Dietologo: il medico che si occupa di nutrizione

Il dietologo è un medico che, dopo essersi laureato in Medicina e Chirurgia (classe LM-41), si è abilitato ed ha intrapreso la specializzazione quinquennale in Scienze dell'Alimentazione, scuola questa, che può essere frequentata anche dal biologo, il quale però, a differenza del medico, non riceve una borsa di studio mensile.

 

 

Sia il medico che il biologo possono accedere alla scuola di specializzazione dopo il superamento di un concorso, diverso per le due categorie.

Cosa fa il dietologo?

Sia il dietologo che il biologo nutrizionista possono elaborare diete autonomamente, la differenza sta nel fatto che il dietologo, essendo medico, può anche fare diagnosi e prescrivere farmaci (ipoglicemizzanti orali per il paziente diabetico, antiipertensivi per quello iperteso, le statine per il paziente che non controlla il colesterolo…), mentre il biologo (ma anche il dietista o il farmacista) può solamente consigliare l'assunzione di sostanze che non sono farmaci (per esempio integratori). Il biologo nutrizionista può prescrivere diete a soggetti malati solo previo accertamento della malattia da parte di un medico e solo previo accertamento, da parte del medico, delle condizioni fisiche del paziente.

 

 

Dietologo

Il dietologo può svolgere la sua professione come libero professionista o come dipendente ospedaliero all'interno del servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica.

L'importanza del dietologo

In Italia il sovrappeso non è considerato una patologia e non esistono di fatto farmaci che vale la pena utilizzare per combattere l'eccesso di peso non patologico, dunque non è indispensabile essere dietologo (quindo medico) per fornire indicazioni alimentari a coloro che vogliono dimagrire, ma che non sono obesi (l'obesità è una vera e propria patologia).

Certamente il dietologo ha più competenze, in media, del dietista e del biologo nutrizionista, soprattutto per quanto riguarda il campo della medicina. Tuttavia per far dimagrire le persone occorrono doti molto particolari e multidisciplinari. Se consideriamo che il 90% dei soggetti che seguono una dieta falliscono, riprendendo i chili persi nel giro di qualche mese, possiamo concludere che il dietologo è il tra le figure che ottiene minor risultati, nel campo medico, e questo sicuramente non fa onore alla categoria.

Come scegliere il dietologo

 

 

L'approccio classico del dietologo, quello della prescrizione di una dieta con grammature, è fallimentare ed è ormai chiaro che occorre un approccio diverso che alcuni professionisti (dietologi e non) stanno adottando ma sono ancora la minoranza. Tale approccio prevede di convincere il soggetto a cambiare vita, aumentando l'attività fisica e soprattutto educandolo a mangiare diversamente, rendendolo responsabile del cambiamento. Il dietologo, in quanto medico, è spesso convinto di poter "curare" il soggetto in sovrappeso come se l'eccesso di peso fosse una normale patologia, al contrario, invece, il soggetto deve imparare a curarsi da solo, il dietologo dovrebbe semplicemente guidarlo in questo percorso di cambiamento.

Diverso è il caso in cui la prescrizione dietetica sia legata a una specifica patologia, come il diabete, l'ipertensione, la sindrome metabolica, la gotta, ecc. In questi casi è fondamentale la figura del dietologo, che ha la possibilità, oltre che di diagnosticare la patologia in atto, di integrare la dieta con opportune prescrizioni di farmaci.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Dieta


Colesterolo nella carne | Bianca o rossa? | Quale la migliore?

Tutti sanno che per abbassare il colesterolo bisogna mangiare meno carne... Ma siamo sicuri che sia vero?


Il vino fa bene o male?

Il vino fa bene o male? A basse dosi sembra essere benefico, ma le ultime ricerche lo stanno mettendo in dubbio. Una cosa è certa: l'alcol è cancerogeno, a qualsiasi dose.


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.


Fa ingrassare più la pizza o la piadina?

La pizza e la piadina sono due alimenti abbastanza critici per la linea. Ma quale dei due fa ingrassare di più?

 


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Fa ingrassare più la pasta o la pizza?

Fa ingrassare più la pasta o la pizza? In questo caso la risposta non è "dipende", ma possiamo tranquillamente dire che la pizza fa ingrassare di più!


Fa ingrassare più la pasta o il riso?

Questa domanda è particolarmente gettonata e la risposta è tutt'altro che scontata: fa ingrassare più la pasta o il riso?


Bere alcol fa digerire?

All’alcol viene spesso attribuito un effetto digestivo, che non è reale ma solo dovuto ad una sensazione momentanea.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.