Queso Zamorano DOP

Zamora è una città spagnola del nord-ovest, quasi al confine con il Portogallo ed è qui che si produce il queso Zamorano, un formaggio di pecora molto intenso che viene stagionato a lungo.

 

 

La zona dove viene prodotto il queso Zamorano è un territorio pianeggiante, principalmente coltivato a cereali, con un clima continentale e repentini sbalzi di tempo. Da sempre la zona e la gente di Zamora vengono etichettate come rustiche, dure, più simili ai portoghesi che agli spagnoli e così è anche il carattere di questo formaggio.

Sembrerebbe uno dei formaggi spagnoli più antichi, alcuni strumenti rudimentali per fare il formaggio che risalgono all'Età del Bronzo sono stati ritrovati nella provincia di Zamora ed oggi il queso Zamorano fa parte della dieta quotidiana di tutti gli spagnoli (un po' come il Parmigiano Reggiano per noi italiani).

Il queso Zamorano ha ottenuto la DOP nel 1993.

Produzione del queso Zamorano DOP

Queso Zamorano DOP

Secondo il disciplinare, il queso Zamorano DOP può essere ottenuto solo da latte ovino proveniente dalle due razze autoctone della provincia di Zamora: la oveja churra e la oveja castellana.

Il latte può essere lavorato crudo oppure pastorizzato, riscaldato a 28-32°C e fatto coagulare con caglio animale per un tempo variabile tra i 30 e i 45 minuti.

La cagliata verrà rotta e tagliata in pezzi di diametro compreso tra 5 e 10 mm, quindi rimpastata e portata ad una temperatura di circa 40°C.

Successivamente la cagliata viene travasata negli stampi appositi e pressata per la fuoriuscita del siero.

La salatura può avvenire sia a secco che in salamoia, ma nel secondo caso deve durare per un periodo compreso tra le 3 e le 6 ore. Il disciplinare stabilisce che si debba usare un massimo del 22% di cloruro di sodio.

La stagionatura deve durare un minimo di 100 giorni contati a partire dal momento in cui le forme vengono messe negli stampi.

Esiste anche il queso Zamorano Gran Reserva, fatto maturare per 12 mesi.

 

 

Caratteristiche del queso Zamorano DOP

Le dimensioni massime degli stampi per il queso Zamorano DOP sono: 24 cm di diametro, 14 cm di altezza e 4 kg di peso.

La crosta è dura, con striature prodotte dagli stampi, di colore giallo-grigio, la pasta è dura, secca e compatta, senza occhiatura o con un'occhiatura molto fine, di colore bianco avorio che diventa via via più giallo man mano che aumenta la stagionatura.

Il sapore è molto intenso, leggermente acidulo e con note finali che ricordano la frutta secca.

Si abbina bene alle marmellate, alla cotognata e al vino tipico della zona, il Toro DOP, preferibilmente rosso.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Novel food: significato, esempi e normativa

I novel food sono i cibi nuovi rispetto a quelli di uso comune prima del 1997, anno di entrata in vigore della prima legge che li regolamenta.

Guida Michelin: come nasce e come funziona

Era per agevolare tutti coloro che viaggiavano spesso in auto che, nei primi del Novecento, nasce la Guida Michelin.

I vantaggi di acquistare alimenti presso un negozio di prodotti tipici online

Acquistare alimenti di qualità su Internet, oggi, è diventata una vera e propria consuetudine affermata.

Prodotti alimentari: l'importanza della logistica per portare in tavola cibo di qualità

Affinché i prodotti alimentari arrivino fino in tavola in condizioni ottimali è necessario un complesso sistema logistico.

 

Salame Varzi

Il Salame Varzi DOP: un salume prodotto in una terra particolarmente vocata alla produzione di salami.

Salame Sant'Angelo IGP

Il salame Sant'Angelo è un insaccato a base di carne di maiale prodotto nella provincia di Messina.

Culatello di Zibello

Il culatello di Zibello: il salume italiano più pregiato e costoso, ma vediamo i suoi punti deboli.

Denominazioni DOP IGP e STG: come distinguerli

Per riconoscere gli ingredienti più autentici della nostra cucina sono stati messi a punto dei marchi: DOC, IGT, IGP e STG.