Come usare al meglio la macchina sottovuoto

Preservare al meglio la freschezza, le sostanze nutritive e le proprietà del cibo, ma non solo: i modi in cui una macchina sottovuoto può agevolare la vita di tutti i giorni di ogni famiglia non finiscono qui. Una volta sottovuoto, infatti, gli alimenti si conservano più a lungo e occupano meno spazio, lasciando inalterati sapore e caratteristiche e con innegabili benefici persino a livello economico.

 

 

Esistono macchine più o meno professionali: una prima, generica suddivisione è quella tra apparecchi a campana o ad aspirazione esterna. Per un uso domestico può essere sufficiente una classica ad aspirazione esterna, piccola e con funzioni basiche, mentre un dispositivo più grande e con più funzionalità sarà certamente più potente e veloce, ma allo stesso tempo anche più costoso. Nelle prossime righe vi sveleremo alcuni segreti su come sfruttare al meglio i privilegi di questa tecnica di conservazione.

Il meccanismo del sottovuoto

Quali prodotti si possono conservare sottovuoto? La risposta è semplice: tutti. Frutta, verdura, carne, formaggi, pane, pasta e alimenti a base di cereali manterranno intatte le loro proprietà anche per lunghi periodi di tempo. Il funzionamento alla base della macchina sottovuoto è pratico e semplice, e permette in pochi passaggi di sigillare il sacchetto più adatto ad ogni singola necessità. Basterà aprire l’apparecchio, inserire il cibo all’interno del sacchetto da confezionare, regolare il sacchetto sulla bocca di aspirazione della macchina, chiudere quest’ultima e accendere il dispositivo per avviare il processo di svuotamento dell’aria. In genere sono in commercio due tipi di sacchetti, diversi per caratteristiche e da scegliere a seconda della singola attività. I sacchetti sottovuoto incisi, più diffusi nelle macchine di tipo domestico, sono caratterizzati da una superficie liscia e prodotti generalmente in polietilene poliammidico.

 

 

Peculiare è la loro struttura, ruvida o stampata sul retro, concepita apposta per la corretta estrazione dell’aria. I sacchetti sottovuoto lisci, invece, sono tipici delle attrezzature professionali: sono realizzati in poliammide con polietilene, un elemento che conferisce porosità al sacchetto e ha una funzione di barriera, per evitare perdite d’aria. I sacchetti sottovuoto lisci sono disponibili in vari spessori, che determinano la barriera protettiva della busta: ciò li rende il più possibile versatili in base a ciò che si confeziona. Sacchetti più sottili vengono utilizzati per gli alimenti destinati ad essere conservati per un breve periodo di tempo, come carne o pesce disossati e pasta, mentre quelli spessi, più resistenti e in grado di conservare per lungo tempo, sono dedicati a cibi di dimensioni più grandi.

Trucchi del sottovuoto

 

 

Per mantenere la freschezza dei prodotti più a lungo possibile, è utile ricordare alcune piccole raccomandazioni.

Quando si inserisce il prodotto all’interno del sacchetto da confezionare, ad esempio, è bene tenere il collo del sacchetto piegato e senza residui. Bisogna, infatti, far sì che nel sacchetto in cui viene introdotto l’alimento non rimangano resti di grasso, che potrebbero non far sigillare bene la busta.
Quando l’alimento viene posto all’interno del sacchetto deve essere posizionato sulla barra saldante, tenendo libera la bocca del sacchetto per procedere alla chiusura ermetica. Per garantire un corretto sottovuoto, è necessario che il sacchetto sia più piccolo della barra saldante perché in caso contrario potrebbero verificarsi delle fuoriuscite d’aria. Al termine del processo di saldatura, si dovrà attendere qualche secondo prima di accertarsi che il sistema abbia funzionato a dovere.

Va tenuto anche conto che alcuni modelli presentano delle particolari modalità, da regolare in base alla tipologia di alimento da confezionare: per questo bisogna assicurarsi di volta in volta che la macchina sia impostata correttamente, onde evitare che il sacchetto possa bucarsi o esplodere. Lo stesso sacchetto per l’imballaggio può essere riutilizzato fino a tre volte, in modo da risparmiare tempo, denaro e spazio.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Polpette di tonno e patate al forno

Cerchi una ricetta per far mangiare il pesce in modo divertente ai propri figli? Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalle polpette di tonno e patate al forno.

Torta di mele light: può un cibo essere dietetico?

Spesso i dolci sono spesso banditi dalle diete, anche se in realtà è possibile preparare torte leggere e non eccessivamente caloriche.

Torta tenerina: la ricetta originale

La torta tenerina è forse uno dei dolci più diffusi e preparati in Italia: semplicissimo da preparare e adatto anche a chi è alle prime armi.

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi

Guacamole allo zenzero con mele e gamberi: una variante sfiziosa della salsa di origine messicana, per stupire i vostri ospiti.

 

Vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati

La vellutata di castagne, quenelles di zucca e gamberi rossi lardellati è una ricetta un po' elaborata, ma che non richiede particolari abilità e di sicuro stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di spinaci con porri e fonduta di parmigiano

Gli gnocchi di spinaci sono una variante degli gnocchi tradizionali, scopriamoli in abbinamento a un letto di porri e alla fonduta di parmigiano.

Crostata meringata al limone e zenzero

La crostata meringata al limone e zenzero è una variante molto interessante del classico dolce di origine anglosassone.

Involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta

Gli involtini di sgombro ripieni di patate e uvetta sono una ricetta sfiziosa, non troppo complicata da realizzare, economica, salutare, e dall'impatto visivo molto interessante.