Formaggio Casatella Trevigiana DOP

La Casatella Trevigiana è un formaggio fresco che viene prodotto nella provincia di Treviso di tradizione secolare. Il nome stesso, casatella, deriva da "casa", poichè era un formaggio che spesso le massaie producevano artigianalmente nelle cucine di casa, utilizzando il latte fresco di giornata e strumenti rudimentali.
Le ricette popolari vedevano la casatella accompagnare fette di pane o di polenta abbrustolite. 

 

 

La Casatella Trevigiana ha ottenuto il marchio DOP nel giugno del 2008, secondo il disciplinare è obbligatorio riportare il marchio della casatella sull'involucro esterno protettivo.

Caratteristiche

Casatella Trevigiana

La Casatella Trevigiana si presenta di forma cilindrica, piccola (8-12 cm) o grande (18-22 cm), appartiene alla categoria dei formaggi molli, ha colore bianco o bianco crema, la crosta è lucida ma appena percepibile, la pasta è cremosa e compatta e, a volte, presenta una lieve occhiatura. Il suo gusto è delicato, fresco, latteo e lievemente acidulo. 

Produzione

La Casatella Trevigiana viene prodotta con solo latte vaccino delle razze Frisona, Pezzata Rossa e Bruna, rigorosamente allevate nella provincia di Treviso e alimentate a foraggio. Originariamente la casatella veniva prodotta per lo più in inverno, ma oggi, grazie ai nuovi metodi industriali e alla disponibilità di latte fresco tutto l'anno, si produce continuativamente.

 

 

Il latte deve essere lavorato entro le 48 ore dalla mungitura, viene prima riscaldato, poi acidificato e fatto coagulare. A questo punto si estrae la cagliata che viene posta in stampi cilindrici e fatta stufare a temperatura tra i 25 e i 40°C. Le casatelle si salano e si lasciano maturare in celle frigorifere con temperature tra i 2 e gli 8°C per circa 8 giorni, rivoltando le forme almeno due volte al giorno.

Dopo la maturazione seguono l'imballaggio ed il trasporto, che, data l'elevata delicatezza della casatella e la sua deperibilità, devono essere compiuti a temperature adeguate ed in tempi brevi.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità

Il latte: guida a una scelta di qualità

Il latte (intero, parzialmente scremato o a lunga conservazione): guida ad una scelta di qualità.

Etichette dei salumi: nel 2021 indicazione dell’origine obbligatoria

La normativa sull’etichettatura dei salumi ha subito una modifica temporanea, prevista dalla normativa italiana fino al 31 dicembre 2021 come periodo di prova.

Etichetta dei surgelati: novità e obblighi

L’etichetta dei surgelati deve avere le stesse indicazioni valide per gli altri alimenti, con alcune informazioni specifiche valide per il pesce surgelato.

Etichetta dei cibi per l’infanzia: obblighi e contenuto

L’etichetta per gli alimenti destinati all’infanzia è diversa a seconda che si tratti di prodotti per lattanti o per la prima infanzia.

 

Etichette delle uova: come leggerle e cosa devono contenere

L’etichetta delle uova si compone sia della stampigliatura impressa sull’uovo stesso, sia dell’etichetta dell’imballaggio.

Etichette dell’acqua minerale: normativa, classificazione e informazioni

L’etichetta dell’acqua minerale ha informazioni utili e obbligatorie per consentire una scelta consapevole dei propri consumi.

Etichette del pesce: come leggerle

L’etichetta del pesce deve contenere delle precise informazioni stabilite a livello comunitario e che facilitano la scelta durante l’acquisto.

Etichetta della carne: obblighi e nuova normativa

L’etichetta della carne ha di recente avuto un aggiornamento della sua normativa europea, che rende ancora più semplice la scelta del prodotto da acquistare.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.