Cabernet Franc

Il Cabernet Franc è un vitigno internazionale a bacca rossa, originario del versante iberico dei Pirenei, e solo successivamente esportato nella Gironda, un dipartimento francese che ha come capoluogo Bordeaux: è quindi uno dei vitigni tipici del Bordolese, che concorre, assieme al Merlot e al Cabernet Sauvignon a comporre il classico blend bordolese.

 

 

In Francia il Cabernet Franc si esprime al meglio non nel bordolese, dove viene sempre vinificato in uvaggio, ma nella zona della Loira, tra i comuni di Anjou, Saumur, Chinon e Bourgeuil, dove viene vinificato in purezza dando i vini da Cabernet Franc più eleganti e famosi al mondo.

Viene chiamato anche Cabernet Gros (per distinguerlo dal piccolo, petit, che è il Cabernet Sauvignon), Grosse Vidure, Breton o Bordò.

Il Cabernet Franc è un vitigno molto diffuso anche al di fuori della Francia, e che predilige zone fredde: Russia, Ungheria, Slovenia, Germania, California, Argentina, Australia e Nuova Zelanda, per un totale di 45 mila ettari di allevamento complessivi, che ne fanno uno dei vitigni a bacca rossa più diffusi al mondo.

In Italia è coltivato fin dall'Ottocento e ha trovato il suo habitat naturale nell'area Nord-Orientale, soprattutto in Friuli Venezia Giulia, dove viene vinificato in purezza e dà buonissimi risultati, in Veneto e in Lombardia. Ultimamente viene coltivato anche in Toscana, nella zona di Bolgheri dove si stanno impiantando un po' tutti i vitigni tipici del Bordolese, e in Puglia.

 

 

Caratteristiche del vitigno

Cabernet Franc

Il Cabernet Franc ha una buona vigoria e una buona produttività, anche se la sua qualità cambia molto da zona a zona: nei climi freddi dà le sue migliori espressioni ma la resa è incostante e scarsa, per questo è preferibile vinificarlo in purezza, nei climi caldi, invece, produce un vino mediocre ma la sua resa è molto abbondante, per questo viene spesso usato negli uvaggi.

Come pianta sopporta bene i freddi e le gelate invernali, ma è facilmente attaccabile dalle malattie come l'oidio e la peronospora.

Ha foglia media, orbicolare e pentalobata. Il grappolo è medio-piccolo, di forma cilindrica o conica, compatto e a volte alato. L'acino è medio-piccolo, sferoidale, con buccia molto pruinosa e molto resistente, di colore blu-nero.

La maturazione è medio-tardiva, si vendemmia da fine settembre ai primi di ottobre.

Predilige terreni collinari, argillosi e ciottolosi.

La forma di allevamento più indicata è quella a controspalliera.

Caratteristiche del vino

Il Cabernet Franc si differenzia dal Cabernet Sauvignon per essere un vino meno elegante, meno ruffiano, meno morbido, anzi, il Franc è decisamente un vino sgarbato, ha un gusto secco, molto erbaceo e dai tannini potenti.

Solo con un opportuno periodo di invecchiamento in botte e di affinamento in bottiglia si ammorbidisce e regala dei bei vini interessanti. 

Proprio queste sue peculiarità, che lo rendono un vino difficile e da interpretare, lo rendono anche uno dei vini più interessanti e apprezzati dagli estimatori.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.

Cipolla rossa di Tropea Calabria IGP

Dolcissima, croccante e rossa, sono queste le caratteristiche che rendono tanto desiderata e appetibile la "Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP".

Branding, come funziona e che impatto ha nel settore alimentare

Con il termine branding si fa riferimento adattività che permettono di definire un marchio, rendendo il prodotto differente da quello dei competitor.

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

I consigli per un'alimentazione sana: come scegliere cibi naturali senza additivi

 

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.