Biologo nutrizionista: cosa fa, differenze col dietista

Il termine nutrizionista sta a indicare un generico operatore nel campo della nutrizione. In Italia non esiste nessuna precisa indicazione di legge per la generica figura del nutrizionista, un recente parere del Consiglio Superiore di Sanità definisce nutrizionista "lo specialista dell'alimentazione umana di diversa estrazione professionale medica e/o non medica (biologo, agronomo, farmacista, veterinario, ecc)".

 

 

Ben diverso è il discorso se al termine nutrizionista aggiungiamo la parola "biologo". Infatti la figura del biologo nutrizionista, sebbene poco conosciuta, è riconosciuta a livello legislativo ed è molto importante perché, come vedremo, questo professionista può operare in modo autonomo, senza la presenza del medico.

Chi è il biologo nutrizionista?

Biologo nutrizionista

Il biologo nutrizionista è un laureato in biologia (4 anni con il vecchio ordinamento, o 3 + 2 con la nuova riforma). Può, ma non è obbligato a conseguire la specializzazione in Scienze dell'Alimentazione che comunque, oltre ad arricchirlo culturalmente, gli permetterebbe di partecipare ai concorsi per cariche dirigenziali nella sanità pubblica (ad esempio dei SIAN, cioè del Servizio di Igiene e Alimenti).

C'è molta confusione in merito al ruolo del Biologo Nutrizionista e l'opinione comune è quella che l'elaborazione di una dieta sia un atto medico e che quindi tale atto possa essere svolto autonomamente solo da questa figura.

 

 

In realtà, l'art. 3 della legge 24.5.1967, n. 396 afferma testualmente che formano oggetto della professione di biologo le attività di "valutazione dei bisogni nutritivi ed energetici dell'uomo.".

Inoltre, grazie al Decreto 1/8/2005 del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Scientifica le scuole di specializzazione con percorso formativo che consente l'acquisizione di conoscenze teoriche scientifiche e professionali per la valutazione dello stato di nutrizione e dei bisogni nutritivi dell'uomo sono aperte tanto ai laureati in Medicina e Chirurgia, quanto ai laureati in Biologia.

Inoltre il Decreto Ministeriale 22 luglio 1993, n. 362 - (Tariffario professionale), indica tra le varie voci:

  • La determinazione della dieta ottimale umana individuale, in relazione ad accertate condizioni fisiopatologiche.
  • La determinazione delle diete ottimali per mense aziendali, collettività, gruppi sportivi, etc., in relazione alla loro composizione ed alle caratteristiche dei soggetti.
  • La determinazione di diete speciali per particolari accertate condizioni patologiche in ospedali, nosocomi, etc.

Possiamo quindi dire che il Biologo Nutrizionista è un professionista per cui esiste una norma giuridica che gli riconosce le competenze necessarie a valutare i fabbisogni nutrizionali e ad elaborare diete conseguenti alla valutazione in accertate condizioni fisiologiche.

 

 

"In accertate condizioni fisiologiche" significa che è sufficiente che un medico chirurgo (che può essere quello di base) accerti che il soggetto sia sano, oppure che abbia una determinata patologia, e poi il biologo nutrizionista può elaborare la dieta.

Un biologo nutrizionista può prescrivere diete in autonomia?

Resta da capire se un soggetto sano possa farsi elaborare una dieta da un biologo senza passare prima dal medico, anche solo per accertare l'assenza di patologie. Il parere del consiglio superiore della sanità del 12 Aprile 2011 afferma che "il biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio benessere, quale orientamento nutrizionale, finalizzato al miglioramento dello stato di salute". Se consideriamo il "profilo nutrizionale" alla stregua di una dieta, allora possiamo affermare che il biologo può elaborare autonomamente una dieta, cioè senza preventivo accertamento delle condizioni di salute del soggetto da parte di un medico, ai fini del miglioramento del suo stato di salute.

