Artrosi d'anca

L'artrosi dell'anca, anche chiamata coxartrosi, è una patologia cronico degenerativa che evolve in modo lento e progressivo negli anni, e può portare a disabilità grave e costringere all'intervento di protesi d'anca. L'artrosi è di gran lunga la patologia più comune, nell'adulto, dell'articolazione dell'anca.

 

 

Nell'artrosi d'anca lo strato di cartilagine che riveste le ossa che compongono l'articolazione (l'acetabolo e la testa del femore) si assottiglia progressivamente, fino a scomparire, facendo venire a contatto le superfici delle due ossa. L'articolazione a questo punto mette in atto dei meccanismi di reazione, formando delle escrescenze ossee periferiche, di forma appuntita, che prendono il nome di osteofiti e che limitano l'escursione di movimento naturale dell'articolazione.

In una fase ancor più avanzata, l'artrosi causa l'ispessimento della capsula articolare e l'accorciamento dei muscoli, fino a determinare la deformità dell'articolazione. Il soggetto colpito da artrosi di lungo corso si presenta con le anche ruotate all'esterno, semiflesse e rigide.

Cause

Si definisce coxartrosi primitiva quell'artrosi che non è la conseguenza di una causa a monte. Attualmente sono ancora sconosciute le cause dell'artrosi d'anca primitiva, sebbene con il progredire delle conoscenze mediche sempre più coxartrosi vengono riconosciute come secondarie e solo una minoranza ormai viene riconosciuta come primitiva.

 

 

Le cause dell'artrosi d'anca secondaria sono gli esiti di frattura, la necrosi avascolare della testa del femore, la displasia dell'anca, l'impingement femoro-acetabolare o gli esiti di malattia più rare come quella di Perthes o di Paget. Più raramente la coxartrosi è causata da disordini di tipo sistemico come il morbo di Cushing, l'assunzione protratta di corticosteroidi, le malattie dismetaboliche.

I fattori che favoriscono l’insorgenza dell'artrosi d'anca sono molteplici, analizziamo quelli più comuni.

Età e sesso: nelle persone giovani e sane è pressoché inesistente, mentre aumenta esponenzialmente l'incidenza negli over 60, soprattutto se uomini.

Ereditarietà: all'interno della stessa famiglia è molto probabile riscontrare diversi casi.

Obesità: il peso eccessivo genera un carico anomalo sull'articolazione. I soggetti affetti da coxartrosi tra i 50 e i 60 anni molto spesso sono obesi.

Attività fisiche intense o lavori manuali pesanti, che causano un’usura precoce dell'articolazione.

Malformazioni anatomiche: provocano una scorretta distribuzione del carico ed una maggior pressione in alcune zone rispetto ad altre (per esempio il ginocchio valgo).

Menopausa: il calo degli estrogeni favorisce l'insorgenza della coxartrosi.

La maggior parte delle artrosi dell'anca secondarie, conseguenza di patologie preesistenti, sono causate da displasie dell'anca, soprattutto nelle femmine, e insorgono molto prima, tra i 35 e i 40 anni.

Artrosi d'anca

Sintomi

L'artrosi d'anca si manifesta con un dolore localizzato nella zona dell'inguine, con irradiazione lungo la parte anteriore della coscia (fino al ginocchio), o nella zona dei glutei. Il dolore aumenta con il movimento e caricando l'articolazione, e si allevia con il riposo.

Si instaura solitamente una zoppia "di fuga", per evitare di caricare l'arto dolorante; e una contrattura della muscolatura del bacino, che limita il movimento di extrarotazione e col passare del tempo, anche tutti gli altri movimenti. Quando la limitazione funzionale è in fase avanzata, il soggetto non riesce più ad eseguire gesti elementari, come allacciarsi le scarpe, e l'arto può subire una diminuzione di lunghezza sensibile.

Diagnosi

 

 

La diagnosi di artrosi d'anca è piuttosto semplice e si esegue con una radiografia in due proiezioni. Si ricercano principalmente quattro segni radiologici: la riduzione della rima articolare, l'addensamento dell'osso subcondrale, le cavitazioni dell'osso (geoidi) e gli osteofiti.

Terapia

Il trattamento conservativo dell'artrosi d'anca è principalmente atto a rallentare per quanto possibile l'evoluzione della malattia. Il trattamento farmacologico prevede l'assunzione ciclica, il più possibile non continuativa, di farmaci antinfiammatori e antidolorifici, da scegliere tra quelli che danno meno effetti collaterali. Si può valutare l'assunzione di integratori di glucosamina, che hanno dimostrato di avere una qualche efficacia, seppur modesta, per contrastare l'evoluzione della malattia.

Nei casi più gravi si può tentare di risolvere la sintomatologia dolorosa tramite l'assunzione di antinfiammatori steroidei, che rappresentano l'ultima spiaggia prima dell'intervento chirurgico.

Le terapie fisiche come il laser, gli ultrasuoni, l'elettroforesi sono poco efficaci per l'artrosi d'anca.

Una strategia molto efficace è rappresentata dal calo ponderale, soprattutto nei soggetti obesi ma anche in quelli in forte sovrappeso, perché una diminuzione ponderale importante comporta uno scarico notevole dell'articolazione che consente di alleviare in modo sensibile la sintomatologia dolorosa durante la deambulazione, e anche l'evoluzione della malattia.

Anche l'esercizio fisico è importante, per mantenere un buon tono muscolare e rallentare il processo di irrigidimento e di anchilosi dell'articolazione. L'attività fisica dovrebbe essere il più possibile in assenza di carico, dunque la bicicletta e soprattutto il nuoto sono le attività in assoluto da preferire, mentre tutti gli sport ad alto impatto (corsa, sport di squadra, sci) sono da evitare.

Se il trattamento conservativo non è efficace, l'unica soluzione definitiva è rappresentata dall'intervento di protesi d'anca.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.