate. L'acino è piccolo, sferoidale, di colore giallo-verdognolo e con buccia pruinosa e sottile.

Chardonnay

La vendemmia è molto precoce, si effettua nella seconda metà di agosto, non oltre altrimenti perde di acidità e freschezza.

Il suo punto debole sta proprio nella sua precocità nel germogliare durante la primavera, esponendosi al rischio delle gelate primaverili soprattutto in zone fredde e montane.

La produttività è variabile: con rese troppo alte si ottengono dei vini mediocri e poco interessanti, si dovrebbero, quindi, preferire rese relativamente basse, al di sotto degli 80 quintali per ettaro per ricavarne così dei grandi vini di qualità.

Caratteristiche del vino

 

 

Lo Chardonnay dà un vino dal colore giallo dorato, con un profumo fruttato facilmente riconoscibile (principalmente mela, ma anche banana, mango, papaya e altri frutti esotici). 

In bocca è complesso e ben equilibrato, con una buona struttura e una spiccata acidità.

Lo Chardonnay si presta a svariate vinificazioni: come vino fermo, come spumante o frizzante (è uno dei principali vitigni utilizzati nello Champagne) ed è particolarmente idoneo all'invecchiamento in botte.

Questa sua peculiarità, però, sta diventando anche il suo lato debole poiché la maggior parte dei produttori del mondo tendono a produrre dei vini barricati dal gusto omologato e standardizzato, poco interessanti, i quali sono generalmente vini molto maturi, molto alcolici e dall'inconfondibile ma stucchevole profumo di vaniglia e banana.

Lo Chardonnay in Italia 

Lo Chardonnay è coltivato in praticamente tutte le regioni italiane e concorre a formare tante DOC e due DOCG (il Franciacorta DOCG e il Recioto di Soave DOCG, entrambe in uvaggio).

Le regioni dove dà i migliori risultati sono: la Valle d'Aosta (menzione al produttore Les Cretes), la Sicilia dove lo Chardonnay ha trovato un buon terroir tanto da superare in diffusione gli autoctoni Grillo e Cataratto, in Trentino Alto Adige, dove assume i sapori e i profumi fruttati di questa terra, in Veneto, in Friuli Venezia Giulia e, ovviamente, in Lombardia dove la sua coltivazione è quasi esclusivamente dedicata alla produzione di spumanti: il Franciacorta e l'Oltrepò Pavese.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Hamburger confezionati: no grazie!

Gli hamburger confezionati non sono in realtà così convenienti e hanno un sapore che si allontana molto da quello della carne fresca.


Salumi: guida a una scelta di qualità

Salumi: guida ad una scelta di qualità di questo vastissimo settore.


Jamon patanegra - Il prosciutto spagnolo

Jamon patanegra: il prosciutto spagnolo il cui vero nome, in realtà, è prosciutto iberico, dalla razza dei maiali.


Prodotti DOP - Denominazione di origine protetta

La DOP - Denominazione di Origine Protetta - è la certificazione europea alimentare più alta.

 


Latte fieno STG

Il latte fieno STG è un latte riconosciuto dall'Unione Europea come Specialità Tradizionale Garantita e prodotto in prevalenza con bovini nutriti a foraggi freschi o essicati.


Ragusano DOP (caciocavallo)

Ragusano DOP: un formaggio a pasta filata dura, prodotto con latte vaccino crudo che pesa normalmente più di 10 chili.


Come scegliere l'olio extravergine di oliva

Come scegliere l'olio extravergine di oliva: i criteri di scelta per un olio di qualità.


Prosciutto di Carpegna DOP

Il prosciutto di Carpegna DOP, prodotto nell'omonimo comune a nord delle Marche.