Resta il fatto che il biologo non può prescrivere una dieta, perché la prescrizione rimane un atto che solo il medico può fare, come ribadito dala sentenza n. 3527 del 18 febbraio 2011, che ha ribadito che "il biologo può solo suggerire o consigliare profili nutrizionali finalizzati al miglioramento dello stato di salute e mai, in nessun caso, può prescrivere una dieta come atto curativo, che rimane sempre un'attribuzione esclusiva del medico".

È interessante notare come, in Italia, la condizione di sovrappeso (IMC inferiore a 29,9) non sia considerata una condizione patologica (il soggetto in sovrappeso è considerato un individuo sano). Dunque, un biologo potrebbe elaborare una dieta ad un soggetto sano, con l'obiettivo di migliorare il suo stato di salute, per esempio elaborando una dieta ipocalorica ai fini del dimagrimento, facendo rimanere il suo Indice di Massa Corporea all'interno del range del normopeso o del sovrappeso? Oppure potrebbe elaborare una dieta ottimale ad uno sportivo? Secondo il nostro parere sì... Fino a prova contraria. Perché gli attriti tra i professionisti del settore sono tutt'altro che risolti e non sono da escludere sviluppi in senso diverso da quello ipotizzato.

Come diventare biologi nutrizionisti

Condizione necessaria per l'operare di un Biologo Nutrizionista è l'iscrizione all'ordine nazionale dei biologi tramite il pagamento di una quota che va poi rinnovata ogni anno.

Occorre sottolineare che un farmacista non può prescivere diete mentre un biologo nutrizionista iscritto all'albo lo può fare. Il 17 luglio 2003, dato l'aumento di prescrizioni dietetiche da parte di figure non competenti e non autorizzate, il Ministero della Salute ha risposto testualmente: "L'attività di prescrizione delle diete, infatti, è riservata in Italia alla professione di medico e di biologo e non a quella del farmacista".

Fino a prima dell'istituzione delle lauree triennali, il biologo nutrizionista era semplicemente un laureato in biologia iscritto all'albo.

Oggi, con l'istituzione di molti corsi di laurea le cose non sono cambiate ma bisogna fare attenzione perché sono di fatto nate figure professionali diverse nell'ambito della biologia. Per esempio un laureato in biologia della nutrizione, laurea triennale presente in diverse facoltà italiane (per esempio quella di Camerino), non essendo biologo a tutti gli effetti (è "biologo junior") e quindi non potendosi iscrivere all'albo, non può elaborare diete se non affiancato da un medico. In parole povere, un biologo della nutrizione è diverso da un biologo nutrizionista, poiché necessita della prescrizione del medico prima di poter elaborare una dieta. I laureati in biologia della nutrizione, con la laurea magistrale, possono diventare biologi a tutti gli effetti, e di conseguenza anche biologi nutrizionisti.

Del caso del dietista ci occupiamo nell'articolo specifico.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Dieta da 2000 calorie: caratteristiche principali

La dieta da 2000 calorie può essere seguita da soggetti sportivi, in prevalenza uomini, ma deve essere adattata alle caratteristiche personali.


Dieta lipidomica e analisi lipidomica: cosa dice la scienza?

La dieta lipidomica è basata sull'interazione tra geni, diete e profilo lipidico, teoria ancora ben lontana dall'essere applicabile.


Bere acqua fa dimagrire? L'opinione della scienza

Bere acqua riduce l'assunzione di calorie ai pasti secondo meccanismi ancora da definire e in misura maggiore rispetto ad altre bevande.


Alcol e massa muscolare: quali effetti?

La correlazione tra alcol e massa muscolare sembra essere basata su meccanismi ormonali e non, alcuni dei quali non sono stati ancora compresi del tutto.

 


Misurare la massa grassa: i metodi principali e più attendibili

Per misurare la massa grassa possono essere usati diversi metodi, che offrono una stima più o meno vicina al valore reale a seconda della metodica usata.


La dieta per l'osteoporosi

L'osteoporosi è una malattia molto diffusa nei paesi occidentali, e la dieta è molto importante per prevenirla e curarla.


Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.


Dieta per rafforzare il sistema immunitario: quando e se ha senso

L'alimentazione può essere utile in un'ottica di prevenzione nel lungo periodo per rafforzare il sistema immunitario, ma non ha un ruolo terapeutico.